HOME

/

DIRITTO

/

AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO

/

PATRIMONIO NETTO E BILANCIO - INDICAZIONI IN NOTA INTEGRATIVA

Patrimonio netto e bilancio - indicazioni in nota integrativa

Nel principio contabile n. 28 del 30 Maggio 2005 l'Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha rivisto ed aggiornato, alla luce delle recenti riforme che hanno interessato il diritto societario (in particolare il D. Legislativo n. 6 del 2003 e successive modifiche ed integrazioni), il principio contabile emanato nel mese di Ottobre 1999 dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dal Consiglio Nazionale dei Ragionieri dedicato al "Patrimonio Netto".

La nota integrativa di bilancio deve illustrare diversi aspetti del Patrimonio Netto, anche avvalendosi di appositi prospetti di dettaglio, come descritto dal principio contabile nazionale.

1) Le informazioni da rendere in Nota Integrativa

Nella nota integrativa al bilancio chiuso al 31 Dicembre 2005 (sia in forma abbreviata che ordinaria) dovranno essere evidenziate in appositi prospetti una serie di informazioni riguardanti le voci di patrimonio netto.
Il Codice Civile, all'art. 2427 (Contenuto della Nota Integrativa), prevede infatti che devono essere evidenziate:

  • le variazioni intervenute nella consistenza delle voci del Patrimonio Netto, la formazione e le utilizzazioni (n. 4);
  • la composizione della voce "Altre riserve" (n. 7);
  • le voci di patrimonio netto devono essere analiticamente indicate, specificando in appositi prospetti, l'origine, la natura, la possibilità di utilizzazione e distribuibilità nonché l'avvenuta utilizzazione nei precedenti esercizi (7 bis);
  • il numero e il valore nominale di ciascuna categoria di azioni e il numero e il valore nominale delle nuove azioni sottoscritte durante l'esercizio (n. 17);
  • il numero e le caratteristiche degli altri strumenti finanziari emessi dalla società, con l'indicazione dei diritti patrimoniali e partecipativi che conferiscono e delle principali caratteristiche delle operazioni relative (n. 19);
  • le indicazioni imposte dall'art. 2447 septies e 2447 decies riguardanti i beni e rapporti afferenti i patrimoni destinati ad uno specifico affare e la destinazione dei proventi e vincoli relativi ai beni per effetto della stipulazione di finanziamenti destinati ad uno specifico affare (numeri 20 e 21).

Nel bilancio semplificato, si noti, le indicazioni sopra citate ai numeri 7 e 17 possono essere omesse.

2) Il principio contabile OIC 28: analisi dei movimenti nelle voci di Patrimonio Netto

Il Principio Contabile OIC 28 integrato dal principio OIC 1 si è occupato, per primo, di fornire i criteri applicativi delle nuove norme del Codice Civile, proponendo (anche con alcuni esempi) i prospetti:

  • delle variazioni nella consistenza nelle voci di Patrimonio Netto;
  • dell\'origine, disponibilità, distribuibilità e utilizzazione delle voci del Patrimonio Netto.

Come riportato dal Codice Civile, la voce A del passivo di Stato patrimoniale è strutturata nelle seguenti poste:

I

Capitale

II

Riserva da soprapprezzo delle azioni

III

Riserve da rivalutazione

IV

Riserva legale

V

Riserve statutarie

VI

Riserva per azioni proprie in portafoglio

VII

Altre riserve, distintamente indicate

VIII

Utili o perdite portati a nuovo

IX

Utile o perdita dell'esercizio

Per quanto riguarda il primo prospetto (dei movimenti del Patrimonio Netto), destinato ad accogliere le indicazioni imposte dal n. 4 dell'art. 2427 del Codice Civile l'OIC 1 propone lo schema seguente:

Voci

Capitale Sociale

Riserva Legale

Riserve, distintamente evidenziate

Risultato di esercizio

Totale

All'inizio dell\'esercizio precedente

Destinazione del risultato di esercizio:

  • attribuzione dividendi
  • altre destinazioni

Altre variazioni

Risultato dell'es. precedente

Alla chiusura dell'es. precedente

Destinazione del risultato di esercizio:

  • attribuzione dividendi
  • altre destinazioni

Altre variazioni

Risultato dell'es. corrente

Alla chiusura dell'es. corrente

3) Il prospetto degli utilizzi per le varie voci di Patrimonio Netto

Come richiesto dall'art. 2427 Codice Civile n. 7, per ciascuna voce di patrimonio netto (in modo dunque analitico ), deve essere indicata:

  • l'origine;
  • la possibilità di utilizzazione e distribuibilità;
  • l'utilizzo che ha interessato gli esercizi precedenti.

Sulla base del principio OIC 28 ciascuna parte ideale di patrimonio netto può essere catalogata "per origine", distinguendo tra riserve di utili e riserve di capitali .

Tra le prime ricordiamo:

  • la riserva legale;
  • la riserva statutaria alimentata da utili di esercizio;
  • gli utili riportati a nuovo.

Tra le seconde citiamo:

  • la riserva sovrapprezzo azioni;
  • la riserva da rivalutazione monetaria.

Seguendo il criterio della "destinazione" le stesse invece si distinguono tra disponibili ed indisponibili in relazione alle prescrizioni di legge e alla volontà assembleare (statutaria o successiva).
E' chiaro che la disponibilità interessa non solo la eventuale distribuzione ai soci ma anche l'utilizzo per l'aumento gratuito del capitale sociale, per la copertura di perdite ecc.

Disponibilità e distribuibilità possono, a seconda dei casi, coesistere o meno: una riserva può essere disponibile per essere portata in aumento del capitale pur essendo non distribuibile (è il caso, ad es., della riserva da sovrapprezzo azioni in distribuibile ai soci fintantoché la riserva legale non copre il 20% del capitale sociale).

Il principio contabile contrassegna le tre possibilità di utilizzazione utilizzando le tre lettere come segue:

A

Per aumento di capitale

B

Per copertura perdite

C

Per distribuzione ai soci

e propone il seguente schema di esempio da utilizzare in nota integrativa:

Natura / descrizione

Importo

Possibilità di utilizzazione

Quota disponibile

Riepilogo delle utilizzazioni nei 3 esercizi precedenti

per copertura perdite
per altre ragioni

Capitale

15.000

Riserve di capitale

R. azioni proprie

200

--

R. azioni o quote di società controllante

100

--

R. sovrapprezzo azioni

2.500

A, B, C

(v. 2431 c.c.)

R. da conversione obbligazioni

2.500

A, B, C

(v. 2431 c.c.)

Riserve di utili

R. legale

3.000

B

R. azioni proprie

100

R. da utili netti su cambi

300

A, B

R. valutazione partecipazioni con il metodo del p.n.

50

A, B

R. da deroghe ex comma 4 art. 2423

120

A, B

Utili a nuovo

A, B, C

Totale
Quota non distribuibile
Residua quota distribuibile

 
   
   

La norma non indica il numero di esercizi precedenti per i quali fornire l'informativa dell'avvenuta utilizzazione delle voci di patrimonio netto.

Non resta che rifarsi, come sottolineato già da OIC 1 del 25 Ottobre 2004, ai principi generali di bilancio (in particolare il n. 11) e, in particolare al principio di significatività delle informazioni rese nel documento stesso. E' dunque ragionevole assumere che una informazione riferita agli utilizzi delle poste di patrimonio netto avvenuti negli ultimi tre esercizi sia sufficiente a tal fine: questo termine è coerente con la disciplina circa la azione di nullità delle deliberazioni sociali.

Non si escludono, però, situazioni particolari per le quali sia opportuno rivolgere l'attenzione su un maggior arco temporale.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO · 14/10/2021 Società a partecipazione pubblica e ruolo di sindaci e revisori

Il ruolo dell’organo di controllo e la disciplina di (pre)allerta nelle società a partecipazione pubblica.

Società a partecipazione pubblica e ruolo di sindaci e revisori

Il ruolo dell’organo di controllo e la disciplina di (pre)allerta nelle società a partecipazione pubblica.

Collegio sindacale e test per la ragionevolezza del piano di risanamento

Il ruolo di rilievo dei sindaci nella composizione negoziata attraverso il test per la verifica della ragionevole perseguibilità del risanamento aziendale.

Esemplificazioni di responsabilità e frodi nella revisione del bilancio

Sulla responsabilità del Revisore alle frodi nella revisione di bilancio: casi esemplificativi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.