Domanda e Risposta Pubblicato il 08/09/2015

Cosa si intende per partecipazione qualificata?

Ecco la definizione di partecipazione qualificata che si trova nell'art. 67 del Tuir

 
Per partecipazioni qualificate si intendono le azioni (diverse dalle azioni di risparmio) e ogni altra partecipazione al capitale o al patrimonio della società partecipata contraddistinte da una percentuale di diritti di voto esercitabili nell’assemblea ordinaria superiore al 2% o al 20%, ovvero una partecipazione al capitale o al patrimonio superiore al 5% o al 25%, a seconda che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni.
 
La definizione di partecipazione qualificata si trova nell'art. 67 del Dpr 917/1986 che alla lett. c  recita testualmente:
"c) ........... Costituisce cessione di partecipazioni qualificate la cessione di azioni, diverse dalle azioni di risparmio,e di ogni altra partecipazione al capitale od al patrimonio delle societa' di cui all'articolo 5, escluse le associazioni di cui al comma 3, lettera c), e dei soggetti di cui all'articolo 73, comma 1, lettere a), b) e d), nonche' la cessione di diritti o titoli attraverso cui possono essere acquisite le predette partecipazioni, qualora le partecipazioni, i diritti o titoli ceduti rappresentino, complessivamente, una percentuale di diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria superiore al 2 o al 20 per cento ovvero una partecipazione al capitale od al patrimonio superiore al 5 o al 25 per cento, secondo che si tratti di titoli negoziati in mercati regolamentati o di altre partecipazioni.
Per i diritti o titoli attraverso cui possono essere acquisite partecipazioni si tiene conto delle percentuali potenzialmente ricollegabili alle predette partecipazioni. La percentuale di diritti di voto e di partecipazione e' determinata tenendo conto di tutte le cessioni effettuate nel corso di dodici mesi, ancorche' nei confronti di soggetti diversi.
Tale disposizione si applica dalla data in cui le partecipazioni, i titoli ed i diritti posseduti rappresentano una percentuale di diritti di voto o di partecipazione superiore alle percentuali suindicate. .........."

Un interessante foglio di calcolo ed un ebook dedicato a tutte le novità in vigore dal 1° luglio 2014. Obiettivo è analizzare la tassazione delle rendite finanziarie e individuare il corretto regime di tassazione per dividendi e capital gain (realizzo di partecipazioni) evidenziando automaticamente il conteggio imposte.
 

Commenti

ma se ho una partecipazione del 23% (cioè superiore al 20% per quanto riguarda il diritto di voto, ma inferiore al 25% per quanto riguarda la partecipazione al patrimonio) tale partecipazione viene considerata qualificata?

Commento di ANNARITA GRAZIANI (08:45 del 17/09/2010)

direi si.

Commento di Luigia (21:28 del 15/12/2010)

dipende dalla tipo di società. Nelle società di persone il criterio da seguire è la partecipazione al capitale.

Risposta di CRICRI (18:59 del 26/01/2011) al commento di Luigia

se ho una partecipazione del 20,0066% la considero qualificata o no?

Commento di alfredo (20:54 del 20/05/2011)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)