Rassegna stampa Pubblicato il 05/08/2015

Stop alla mobilità per i frontalieri in Svizzera

Con il Messaggio n. 5147/2015 l’INPS ha comunicato ufficialmente il superamento della legge 147/1997 e della Circolare 68/1998 sull’iscrizione dei lavoratori frontalieri alle liste di mobilità

A seguito del mancato rinnovo dell'Accordo di Berna sono decaduti gli effetti della legge n. 147/1997 che prevedeva per i lavoratori frontalieri italiani in Svizzera l’iscrizione alle liste di mobilità (ex lege  1991 n. 223) con diritto agli incentivi contributivi per i datori di lavoro in caso di assunzione . Questo quanto sottolineato dall’INPS nel messaggio n. 5147 del 3 agosto 2015. L’istituto sottolinea che comunque  anche i lavoratori frontalieri italiani in Svizzera che perdono il lavoro dal 2015 sono tutelati attraverso l’erogazione della Naspi ( dopo Disoccupazione ordinaria fino al 2012 e Aspi e MiniAspi dal 2013 al 2014).

Fonte: Inps




Prodotti per Assegni familiari e ammortizzatori sociali , Contributi Previdenziali, La rubrica del lavoro , Lavoro estero 2019

 
39,00 € + IVA
14,33 € + IVA
12,40 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)