Pubblicato il 09/04/2014

Tuir - nuovo testo Unico delle imposte sui redditi

Forma Giuridica: Normativa - Decreto del Presidente della Repubblica
Numero 917 del 22/12/1986

Tuir - Testo Unico delle imposte sui redditi - D.P.R. del 22 Dicembre 1986 n. 917 aggiornato ad aprile 2014

Immagine FiscoeTasse

Nuovo Testo Unico delle imposte sui redditi (Tuir) (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 1986) aggiornato con le ultime modifiche apportate dal DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 44.

Vigente al 9 aprile 2014.

TITOLO I : IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE

  • CAPO I : DISPOSIZIONI GENERALI
  • CAPO II : REDDITI FONDIARI
  • CAPO III : REDDITI DI CAPITALE
  • CAPO IV : REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE
  • CAPO V : REDDITI DI LAVORO AUTONOMO
  • CAPO VI : REDDITI DI IMPRESA
  • CAPO VII : REDDITI DIVERSI

TITOLO II : IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE GIURIDICHE

  • CAPO I : DISPOSIZIONI GENERALI
  • CAPO II : SOCIETA' ED ENTI COMMERCIALI
  • CAPO III : ENTI NON COMMERCIALI
  • CAPO IV : SOCIETA' ED ENTI NON RESIDENTI

TITOLO III : IMPOSTA LOCALE SUI REDDITI
TITOLO IV : DISPOSIZIONI COMUNI
TITOLO V : DISPOSIZIONI VARIE, TRANSITORIE E FINALI

Ultime norme di modifica del Testo Unico:

  • Il DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2013, n. 149 (in G.U. 28/12/2013, n.303) , convertito con modificazioni dalla L. 21 febbraio 2014, n. 13 (in G.U. 26/02/2014, n. 47), ha disposto (con l'art. 14, comma 5) l'abrogazione del comma 1-bis dell'art. 15.
  • Il DECRETO-LEGGE 28 dicembre 2013, n. 149 (in G.U. 28/12/2013, n.303) , convertito con modificazioni dalla L. 21 febbraio 2014, n. 13 (in G.U. 26/02/2014, n. 47), ha disposto (con l'art. 14, comma 5) la modifica dell'art. 78, comma 1.
  • Il DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 44 (in G.U. 25/03/2014, n.70) ha disposto (con l'art. 12, comma 1, lettera a)) la modifica dell'art. 73, comma 5-quater;(con l'art. 12, comma 1, lettera b)) la modifica dell'art. 73, comma 5-quinquies.

Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 89,90 € invece di 139,60 € fino al 30/11/2014
Utilità e Fogli di calcolo per la valutazione d'azienda e la stesura della perizia per la rivalutazione e affrancamento di partecipazioni e terreni
Scaricalo in PROMOZIONE a 34,90 € invece di 55,70 € fino al 30/11/2014
Utile pacchetto contenente la Guida sulla cedolare secca, il file excel per il calcolo della convenienza e una raccolta di 40 formule in word sulla locazione
Scaricalo in PROMOZIONE a 24,90 € invece di 33,80 € fino al 30/11/2014
Un interessante foglio di calcolo ed un ebook dedicato a tutte le novità in vigore dal 1° luglio 2014. Obiettivo è analizzare la tassazione delle rendite finanziarie e individuare il corretto regime di tassazione per dividendi e capital gain (realizzo di partecipazioni) evidenziando automaticamente il conteggio imposte.
Scaricalo subito a 29,90 €
File excel per la gestione fiscale del nuovo regime Forfetario in vigore dal 2015, dalla verifica dei requisiti di accesso al calcolo della convenienza
Scaricalo subito a 24,90 €
Un file excel per determinare e gestire correttamente negli anni, le detrazioni e i benefici fiscali derivanti da interventi di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico nel rispetto della normativa in essere. Utile per gestire correttamente la fatturazione lavori, sfruttando al meglio le detrazioni e i plafond disponibili.
Scaricalo in PROMOZIONE a 16,90 € invece di 19,90 € fino al 30/11/2014
Foglio di calcolo per eseguire il test di operatività “società di comodo” e test sulle perdite sistematiche aggiornato con novità del decreto semplificazioni
Scaricalo in PROMOZIONE a 16,90 € invece di 18,90 € fino al 30/11/2014
Calcolo della convenienza ed eventuale risparmio fiscale ottenibile con il pagamento dell’imposta sostitutiva per l’affrancamento delle partecipazioni
Scaricalo in PROMOZIONE a 16,90 € invece di 18,90 € fino al 30/11/2014
Calcolo della convenienza fiscale ottenibile con il pagamento dell’imposta sostitutiva per affrancamento del valore dei terreni edificabili e agricoli
Scaricalo subito a 18,00 €
Scopri la convenienza del pacchetto: 14,75 + Iva invece di 21,20 + Iva!
Il pacchetto contiene:
Scaricalo subito a 14,90 €
Foglio di calcolo che determina il credito di imposta spettante per l'acquisto di macchinari nuovi (Bonus impianti del 15% nel Decreto competitività) effettuati dal 25.06.2014 al 30.06.2015.
Scaricalo subito a 14,90 €
Questo foglio di calcolo permette di individuare il corretto regime di tassazione per dividendi e capital gain (realizzo di partecipazioni) evidenziando automaticamente il conteggio imposte. Il file è aggiornato con le modifiche normative introdotte dal DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66
Scaricalo in PROMOZIONE a 10,90 € invece di 12,90 € fino al 30/11/2014
Foglio in excel per il calcolo della quota di ammortamento deducibile dei fabbricati strumentali iscritti in bilancio con scorporo del valore del terreno
Scaricalo subito a 9,90 €
Questo utile foglio di calcolo permette una rapida gestione nella determinazione dei Ratei e Risconti relativi ad una realtà economica.
Scaricalo subito a 8,90 €
File excel utile per il calcolo delle detrazioni Irpef per familiari a carico e per lavoro per l'anno 2014, inserendo le diverse tipologie di reddito
Scaricalo subito a 7,90 €
Foglio di calcolo per la contabilizzazione del costo di acquisto riferito alla cessione contratto di leasing in corso, in capo al cessionario.

Commenti

Mia moglie ha lasciato il lavoro il 28/12/2006. Ha avuto un incentivo all'uscita. E' nata il 29/5/45.

Vorrei conoscere che aliquota si applica alla erogazione extra. avendo un'età al momento dell'uscita di oltre 60 anni.

Grazie

- Commento di panuccio domenico (16:02 del 26/10/2010)

Ho avuto un accertamento fiscale in riferimento al periodo di imposta 2007,dove mi si contesta il recupero degli interessi passivi sul mutuo prima casa.Faccio presente che alla data di riferimento dell'accertamento, ero socio di una coop.a proprietà divisa, con regolare assegnazione di alloggio avvenuta nel 2004, e che lo sesso alloggio e stato roggitato con atto notarile il 2008.

- Commento di pietro (10:41 del 11/01/2011)

Queste sono le istruzioni all'Unico! "Nel caso di mutui ipotecari indivisi stipulati da cooperative o da imprese costruttrici, il diritto alla detrazione spetta agli assegnatari o agli acquirenti in relazione agli interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione rimborsati da questi ai contraenti di questi. Per avere diritto alla detrazione, anche se le somme sono state pagate dagli assegnatari di alloggi cooperativi destinati a proprietà divisa, vale non il momento del formale atto di assegnazione redatto dal notaio o quello dell’acquisto, ma il momento della delibera di assegnazione dell’alloggio, con conseguente assunzione dell’obbligo di pagamento del mutuo e di immissione nel possesso. In tal caso il pagamento degli interessi relativi al mutuo può essere anche certificato dalla documentazione rilasciata dalla cooperativa intestataria del mutuo." Quindi a me sembra Lei abbia ragione.

- Risposta di Luigia (21:11 del 11/01/2011) al commento di pietro

avrei bisogno di alcuni chiarimenti in merito al coniuge a carico: a)non sono separata legalmente b)lui vive in un'altra città c)l'unica fonte di redditto familiare è la sottoscritta. fornendo questi dati e comunque risultiamo coniugati, posso chiedere le detrazioni di cui all'art. 12 lettera a)? La ringrazio cordialmente Peroni Daniela

- Commento di peroni daniela (12:35 del 12/01/2011)

Nelle istruzioni al 730/2011 non è chiaro se le spese per abbonamento al trasporto sono detraibili anche quest'anno. In caso positivo in quale rigo del 730 vanno indicate? Mentre l'anno scorso erano specificamente previste , quest'anno no. Grazie.

- Commento di renzo ottantadue (23:44 del 07/04/2011)

Si, la detrazione per trasporti pubblici prevista per il 2008 e 2009, non è stata confermata per il 2010 e il 2011. Per questo motivo le istruzioni non la indicano. buona giornata

- Risposta di Luigia Lumia (08:13 del 08/04/2011) al commento di renzo ottantadue

Ricevo annualmente un assegno vitalizio dalla Cassa Ufficiali e sul quale viene effettuata ritenuta irpef.Sul cud inviatomi dal gestore,viene specificato^^redditi per i quali è possibile fruire della intera detrazione di cui all'art.13 comma1,2,3,4 del TUIR.Vi sono grato se vorreste chiarirmi in quale specchio o rigo devo riportare tale cifra.-Grazie

- Commento di francesco vacal (13:47 del 12/04/2011)

Salve, nel 2010 ho ceduto delle obbligazioni in regime di risparmio amministrato realizzando una plusvalenza che è stata regolarmente tassata alla fonte (capital gain)come da prospetto dell'Istituto Bancario (e conseguente sddebito su C/C) Leggendo qua e la mi sembra di aver capito che non sussiste l'obbligo da parte mia di riportare nella dichiarazione dei redditi l'indicazione di tale provento. Vorrei avere conferma di ciò e vorrei sapere quali sono con esattezza gli articoli del DPR 917/86 e/o successive modifiche che comproverebbero il non obbligo di indicarlo in dichiarazione dei redditi. Grazie

- Commento di roberto (22:59 del 14/04/2011)

Articolo 91 tuir - Proventi e oneri non computabili nella determinazione del reddito. 1. Non concorrono alla formazione del reddito:b)i proventi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva. se vuole informazioni sul regime amministrato questo è disciplinato dal comma 6 del DLlgs.461/97

- Risposta di Jengo (12:12 del 20/04/2011) al commento di roberto

dunque..., premesso che per cattiva sorte non sono riuscito a vendere prima la casa di cui usufruivo di agevolazioni, trasferendomi con la residenza in una nuova casa acquistata grazie ad un mutuo, domando gentilmente se posso detrarre per lo meno gli interessi passivi sulla nuova abitazione principale, pur avendo di proprieta due case... faccio presente che nell'atto di compravendita non ho dichiarato di avvalermi di alcuna agevolazione, versando l'IVA per intero, né tanto meno di chiederne il rimborso sul credito d'imposta. Cmq documentandomi, nella mia ignoranza in materia, non viene specificato chiaramente sul TUIR all'art 15 com 1 lett.b se per abitazione principale debba escludersi ogni altra proprietà. Sapreste dirmi, quindi, se ai fini delle agevolazioni fiscali la detrazione annuale del 19% degli interessi passivi esula o viceversa è subordinata anchessa ai requisiti previsti per l'acquisto della prima casa? Vi ringrazio di cuore Pietro

- Commento di pietro (22:39 del 19/04/2011)

Sono titolare di una assicurazione privata e mio figlio, studente universitario, che è il benificiario percepisce una somma annuale da parte di questa assicurazione(INA). Questa somma fa reddito (reddito diverso?) e quindi va dichiarata? (è tassata alla fonte.Sono tre anni che la percepisce e solo questo anno è arrivato il CUD relativo al 2010. Grazie e cordiali saluti. Annalita.

- Commento di Annalita (16:28 del 21/05/2011)

ho percepito nel 2010 compensi per provvigioni dall'alleanza assicurazioni,in quale rigo del uadro L.modell unico 2011 devoindicarli? grazie

- Risposta di MARIO (15:16 del 22/06/2011) al commento di Annalita

IMPONIBILE O NON IMPONIBILE: Il mio datore di lavoro ha costituito nel 2006 un fondo a parte per la previdenza integrativa versando in un fondo pensioni aperto dell'INA Assicurazioni contributi definiti. All'atto della liquidazione in unica soluzione richiesta dalle persone interessate, l'INA ha effettuato il versamento delle somme al netto di una tassazione pari a circa il 29% tra addizionale regionale, addizionale comunale e imposta irpef. L'importo liquidato dall'Assicurazione,riveniente da somme annuali fisse versate, è soggetto a tassazione ed eventualmente in che percentuali? Rongrazio.

- Risposta di Rino (00:10 del 23/07/2011) al commento di Annalita

Ho quattro figli di cui la prima dal mio precedente matrimonio con detrazioni al 100% e gli altri tre al 100% al mio attuale marito. Sono in mobilità fino ad agosto quindi solo fino ad allora avrò le detrazioni a carico della mia prima figlia. Il prossimo anno potrò mettere a carico di mio marito sia mia figlia che io? visto che dal divorzio del 1995 fosse stato deciso che la bambina venisse affidata a me.(non congiunto)grazie attendo risposta. P.S.faccio presente che mi sono rivolta all'ufficio delle entrate dove mi hanno confermato il diritto al mio attuale marito di percepire anche le detrazioni di mia figlia che fa naturalmente parte del nostro nucleo familiare

- Commento di Raffaella (11:56 del 10/07/2011)

dopo aver subito una verifica fiscale, della mia attività commerciale, conclusasi con il processo verbale di constatazione, quali sono i tempi massimi per l'invio da parte dell'agenzia delle entrate di un eventuale cartella?

- Commento di luigi (18:15 del 16/09/2011)

Mia moglie e'intestataria di un immobile e di un mutuo.pochi mesi dopo la stipula,ha perso il posto di lavoro.essendo fiscalmente a carico mio,posso detrarre gli intessi passivi del mutuo?

- Commento di Andrea (15:56 del 17/12/2011)

Buon giorno

se vado a concordare con mio marito un assegno di mantenimento a fronte di divorzio per un importo lordo di 1900€ (22800€ anno), quanto percepirò al netto considerando che possego una casa di proprietà e null'altro? Grazie mille Stefania

- Commento di Stefania (12:52 del 06/03/2012)

SONO SOCIO DI UN COMITATO,GESTIAMO LA PIAZZA,AUTORIZZATI DALL'AMMINISTRAZIONE,ED ABBIAMO ISTALLATO UN CHIOSCO DOVE METTIAMO A DISPOSIZIONE DEGLI ALIMENTI,COME PATATINE,MERENDINE,CAFFE,BIBITE,TUTTO IMBUSTATO,I PROVENTI VENGONO ADOPERATI PER DEI RESTAURI DELLA PIAZZA,COME,RIPARARE LE RETI DEL CAMPETTO,RIPARARE IL PRATO PER I GIOCHI DEI BAMBINI,MANUTENTARE LE PIANTE,PULIRE LA PIAZZA,COMPRARE I GIOCHI PER I BAMBINI,ECC.ECC.. FISCALMENTE COME DOBBIAMO COMPORTRCI. GRAZIE.ROERTO

