IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 18/11/2016

Dichiarazione integrativa a favore iva, irpef, irap: novità nel decreto fiscale

Tempo di lettura: 1 minuto
le istruzioni per inviare i dati per il 730 precompilato 2015

Novità per la dichiarazione integrativa a favore del contribuente dopo l'approvazione alla Camera del decreto fiscale 193 collegato alla legge di stabilità 2017

Commenta Stampa

Sono numerose le modifiche apportate in sede di approvazione alla Camera al decreto legge 193 con le misure urgenti in materia fiscale. In particolare l'articolo 5 estende la possibilità per il contribuente di presentare la dichiarazione integrativa a favore (Irpef, Irap, sostituti d'imposta) oltre il termine per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d'imposta successivo. In tal caso il credito che dovesse emergere dalla dichiarazione presentata potrà essere utilizzato in compensazione. E' in ogni caso prevista la riduzione delle sanzioni in caso di ravvedimento e di regolarizzazione degli errori.

Per quanto riguarda la dichiarazione annuale IVA può essere integrata in senso favorevole entro i termini previsti per l'accertamento e l'eventuale credito derivante da un minor debito o da un maggior credito può essere

  • portato in detrazione in sede di liquidazione periodica o nella dichiarazione annuale,
  • utilizzato in compensazione
  • chiesto a rimborso se ricorrono i presupposti.

Tra i soggetti ammessi all'utilizzo in compensazione, in caso di dichiarazione integrativa IVA, sono inclusi i produttori agricoli.

La riduzione della sanzione in caso di ravvedimento e di regolarizzazione degli errori e delle omissioni, è stata estesa anche ai tributi doganali ed alle accise amministrati dall'Agenzia delle dogane e dei monopoli.  Di solito per questi tributi si applica la preclusione al ravvedimento, ma in caso di integrativa a favore il contribuente se ne può avvalere.
Si modifica la disciplina relativa allo scomputo dall'imposta delle ritenute alla fonte a titolo d'acconto e sui redditi sottoposti a tassazione separata. In particolare, per le ritenute operate nell'anno successivo a quello di competenza dei redditi ma anteriormente alla presentazione della dichiarazione, si consente di scegliere tra:

  • scomputarle dall'imposta relativa al periodo di competenza dei redditi,
  • scomputarle dall'imposta dovuta nel periodo di imposta nel quale le ritenute sono state operate.

Segui il Dossier dedicato alla Legge di Stabilità 2017 con tantissimi aggiornamenti, approfondimenti e le notizie quotidiane!
Inoltre ti segnaliamo i nostri prodotti in vendita sul Business Center sulle novità della Legge di Stabilità 2017:

... e tanto altro ancora!

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 SALVATORE ATZORI SALVATORE ATZORI - 19/11/2016
In caso di integrativa a favore di Iva di un anno antecedente i due anni, il credito può essere ricuperato anche se i termini per la richiesta di rimborso (due anni) é scaduta ?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Credito di imposta nuovi investimenti (excel)
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Rimborso trasferte 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 29,89 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Modello IVA 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 69,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Affrancamento terreni 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 34,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2021-02-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE