Decreto Clima in Gazzetta Ufficiale

Decreto clima: gli incentivi per la tutela dell’ambiente

di William Grieco CommentaIn Agevolazioni, Primo Piano

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dello scorso 14 ottobre, entra ufficialmente in vigore il Decreto Legge n. 111 del 2019, ribattezzato Decreto Clima. La norma secondo gli esperti è l’inizio di una serie di leggi che andranno a formare il cosiddetto “Green New Deal”.

La sua adozione si pone l’obiettivo di dare seguito ai lavori svolti a livello internazionale dall’Intervovernmental Panel on Climate Change e di adottare gli obblighi della direttiva europea 50/2008, relativa alla qualità dell’aria ambiente, per la cui mancata applicazione risultano a carico dell’Italia alcune procedure di infrazione.

Partendo in via generale dall’applicazione di politiche per l’attuazione di un Piano nazionale strategico per il contrasto dei cambiamenti climatici e il miglioramento della qualità dell’aria, il Decreto in sintesi presenta le seguenti misure:

  • Incentivi per la rottamazione di auto e moto
  • Incentivi per la vendita di prodotti sfusi

L’art. 2 del presente decreto prevede, per i residenti nei Comuni interessati alle procedure di infrazione della direttiva europea, a fronte della rottamazione di auto euro 3 e motocicli euro 2 o euro 3 a due tempi, un buono mobilità per un massimo di 1500,00 euro per il primo caso e 500,00 per il secondo.

Tale importo potrà essere consumato per l’acquisto di abbonamenti per il trasporto pubblico nonché di biciclette a pedalata assistita. Le rottamazioni dovranno avvenire entro il 31 dicembre 2021.

Per quanto riguarda gli incentivi per la vendita di prodotti sfusi, il decreto clima all’art.7 prevede per gli esercenti commerciali di vicinato e di media struttura, un contributo a fondo perduto per un importo massimo di 5.000,00 euro per l’attrezzamento di spazi dedicati alla vendita di prodotti alimentari e detergenti sfusi e alla spina.

Accanto a queste misure volte principalmente ai cittadini privati, vi sono una serie di misure volte alle pubbliche amministrazione e ad enti privati per programmi di incentivazione a:

  • Trasporto pubblico sostenibile
  • Trasporto scolastico sostenibile
  • Azioni per la forestazione
  • Dati ambientali pubblici

Accanto a queste assolute novità, si prevedono conferme per altri incentivi “verdi” nella prossima legge di Bilancio.

Autore dell'articolo
identicon

William Grieco

27 anni, Dottore Commercialista abilitato e Dottore Magistrale in Economia e Commercio Aziende professioni e innovazione , laurea conseguita a 24 anni presso l'Università di Bari con 110/110. Dopo un breve volontariato a Londra, ho iniziato la pratica da Dottore Commercialista dapprima a Bari, poi a Matera ed attualmente collaboro con uno studio importante a Roma. Mi occupo di contabilità, contenzioso anche bancario, fattura elettronica, operazioni straordinarie, valutazione d'azienda ed altro. Sono impegnato nel volontariato. Oltre alla collaborazione con lo studio presso cui ho svolto il tirocinio, sono stato impegnato presso la CNA di Matera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *