Domanda e Risposta Pubblicato il 02/12/2014

L'imposta sostitutiva sul TFR è a carico del datore di lavoro?

L'imposta sostitutiva annuale sul TFR viene scalata dal capitale acccantonato dal lavoratore

No. L'imposta sostitutiva dovuta sul Tfr, anche se versata dal datore di lavoro, è a carico del lavoratore e quindi la stessa va portata a riduzione del fondo TFR in sede di accantonamento al 31.12.2014.
Ai fini dell’applicazione dell’imposta sostitutiva e, di conseguenza, del calcolo dell'acconto da versare, è necessario considerare la scelta operata dai lavoratori circa la destinazione del TFR, ossia se lo stesso:
• è mantenuto in azienda (e in tal caso, va distinto il caso in cui l'azienda abbia meno di 50 dipendenti oppure da 50 dipendenti in su);
• è destinato ad un Fondo pensione.
Per una modifica normativa  ,  sulle quote maturate dal 1.1.2007 in aziende con meno di  50 dipendenti l'imposta va calcolata come in precedenz sulla quota di rivalutazione,  mentre in aziende con 50 o più  dipendenti  l'imposta sostitutiva si versa anche sulla quota destinata al Fondo di Tesoreria.
Sempre per le quote maturate dal 2007, per tutte le aziende, il TFR destinato a Fondo pensione complementare  non è soggetto a imposta sostitutiva sulla rivalutazione

Ti puo interessare l'ebook "Il welfare aziendale" di P.Stern et al.

E' disponibile  anche un utile  foglio excel  "Calcolo valore usufrutto e rendite "  aggiornato al 2018  - di A. Pegoraro




Prodotti consigliati per te

 
4,90 € + IVA
32,00 € + IVA
27,20 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)