HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

NOVITÀ STATUTO DEL CONTRIBUENTE: LINEAMENTI DELLA RIFORMA DELL’INTERPELLO

Novità Statuto del contribuente: lineamenti della riforma dell’interpello

Delega fiscale e revisione dello Statuto del contribuente: interpelli e consultazione semplificata

Ascolta la versione audio dell'articolo

Nello speciale che segue, si esamina quanto previsto nello schema di decreto legislativo che contiene la revisione dello Statuto dei diritti del contribuente, in attuazione della delega fiscale (legge n.111 del 2023), in merito all'istituto dell'interpello e alla possibilità di introdurre, disciplinandone l'accesso, il servizio di consultazione semplificata, attraverso apposita banca dati, dei documenti di prassi in possesso del Fisco, ai fini dell'individuazione della soluzione al quesito interpretativo o applicativo esposto dal contribuente.

Tra le misure volte a contenere l'elevato numero di interpelli vi è anche la previsione del versamento di un contributo.

Di seguito, ulteriori dettagli.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

1) Riforma fiscale: nuove regole istanze interpello

L’art. 4, comma 1, lett. c), n. 111/2023, di delega per la revisione dello statuto dei diritti del contribuente indica i seguenti principi:

  1. ridurre il ricorso all’istituto di interpello, incrementando l’emanazione di provvedimenti interpretativi di carattere generale;
  2. rafforzare il divieto di presentazione di istanza di interpello, riservandone l’ammissibilità alle sole questioni che non trovano soluzione in documenti interpretativi già emanati;
  3. subordinare, per le persone fisiche e i contribuenti di minori dimensioni, l’utilizzazione della procedura di interpello alle sole ipotesi in cui non è possibile ottenere risposte scritte mediante servizi di interlocuzione rapida, realizzati anche attraverso l’utilizzo di tecnologie digitali e di intelligenza artificiale;
  4. subordinare l’ammissibilità delle istanze di interpello al versamento di un contributo.

Lo schema di decreto legislativo prevede l’integrale sostituzione dell’art. 11 della l. 27.7.2000, n. 212, individuando la possibilità della presentazione dell’istanza di interpello “per ottenere una risposta riguardante fattispecie concrete e personali relativamente alla:

  1. applicazione delle norme tributarie, quando vi sono condizioni di obiettiva incertezza sulla loro concreta applicazione;
  2. corretta qualificazione di fattispecie alla luce delle disposizioni tributarie ad esse applicabili;
  3. disciplina dell’abuso del diritto in relazione a una specifica fattispecie;
  4. disapplicazione di disposizioni tributarie che, per contrastare comportamenti elusivi, limitano deduzioni, detrazioni, crediti di imposta, o altre posizioni soggettive del contribuente altrimenti ammesse dall’ordinamento tributario, fornendo la dimostrazione che nella particolare fattispecie tali effetti elusivi non possono verificarsi;
  5. sussistenza delle condizioni e valutazione della idoneità degli elementi probatori richiesti dalla legge per l’adozione di specifici regimi fiscali nei casi espressamente previsti dalla legge;
  6. sussistenza delle condizioni e valutazione della idoneità degli elementi probatori richiesti dalla legge ai fini dell’art. 24-bis del d.p.r. 22.12.1986, n. 917; la procedura è riservata soltanto a chi aderisce al c.d. “regime dell’adempimento collaborativo” (art. 3 e seguenti del d.lgs. 5.8.2015, n. 128) o a chi presenta l’istanza di interpello sui nuovi investimenti (art. 2 del d.lgs. 14.9.2015, n. 147).
Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

2) Riforma fiscale: interpello si, ma solo a pagamento

La presentazione dell’istanza non è più gratuita ma è subordinata al versamento di un contributoin funzione della tipologia del contribuente, del suo volume di affari o di ricavi e della particolare rilevanza e complessità della questione oggetto di istanza”.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

3) Riforma fiscale e interpello: esclusione del fattore incertezza e procedura

L’interpello è escluso qualora non ricorrano le condizioni di obiettiva incertezza, cioè se la soluzione del quesito proposto è stata già fornita mediante documenti di prassi o risoluzioni.

La risposta all’istanza va data entro il termine di 60 giorni, che:

  1. è sospeso, in ogni caso, dal 1° al 31.08 e ogni volta che è obbligatorio chiedere il parere preventivo ad altra amministrazione;
  2. è prorogato al primo giorno successivo non festivo se cade di sabato o in un giorno festivo;

Se la risposta non è comunicata entro il termine previsto, “il silenzio equivale a condivisione della soluzione prospettata dal contribuente da parte dell’amministrazione”.

Gli atti, anche a contenuto impositivo o sanzionatorio difformi dalla risposta, espressa o tacita, sono nulli.

Gli effetti della risposta all’istanza si estendono ai comportamenti successivi del contribuente che sono riconducibili alla fattispecie che è già stata oggetto di interpello, fatta eccezione per il caso in cui l’amministrazione abbia rettificato la soluzione interpretativa già espressa che, però, ha valenza solo per il futuro.

La presentazione dell’istanza non incide sulle scadenze previste dalle norme tributarie né sulla decorrenza dei termini di decadenza né comporta l’interruzione o la sospensione dei termini di prescrizione.

La risposta che è stata data all’istanza non è un atto impugnabile.

I dati, le notizie, i registri e i documenti che non stati forniti nel corso dell’istruttoria possono essere presi in considerazione in sede contenziosa.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

4) Riforma fiscale e interpello: la consultazione semplificata

Il nuovo art. 10-nonies prevede la c.d. “consultazione semplificata” cui possono accedere gratuitamente le persone fisiche, anche non residenti, le società semplici e le società in nome collettivo e in accomandita semplice e i soggetti equiparati indicati all’art. 5 del d.pr. 22.12.1986, n. 917, che applicano il regime di contabilità separata.

Anche per il tramite di intermediari delegati in maniera specifica, è possibile accedere, gratuitamente, ad un’apposita banca dati che contiene documenti quali circolari, risoluzioni, risposte a istanze di consulenza giuridica e di interpello e ogni altro atto di natura interpretativa.

La riposta produce effetti esclusivamente nei confronti dell’istante

Se la soluzione non è individuata in maniera univoca, il contribuente è invitato a presentare l’istanza di interpello.

L’utilizzazione del servizio “è condizione di ammissibilità” ai fini della presentazione di istanze di interpello.

Ti potrebbe interessare Guida alla cartella di pagamento 2023 (eBook)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

Fonte immagine: Foto di Gerd Altmann da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 19/07/2024 Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Domicilio fiscale: nuovo concetto dal 2024 senza retroattività

La Cassazione specifica che le novità sulla nozione di domicilio fiscale non sono retroattive ai casi ante 1 gennaio 2024

Concordato preventivo biennale Forfettari: pubblicato in GU il decreto con le regole

Concordato preventivo biennale (CPB) Forfettari: definite le regole per la determinazione della base impobinile concordataria, ai fini della formulazione della proposta

Correttivo CPB: come renderlo più appetibile con l'imposta sostitutiva

Il 10 Luglio arriva il parere degli esperti della Commissione Finanze sul CPB. I dettagli sulla imposta sostitutiva

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.