HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

CONTRADDITTORIO O ADESIONE: È CHIARITO IL PROBLEMA

Contraddittorio o adesione: è chiarito il problema

Disciplina del principio di contraddittorio: nuove regole e impatti operativi per contribuenti e professionisti fiscali

Ascolta la versione audio dell'articolo

Cambia la disciplina del principio contraddittorio di cui all’art.6-bis della l. 27.7.2000, n.212, ma solo per la decorrenza ponendo la parola fine sul dilemma se dalla data del 22.4.2024, di entrata in vigore del d. lgs. 12.2.2024, n. 13, l’istituto poteva trovare applicazione in concomitanza con le norme sull’accertamento con adesione di cui al d.lgs. 19.6.1997, n. 218.

1) Contraddittorio o adesione: panoramica del problema

Le perplessità erano state avvalorate dal contenuto dell’art. 1, comma 2-bis, del d.lgs. che recita: “Lo schema di atto comunicato al contribuente ai fini del contraddittorio preventivo previsto dall’art. 6-bis, comma 3. Della l. 27.7.2000, n.212, reca oltre all’invito alla formulazione delle osservazione, anche quello alla presentazione dell’istanza per la definizione dell’accertamento con adesione, in luogo delle osservazioni. L’invito alla presentazione di istanza per la definizione dell’accertamento con adesione è in ogni caso contenuto nell’avvisto di accertamento o di rettifica ovvero nell’atto di recupero non soggetto all’obbligo del contraddittorio preventivo”.

L’atto di indirizzo 29.2.2024 aveva precisato che “una lettura interpretativa di ordine sistematico delle recenti novità normative che si sono susseguite porta a far ritenere che fino all’emanazione del decreto ministeriale di elencazione delle fattispecie nelle quali il diritto al contraddittorio è assolutamente escluso (cioè il d.m. 24.4.2024 nonché, ai sensi dell’art. 7-bis del d.l. 29.3.2024, n.39, gli atti di diniego e di istanze di rimborso, gli atti per i quali la normativa prevede specifiche forme di interlocuzione tra l’amministrazione finanziaria e il contribuente e gli atti di recupero per disconoscimento e di crediti d’imposta) e, in ogni caso, fino alla predetta data del 30.4.2024 nulla sia mutato in ordine alle modalità procedurali di contraddittorio, occorrenti per far legittimamente valere la pretesa tributaria, tradizionalmente disciplinate nella legislazione vigente”.

L’art. 7 del d.l. 29.3.2024, n. 39, in modo chiaro precisa che:

  • le disposizioni dell’art. 6-bis “non si applicano agli atti emessi prima del 30.4.2024 e a quelli precedenti da un invito ai sensi del d.lgs. 19.6.1997,n. 218, emesso prima della medesima data”(comma 1);
  • agli atti di cui al comma 1 si applica la disciplina vigente prima del 30.4.2024”(comma 2)

Tuttavia, qualora l’amministrazione finanziaria (nonché l’ente impositore territoriale), prima del giorno 30.3.2024, data dell’entrata in vigore del d.l. n. 39, abbia comunicato al contribuente lo schema di atto impositivo autonomamente impugnabile dinanzi agli organi della giurisdizione tributaria in osservanza del "principio del contraddittorio di cui all’art. 6-bis”, “agli atti emessi con riferimento alla medesima pretesa si applica la proroga del termine di decadenza prevista dal comma 3, terzo periodo”, del citato art. 6-bis per la presentazione di eventuali controdeduzioni. Cioè il termine è elevato a 120 giorni.

2) Contraddittorio o adesione: quadro del rapporto fisco-contribuente

Il quadro del rapporto fisco-contribuente può essere così riassunto:

  • principio del contraddittorio
    • regola generale: si applica per gli atti autonomamente impugnabili emessi dal 30.4.2024 con esclusione deli atti automatizzati, sostanzialmente automatizzati, di pronta liquidazione e di controllo formale delle dichiarazione di cui al d.m. 24.4.2024 e quelli indicati nel citato art. 7-bis;
    • deroga per gli atti notificati prima del 29.3.2024: il termine di decadenza di 60 giorni per produrre le osservazioni del contribuente è prorogato a 120 giorni;
  • accertamento con adesione di cui al d. lgs. 19.6.1997, n. 218:
    • si applica:
      • per gli atti di accertamento indicati nel d.m. 30.4.2024;
      • se il contribuente ha ricevuto lo schema di atto impositivo di cui all’art. 6-bis ma decide di presentare l’istanza di accertamento con adesione;
    • non si applica:
      • se il contribuente ha aderito al processo verbale di constatazione di cui all’art. 5-quater del citato d.lgs. n.218;
      • per avvisi di accertamento o di rettifica, ovvero atti di recupero per i quali non si applica il contraddittorio preventivo.
Fonte immagine: Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 19/07/2024 Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Concordato preventivo biennale Forfettari: pubblicato in GU il decreto con le regole

Concordato preventivo biennale (CPB) Forfettari: definite le regole per la determinazione della base impobinile concordataria, ai fini della formulazione della proposta

Correttivo CPB: come renderlo più appetibile con l'imposta sostitutiva

Il 10 Luglio arriva il parere degli esperti della Commissione Finanze sul CPB. I dettagli sulla imposta sostitutiva

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.