Rassegna stampa Pubblicato il 12/04/2011

Frode carosello: spazio alla prova contraria

Nelle frode carosello se il contribuente fornisce la prova della sua buona fede e dell’estraneità ai fatti può detrarre l’Iva

Con la Sentenza n. 8132 dell’11 aprile 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che nel caso in cui il contribuente che ha ricevuto le fatture soggettivamente false fornisce elementi circa la sua buona fede ed estraneità ad eventuali frodi commesse da terzi, l’Iva è detraibile. Nella fattispecie, una società aveva acquistato metalli preziosi da un’altra impresa che tuttavia risultava, a posteriori, aver commesso gravi violazioni fiscali e non avere la struttura idonea a vendere le merci oggetto di fatture. In sostanza, questa impresa si era interposta tra il reale venditore e l’acquirente, consentendo la detrazione dell’Iva da parte del cessionario, a fronte dell’acquisto, mentre il tributo veniva omesso dal cedente. A questo punto, l’imprenditore acquirente deve dimostrare la propria buona fede nell’acquisto della merce e quindi la sua ignoranza incolpevole sul meccanismo fraudolento commesso da terzi.

Ti potrebbe interessare la "Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario"

per la difesa consulta la sezione  dedicata a "Difendersi dal Fisco".

In tema di nuovo processo tributario telematico ti puo essere utile il nuovo e-book "Processo tributario telematico"  di S. Mogorovich, aggiornato a dicembre 2018.

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Il processo tributario, Detraibilità dell'Iva

prodotto_fiscoetasse
20,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

17,00 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
14,33 € + IVA

IN PROMOZIONE A

13,37 € + IVA

fino al 15/07/2019

prodotto_fiscoetasse
99,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

84,15 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)