IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 24/10/2013

Spesometro 2012 e 2013 verso l'esclusione delle P.A.

E' allo studio delle Entrate un provvedimento che dovrebbe escludere Stato, Regioni, enti locali e pubblici dallo spesometro per le annualità 2012 e 2013

Commenta Stampa

L'Agenzia delle Entrate sta studiando un provvedimento che dovrebbe escludere dall'obbligo dello spesometro le Pubbliche amministrazioni sia per il 2012 (la cui scadenza è il 12 novembre 2013 per i contribuenti mensili ed il 21 novembre 2013 per quelli trimestrali) che per il 2013 (in quest'ultimo caso, la scadenza di invio è prevista per il prossimo 30 aprile 2014). Si tratterebbe di una riedizione di quanto già avvenuto in passato per le annualità 2010 e 2011, quando l'esclusione delle P.A. dall'obbligo era stata motivata con le peculiari modalità di tenuta della contabilità da parte di tali enti, "che possono rendere particolarmente onerosa l'individuazione delle suddette operazioni rilevanti ai fini Iva, in ragione della difficoltà a effettuare una preliminare separazione delle operazioni effettuate".

Ti potrebbe interessare l'e-book Esterometro 2019 (eBook)

Resta aggiornato seguendo tutte le news pubblicate sul nostro Dossier dedicato all'Esterometro

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 miky miky - 24/10/2013
Allora, questa punizione biblica, questo ennesimo obbligo burocratico (che la storia ci ha dimostrato essere totalmente inutile e fine a se stesso) resterà solo per i "privati". Speriamo che qualcuno di lorsignori, tra le nebbie del fumo che ci buttano per farci credere che fanno qualcosa per stanare gli evasori, intraveda una lucina, un guizzo di razionalità, un led di intelligenza, e abolisca questa pacchiana pagliacciata che sortirà solo l'effetto di innondare di dati inutili allo scopo l'Agenzia delle entrate, e in mezzo a questo mare di numeri gli evasori, quelli veri, continueranno a sguazzare indisturbati. Ma davvero c'è qualcuno che pensa che i dati (identici a quelli presenti sui registri IVA) non rispecchieranno fedelmente i movimenti bancari ? Davvero c'è qualcuno che pensa che il danaro dell'evasione fiscale si mischi nei conti correnti con quello delle operazioni registrate ? Chi traffica con la droga, con la prostituzione, con i ricavi delle organizzazioni mafiose non ha partita IVA, e non srà neppure soggetto a tale obbligo, pur continuando a gestire i propri affari lucrosi e illegali; poi, come fanno a ripulire il danaro sporco, ritengo che sia ben noto, ma non emergerà certo dai dati del REDDITOMETRO.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE