nuovo spesometro proroga 2018

Normativa del 05/02/2018

Spesometro semplificato e proroga scadenza per l'invio dati II° semestre 2017

Slitta al 6 aprile 2018 il termine per l'invio dei dati delle fatture emesse e ricevute del secondo semestre 2017 e pubblicate le specifiche tecniche semplificate

Forma Giuridica: Normativa - Provvedimento
Numero 29190 del 05/02/2018
Fonte: Agenzia delle Entrate

C'è tempo fino al 6 aprile 2018 per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute relative al secondo semestre 2017 (la scadenza originariamente fissata al 28 febbraio, viene quindi fatta slittare di 2 mesi e poco più, ovvero al sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione del Provvedimento pubblicato oggi 5 febbraio 2018 n. 29190).

Alla stessa data è fissata la scadenza per le eventuali integrazioni e per la trasmissione telematica opzionale dei dati delle fatture emesse e ricevute. Inoltre, le comunicazioni delle fatture riferite alle operazioni del 2018, anche per chi esercita l’opzione, potranno essere inviate con cadenza trimestrale o semestrale.

Con il provvedimento di oggi si da il via allo Spesometro light, che recependo le novità introdotte dal decreto-legge n. 148 del 2017 finalizzate a semplificare il set informativo da trasmettere, illustra le regole tecniche semplificate per la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute e delle eventuali successive variazioni.

Tra queste semplificazioni viene prevista la possibilità di comunicare il documento riepilogativo delle fatture di importo inferiore a 300,00 euro.

Per ogni documento riepilogativo delle fatture emesse, i dati da comunicare sono:

  • il numero e la data di registrazione del documento;
  • la partita IVA del cedente/prestatore;
  • la base imponibile;
  • l’aliquota IVA applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Per ogni documento riepilogativo delle fatture ricevute, i dati da comunicare sono:

  • il numero e la data di registrazione del documento;
  • la partita IVA del cessionario/committente;
  • la base imponibile;
  • l’aliquota IVA applicata e l’imposta ovvero, ove l’operazione non comporti l’annotazione dell’imposta nel documento, la tipologia dell’operazione.

Per consentire agli operatori un periodo di consultazione delle nuove regole e per garantire il rispetto delle norme dello Statuto del contribuente la scadenza del 28 febbraio 2018 per la comunicazione dei dati delle fatture del secondo semestre 2017 viene spostata al 60° giorno successivo alla data di pubblicazione del provvedimento definitivo, e quindi al 6 aprile 2018.

In allegato:

  • Provvedimento Bozza dell'Agenzia delle Entrate del 05.02.2018 - Spesometro
  • Specifiche tecniche e regole per la compilazione dei dati delle fatture
  • Formato XML dati fattura - xlsx
  • Elenco dei controlli effettuati sul file dati fattura
  • Dati fattura - xsd

Per adempiere agli obblighi di invio dei dati delle fatture acquista il Software Nuovo Spesometro 2017, disponibile in diverse configurazione a seconda delle tue esigenze.

Ti puo' essere utile il foglio excel per il Riepilogo delle fatture inferiori a 300 euro

Segui gratuitamente il Dossier dedicato allo Spesometro 2018 con aggiornamenti, approfondimenti e news.
Ti potrebbe interessare inoltre l'eBook Spesometro 2018 (eBook)






Commenti

Noi contribuenti non abbiamo più nulla da commentare. La vicenda spesometro ha ormai del ridicolo e sarebbe degna delle commedie di TOTO' (DE Filippo sarebbe troppo) se non rappresentasse tragicamente l'ennesima inutile vessazione messa in campo da questo governo. L'unico risultato dello spesometro è quello di aumentare il costo burocratico a carico dell'impresa, a tutto favore di chi vende programmi informatici e (purtroppo) degli studi professionali dei quali, provvedimento dopo provvedimento, ormai non si può più fare a meno. Viene in mente la vecchia vicenda del SISTRI (mi pare si chiamasse così) quell'aggeggio misterioso che migliaia di trasportatori sono stati costretti ad acquistare, installare e...... non ha mai funzionato ???? (ma qualcuno che lo vendeva ha fatto affari d'oro). E così sono tutte quedste norme.... non si troveranno mai gli evasori.... ma qualcuno che ci guadagna c'è!

Commento di Miky (16:20 del 23/02/2018)

Non sono d'accordo. Totò era pur sempre un principe. La situazione è degna di un Alvaro Vitali di buona memoria.

Risposta di dawnraptor (11:31 del 26/02/2018) al commento di Miky

Concordo pienamente con Miky

Commento di Federico (17:45 del 24/02/2018)

Vorrei che qualcuno mi spiegasse a cosa serve inviare i dati riepilogativi, dato che non risultano le partite iva dei clienti e dei fornitori riepilogati... Siamo oltre l'ammazzacaffè, altro che frutta, siamo al diger-selz. Ci voleva tanto ad esentare dagli invii i ristoranti e chi registra le fatture emesse sui corrispettivi, come peraltro previsto dalla legge iva? Bah, lo schifo, lo schifo...

Commento di dawnraptor (11:03 del 26/02/2018)

Salve, qualcuno saprebbe dirmi se la presentazione avviene in formato excel come a settembre o si ritorna al xml di prima? Grazie mille

Commento di Giulia (11:51 del 09/03/2018)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)