- Commento di ROERTO (08:57 del 18/03/2012)

sono pensionato dal 1/1/2011 e sono stato liquidato da CONFAPI, dall'importo che mi hanno dato c'è una cifra che va messa nel 730 come tassazione ordinaria, vorrei sapere cortesemente in che rigo del 730 devo immettere sia la ritenuta IRPEF che le addizionali regionale e comunale. Se qualcuno mi fa questa cortesia ringrazio anticipatamente

- Commento di PIETRO (13:21 del 27/03/2012)

Salve, sono un intermediario assicurativo, non ho patita Iva, e la società assicuratrice mi ha rilasciato la certificazione dei redditi del 2011, operando la relativa ritenuta di acconto ai sensi dell'art.4 comma 6 ter del dpr 22.07.1998 n.322. Vorrei conoscere quale quadro del mod unico devo adoperare e quali spese inerenti l'attività posso scaricare? Grazie dell'attenzione

- Commento di domenico (10:38 del 10/05/2012)

nell'anno 2010 ho avuto un accertamento dall'Agenzia delle Entrate, sulla dichiarazione mod. 730 anno 2006, contestandomi una multa di € 1000,00 per non n aver dichiarata la erogazione della borsa di studi percepita da mia figlia di € 1000,00 erogata dall'INPDAP nel 2007. Mi potete chiarire se era dovuto la dichiarazione della borsa percepita?? grazie

- Commento di Antonio (13:45 del 23/05/2012)

sono pensionata, ho venduto un lingottino d'oro puro,di famiglia, , ho firmato loro una dichiarazione che ho ceduto un lingotto di oro in cambio di un assegno, mi hanno detto di inserirlo nella mia dichiarazione dei redditi, non ho altri redditi olre la pensione. sono tenuta a fare la dichiarazione per questo incasso ? grazie mille

- Commento di GRAZIA (09:38 del 27/07/2012)

Volevo conoscere le soglie dei redditi; ossia io nel 2011 ho fatturato lavori per soli €.7500,00; sono obbligato alla dichiarazione dei redditi come lavoro autonomo, grazie flavio

- Commento di Flavio (11:51 del 12/10/2012)

Salve Lavoro all'estero a bordo di navi con bandiera non italiana, lavoro 8 mesi l'anno. Quando torno a casa il mio contratto termina e sono come licenziato ogni volta. In seguito ad un'infortunio sono stato fermo qualche mese ricevendo da una compagnia assicuratrice del datore di lavoro(estero) un'indennizzo. Siccome attualmente, essendo stato 7 mesi a casa, non rientro nella legge dei 183 giorni di lavoro prestato all'estero, volevo sapere se devo pagare tasse su questo indennizzo o è come l'indennizzo di maternità? Grazie

- Commento di Gabriele (15:37 del 26/10/2012)

Salve, io ho un contratto CoCoCo all'Università iniziato a Marzo 2012 e che scadrà a Marzo del corrente anno. Fino a Dicembre 2012 ho goduto della detrazione da lavoro dipendente o assimilato (Detrazioni art.13 c.1 T.U.I.R). Da Gennaio, come ho simpaticamente scoperto dal cedolino, non mi viene più conteggiata questa detrazione. Può qualcuno dirmi se tale detrazione è stata tolta con le modifiche alla legge del 2012. Grazie, Giacomo

- Commento di Giacomo (13:41 del 29/01/2013)

Salve, io e mia moglie abbiamo acquistato una prima casa e l'abbiamo intestata solo a mia moglie. per poter pagare la casa abbiamo contratto un mutuo ipotecario intestato ad entrambi. L'agenzia delle entrate sostiene che la detrazione spetta solo a mia moglie sull'importo pari al 50% della spesa sostenuta in quanto unica proprietaria dell'immobile. L'articolo 13bis del DPR 917/86 recita:"Se il mutuo è intestato ad entrambi i coniugi, ciascuno di essi può fruire della detrazione unicamente per la propria quota di interessi; in caso di coniuge fiscalmente a carico dell'altro la detrazione spetta a quest'ultimo per entrambe le quote". In virtù di questo perchè non potrei detrarre il mio 50% ? Potrei, se possibile avere un vostro parete? Grazie e saluti

