Domanda e Risposta Pubblicato il 05/10/2010

Valore immobile : nei trasferimenti immobiliari quali regole per l'accertamento di valore?

Per gli accertamenti nei trasferimenti immobiliari, il valore immobile è dato dal "valore normale" dichiarato dalle parti nell'atto.

L'accertamento del valore di trasferimento dell'immobile per l'applicazione dell'imposta di registro si basa sul valore del bene o del diritto che costituisce il trasferimento, che può coincidere con il valore dichiarato dalle parti in atto o, se superiore, con il corrispettivo pattuito. Per gli atti che hanno per oggetto beni immobili o diritti reali immobiliari si intende per valore quello venale in comune commercio.

In presenza di determinati requisiti soggettivi e oggettivi, si applica il criterio della “valutazione automatica” quale criterio opzionale applicabile su richiesta della parte acquirente. La valutazione automatica si applica solo per le cessioni nei confronti di persone fisiche che non esercenti attività commerciali, artistiche o professionali, aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e relative pertinenze, che lo richiedano espressamente nell'atto di compravendita indipendentemente dal corrispettivo pattuito. Le parti hanno comunque l’obbligo di indicare nell’atto il corrispettivo pattuito.

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)




Prodotti consigliati per te

14,90 € + IVA
13,90 € + IVA
14,33 € + IVA
12,40 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)