Normativa del 11/04/2017

Testo Unico sulle successioni e donazioni

testo unico successione e donazione

Testo Unico delle disposizioni concernenti l'imposta sulle successioni e donazioni, Dlgs del 31 ottobre 1990, n. 346; vigente a gennaio 2017

Forma Giuridica: Normativa - Decreto Legislativo
Numero 346 del 31/10/1990
Fonte: Ministero dell'Economia e delle Finanze
Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta sulle successioni e donazioni.
(N.D.R.: Ai sensi dell'art.2, comma 47 decreto-legge 3 ottobre 2006 n.262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006 n 286, è istituita l'imposta sulle successioni e donazioni sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, secondo le disposizioni del presente testo unico nel testo vigente alla data del 24 ottobre 2001, fatto salvo quanto previsto dai commi da 48 a 54 dell'art.2 del cit. D.L. n.262 del 2006. Per la decorrenza vedasi quanto disposto dal comma 53 dell'art.2 D.L. n.262 del 2006. L'art.13 L. 18 ottobre 2001 n.383 aveva disposto la soppressione dell'imposta di successione e donazione.) (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 277 del 27/11/1990 - Suppl. Ordinario n. 75)
Vigente a Gennaio 2017.
Testo aggiornato con le ultime modifiche introdotte dal:

DECRETO 23 dicembre 2016, (in G.U. 31/12/2016, n.305) che ha disposto:

  • (con l'art. 1, comma 2) la modifica dell'art. 17, comma 1, lettere a) e b). 31/12/2016
  • (con l'art. 2, comma 1) la modifica dell'art. 17, comma 1, lettere a) e b)

Ti potrebbe interessare il nostro Pacchetto Successione e Donazione contenente un eBook Dichiarazione di successione e 2 tools in excel per il calcolo imposte di Successioni e Donazioni e valore dell'usufrutto e l'ebook Donare ai figli: le regole della tassazione dei beni in Italia e all'Estero nella della donazione ai figli, con normativa di riferimento e casi pratici.





Prodotti per Codici e Testi Unici, Leggi e Decreti, Eredità e Successione 2019, Successioni e Donazioni

prodotto_fiscoetasse
10,57 € + IVA

IN PROMOZIONE A

8,93 € + IVA

fino al 31/12/2019

prodotto_fiscoetasse
24,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

20,40 € + IVA

fino al 31/12/2019

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO A

12,90 €


Commenti

La normativa non è ben aggiornata, per esempio l'art. 1 è cambiato già dal 2006!!

Commento di Nicolo' (11:40 del 08/06/2012)

Gentile Sig. Nicolò, il testo del testo unico in allegato è invece aggiornato, se vede anche nella descrizione c'è scritto "Ai sensi dell'art.2, comma 47 decreto-legge 3 ottobre 2006 n.262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006 n 286, è istituita l'imposta sulle successioni e donazioni sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte, per donazione o a titolo gratuito e sulla costituzione di vincoli di destinazione, secondo le disposizioni del presente testo unico nel testo vigente alla data del 24 ottobre 2001, fatto salvo quanto previsto dai commi da 48 a 54 dell'art.2 del cit. D.L. n.262 del 2006." un saluto

Commento di Claudia Tossani (13:18 del 08/06/2012)

eredita fra fratelli si può fare testamentoe per altre persone e annullare l'eredità all'eventuale fratello

Commento di bruna canepa (14:23 del 08/11/2013)

Direi di si, nel caso sia presente solo un fratello (quindi senza altri parenti tutelati dalla successione legittima) si può escludere dall'eredità facendo testamento.
Le ricordo che la legge prevede dei limiti alla possibilità che si disponga del proprio patrimonio lasciando i beni al di fuori della famiglia, solo se presenti alcuni soggetti, ovvero qualunque sia la volontà di chi scrive un testamento, ci sono alcuni soggetti ai quali è riservata comunque una quota dell’eredità, che per questo è definita quota legittima;
Questi soggetti sono:
- il coniuge anche separato purché senza colpa, e fino a quando non intervenga sentenza di divorzio
- i figli, che sono considerati allo stesso modo sia che siano legittimi, legittimati, adottivi e naturali
- i genitori, in mancanza di figli

Commento di Claudia Tossani (11:47 del 20/11/2013)

Un cittadino italiano residente fino al 1972 nel Comune di Postiglione (SA), nello stesso anno si trasferisce negli USA e nel febbraio 1998 muore negli USA. Per coloro che decedono nel Comune di Postiglione la dichiarazione di successione viene presentata normalmente all'Agenzia delle Entrate di Eboli. La Direzione Territoriale di Pescara mi dice che va presentata ad Eboli, siccome fino al 1972 risiedeva stabilmente a Postiglione. L'Agenzia delle Entrate di Eboli per altri motivi dice che la debbo presentare all'Ufficio Territoriale di Roma6 via Canton n.20 00144 Roma. Dove la debbo presentare. Grazie della collaborazione. Giovanni Pisano. [email protected]

Commento di GIOVANNI PISANO (13:00 del 08/01/2014)

ho un allevamento di cavalli , data l'enorme crisi del settore devo ridurre drasticamente il numero degli stessi,ho tre fattrici che sono vecchie e non si riesce a venderle,non volendo sopprimerle ho trovato dei privati ai quali regalarle.Fiscalmente per agire in maniera corretta come mi devo comportare ? posso fare una donazione con una semplice autocertificazione ? Grazie a chi cortesemente mi può dare una risposta chiara ed esauriente .

Commento di GIACOMO VISCARDI (13:56 del 07/10/2014)

Gentile Sig. Nicolò, vorrei chiederle un parere, mia madre è deceduta a dicembre, ed io sono l'unico figlio, nella casa materna vive con residenza anche mio zio il fratello di mia madre, posso chiedere l'affitto o allontanarlo dalla casa materna?

Commento di massimo (12:21 del 03/01/2015)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)