- Commento di michele (11:28 del 26/02/2013)

salve la mia domanda e'questa: da circa tre anni sono andato a vivere da solo distaccandomi dal nucleo familiare dei miei genitori. Ilcomune in cui risiedo mi ha mandato il pagamento della tarsu.Nel regolamento comunale a riguardo la tarsu prevede l'annullamento totale della somma per i soggetti con difficolta' economiche!ho presentato il modello isee che dichiara il mio reddito zero annuale,ma non hanno accettato l'annullamento del debito tarsu,in quanto risulto nelle detrazioni ai fini fiscali per i figli a carico dei miei genitori!informandomi ,ho riscontrato nell'art.12 comma 1lett.c,del TUIR,che prevede ladetrazione per i figli a carico,a prescindere dall'eta' e dall convivenza,purche' non superino un reddito superiore a 2.840,51 euro annui(somma che non ho mai percepito).grazie anticipatamente

- Commento di antonio (17:47 del 01/03/2013)

salve la mia domanda e'questa: da circa tre anni sono andato a vivere da solo distaccandomi dal nucleo familiare dei miei genitori. Ilcomune in cui risiedo mi ha mandato il pagamento della tarsu.Nel regolamento comunale a riguardo la tarsu prevede l'annullamento totale della somma per i soggetti con difficolta' economiche!ho presentato il modello isee che dichiara il mio reddito zero annuale,ma non hanno accettato l'annullamento del debito tarsu,in quanto risulto nelle detrazioni ai fini fiscali per i figli a carico dei miei genitori!informandomi ,ho riscontrato nell'art.12 comma 1lett.c,del TUIR,che prevede ladetrazione per i figli a carico,a prescindere dall'eta' e dall convivenza,purche' non superino un reddito superiore a 2.840,51 euro annui(somma che non ho mai percepito).grazie anticipatamente

- Commento di antonio (17:48 del 01/03/2013)

Ho lavorato dal 1/1/2012 al 19/11/2012,non mi sono stati retribuiti nel 2012 i redditi di lavoro dipendente relativi ai mesi di agosto, settembre,ottobre. Nella parte B-Dati fiscali, al punto 3 numero di giorni è stato riportato il numero 231 relativo ai mesi in cui sono stato retribuito e non 323 relativo a tutto il periodo in cui ho lavorato.Inoltre al punto 401 - trattamento di fine rapporto - TFR - è riportato l'importo che mi sarebbe stato erogato, con relative detrazioni e ritenute, ma che io ancora non ho percepito. tutto quanto sopra è giusto oppure no. Grazie.

- Commento di PRESTI DANILO (09:02 del 15/05/2013)

Ho ricevuto da parte agenzia delle entrate una cartella di ricalcolo irpef per un reddito 2009 erogatomi dal mio ex datore di lavoro di 30.000 € frutto di un accordo consensuale, per interrompere una causa in corso di licenziamento per giusta causa. L'azienda ha pagato applicando una tassa irpef del 23%. La somma è stata erogata nel 2009 il ricalcolo per la determinazione dell'aliquota da applicare sul periodo 2000 - 2004 anzichè sul periodo 2004-2005 a me più favorefole in quanto disoccupato e con reddito basso. chiedo; 1)la cifra ricevuta può considersi un risarcimento di danno, visto che non è frutto di un rapporto di lavoro, ma di una transazione consensuale per bloccare una causa in corso. 2)se anche fosse da considerare emolumento a tassazione separato, la determinazione dell'aliquota irpef da applicare non va calcolata sui 5 anni antecedenti l'erogazione. Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi a capire e difendersi grazie

- Commento di dino (12:27 del 21/09/2013)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE