Normativa del 21/05/2018

Ecobonus: le regole per la cessione del credito d’imposta

ecobonus cessione credito chiarimenti

I chiarimenti dell'Agenzia sulla cessione del credito d’imposta per gli interventi di efficientamento energetico (c.d. Ecobonus) con Circolare del 18.05.2018 n. 11

Forma Giuridica: Prassi - Circolare
Numero 11 del 18/05/2018
Fonte: Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate, con Circolare del 18 maggio 2018 n. 11/E, fornisce chiarimenti in merito all’ambito applicativo della cessione del credito d’imposta per gli interventi di efficientamento energetico, anche alla luce delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2018, fermo restando che le modalità operative della cessione del credito da ultimo introdotte, a partire dal corrente anno, saranno disciplinate attraverso l’emanazione di un nuovo Provvedimento.

I contribuenti possono cedere il credito d’imposta sia ai fornitori che hanno effettuato l’intervento sia ad altri soggetti privati, tra i quali rientrano gli organismi associativi, inclusi consorzi e società consortili, anche se partecipati da soggetti finanziari, ma non in quota maggioritaria e senza detenerne il controllo.

Allo stesso modo, la cessione dell’Ecobonus può avvenire nei confronti delle Energy Service Companies (le cosiddette “Esco”, ovvero società che effettuano interventi per l’efficientamento energetico, accettando un rischio finanziario) e delle Società di Servizi Energetici (Sse) che offrono servizi integrati per la realizzazione e l’eventuale successiva gestione degli interventi di risparmio energetico.

La circolare ribadisce il divieto di cessione diretta a società finanziarie, fatta eccezione per i casi in cui il contribuente cedente sia un soggetto no tax area, unico caso nel quale la legge ammette l’eventuale cessione a banche e intermediari finanziari.

Ricordiamo che la legge di bilancio 2018 ha, esteso, a decorrere dal 1° gennaio 2018, la possibilità di cedere il credito corrispondente anche alla detrazione spettante per interventi effettuati sulle singole unità immobiliari confermando che:

  • il predetto credito può essere ceduto ai fornitori che hanno effettuato gli interventi nonché ad altri soggetti privati, con la facoltà per gli stessi di successiva cessione del credito, con esclusione delle banche e degli intermediari finanziari;
  • il credito può essere ceduto anche alle banche e agli intermediari finanziari da parte dei soli contribuenti che ricadono nella no tax area.

La medesima legge, a decorrere dal 1° gennaio 2018, ha, inoltre, modificato l’articolo 14 prevedendo, tra l’altro:

  • una nuova ipotesi di detrazione maggiorata per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, limitatamente alle zone sismiche 1, 2 e 3. La misura della detrazione è pari all’80 per cento delle spese in caso di passaggio ad una classe di rischio inferiore e all’85 per cento in caso di passaggio a due classi di rischio inferiore. La detrazione è ripartita in dieci quote annuali e si applica su un ammontare delle spese non superiore a 136 mila euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari del condominio;
  • il riconoscimento delle detrazioni anche agli enti aventi le stesse finalità sociali degli IACP, istituiti nella forma di società, che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house providing” e che siano state costituite e operanti alla data del 31 dicembre 2013, per interventi di efficienza energetica realizzati su immobili di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica, nonché alle cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci (articolo 14, comma 2-septies).

Per agevolare l’individuazione di questi interventi di riqualificazione energetica ammessi alla detrazione, nella Circolare vengono riportati in tabelle gli interventi incentivabili per i quali è possibile cedere la detrazione e le aliquote di detrazione che scaturiscono dalla legge di bilancio 2018.

Segui gratuitamente il dossier Risparmio energetico 2018

Potrebbe interessarti il nostro tool Calcolo ristrutturazioni e risparmio energetico: un file excel per calcolare e gestire negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico

Ti segnaliamo anche Ecobonus, Ristrutturazioni e Bonus mobili (eBook 2018) utile Guida alle agevolazioni 2018 per gli interventi sugli immobili, ristrutturazioni ecc., con 250 risposte a quesiti su casi pratici. 90 pagine + normativa





Prodotti per Ristrutturazioni Edilizie 2019, Circolari - Risoluzioni e risposte a Istanze, Dichiarazione 730/2019, Redditi Persone Fisiche 2019

 

GRATIS

 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)