HOME

/

PMI

/

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI

/

FATTURE A CAVALLO D’ANNO: TRA VECCHIE REGOLE E POSSIBILI MODIFICHE

Fatture a cavallo d’anno: tra vecchie regole e possibili modifiche

Cosa deve fare il contribuente che riceve il documento contabile a cavallo d'anno

Ascolta la versione audio dell'articolo

Dicembre, oltre a rappresentare il mese delle festività natalizie, per molti operatori del settore costituisce un bel grattacapo da districare a livello contabile a causa delle tanto “famigerate” fatture a cavallo d’anno.

Con l’avvento della fatturazione elettronica, infatti, accadono spesso sfasamenti tra la data di emissione e quella di invio/recapito della fattura da parte del Sistema di interscambio, discrasie che, se è abbastanza agevole ricomporre durante l’anno, lo stesso non può dirsi per le fatture inviate a fine Dicembre e ricevute l’anno successivo.

Questo a causa di un dettato normativo che, fino ad oggi (più avanti analizzeremo le novità contenute nella legge delega fiscale), lascia ben pochi dubbi a riguardo.

Il presente intervento si pone quindi, quale obiettivo, quello di riassumere i comportamenti da adottare, lato passivo (quindi si analizzerà solo la figura del contribuente che riceve il documento contabile e non chi lo emette) .

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

Dello stesso autore: Indagini finanziarie (eBook 2023)

 

1) Fatture a cavallo d’anno: regola generale

Partiamo, innanzitutto, dalla regola generale .

Ai sensi dell’ articolo 1 D.P.R. 100/1998, così come modificato dal D.L. 119/2018, infatti, : “Entro il giorno 16 di ciascun mese, il contribuente determina la differenza tra l'ammontare complessivo dell'imposta sul valore aggiunto esigibile nel mese precedente, risultante dalle annotazioni eseguite o da eseguire nei registri relativi alle fatture emesse o ai corrispettivi delle operazioni imponibili, e quello dell'imposta, risultante dalle annotazioni eseguite, nei registri relativi ai beni ed ai servizi acquistati, sulla base dei documenti di acquisto di cui è in possesso e per i quali il diritto alla detrazione viene esercitato nello stesso mese ai sensi dell'articolo 19 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Entro il medesimo termine di cui al periodo precedente può essere esercitato il diritto alla detrazione dell'imposta relativa ai documenti di acquisto ricevuti e annotati entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione, fatta eccezione per i documenti di acquisto relativi ad operazioni effettuate nell'anno precedente”.

Vediamo quindi alcuni esempi per chiarire le varie casistiche possibili considerando anche il regime fiscale adottato dal Contribuente per quanto concerne la deduzione del costo documentato in fattura.

Dello stesso autore: Indagini finanziarie (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

2) Fatture a cavallo d’anno: IVA

Con l’obbligo di fatturazione elettronica, la data di ricezione del documento coincide con la data in cui il SdI consegna il documento al destinatario.

  1. Fattura messa a disposizione 
    • Un contribuente, il 17.01.2024, visualizza nella propria area riservata “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia Entrate fatture datate 29.12.2023 In questo caso l’Agenzia Entrate con Provvedimento n. 89757 del 30.04.2018 ha chiarito che nel caso di messa a disposizione della fattura nell’area riservata ,il diritto alla detrazione da parte del contribuente nasce solo a decorrere dalla data di presa visione della stessa (e pertanto, nel caso di specie, solo a decorrere dal 17.01.2024!)
  2. Fattura datata il 30.12.2023, inviata a SDI il 02.01.2024 e annotata nei registri Iva con medesima data 
    • In questo caso il contribuente dovrà inserire la fattura nella liquidazione Iva di Gennaio 2024.
  3. Fattura datata il 30.12.2023, inviata a SDI il 31.12.2023 e ricevuta nella stessa data ma annotata nei registri Iva nel 2024
    • La fattura è stata ricevuta ma non annotata nel mese di dicembre 2023 e, di conseguenza, la detrazione dell'IVA non potrà avvenire nel mese di Dicembre ma non potrà nemmeno avvenire nel mese di Gennaio 2024 stante la specifica preclusione valevole per le fatture a cavallo d’anno di cui alla normativa sopra richiamata.  Al contribuente non rimane altra scelta che esercitare il diritto alla detrazione dell’imposta nella dichiarazione Iva annuale relativa all’anno 2023.
Dello stesso autore: Indagini finanziarie (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

3) Fatture a cavallo d’anno: deduzione del costo

Per quanto concerne il peso che tali fatture possono avere sull’utile del contribuente, verifichiamo caso per caso considerando il regime fiscale adottato.

  1. Regime di cassa effettivo (art. 66 DPR 917/1986): utile determinato dalla differenza tra ricavi e spese sostenute nell’esercizio secondo il criterio di cassa (cioè nel momento in cui le spese sono effettivamente sostenute)
  2. Regime di cassa virtuale (art. 18 comma 5 DPR 600/1973) : la data di pagamento si presume coincidente con la data di registrazione delle fatture ai fini Iva.
  3. Regime ordinario: si guarda al criterio di competenza economica. Tale casistica non verrà affrontata vista la non problematicità di imputazione delle operazioni a cavallo d’anno considerando, appunto, il criterio di competenza economica già citato.
1 ) Fattura emessa e ricevuta entro il 31.12.2023: in questo caso per i soggetti di cui al regime fiscale a) il costo risulterà deducibile solo se la fattura sia stata effettivamente saldata entro il 2023. In caso contrario il costo sarà spostato al 2024.
Per i soggetti invece che adottano il regime fiscale b) la fattura annotata entro il 31.12.2023 si presume pagata entro l’anno e pertanto il costo verrà dedotto sempre nel 2023.
2) Fattura emessa il 31.12.2023 ma ricevuta il 03.01.2024: in questo caso per i soggetti di cui al regime fiscale a) il costo ai fini della deducibilità seguirà sempre il criterio dell’effettivo sostenimento del pagamento e, pertanto, se pagata nel 2023 potrà essere dedotta in tale periodo d’imposta, altrimenti  verrà spostata nel 2024
Per i soggetti invece che adottano il regime fiscale b) la fattura ricevuta l’anno successivo dovrà per forza essere imputata al nuovo anno stante gli effetti derivanti dal principio  di annotazione – sostenimento della spesa che , certamente, non potranno essere fatti retroagire ad un periodo precedente a quello di ricevimento della fattura.
Dello stesso autore: Indagini finanziarie (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

4) Fatture a cavallo d’anno: le novità contenute nella legge delega

Quanto sopra esposto, lato Iva, tuttavia pare verrà a breve superato se la novità indicata nella Legge delega fiscale ( legge 111 del 9 agosto 2023), verrà confermata.

Nel testo di legge pubblicato in Gazzetta Ufficiale nr. 189 del 14 agosto 2023 , testualmente si legge all’articolo 7 , lettera d, comma 3 : “…..Nell’esercizio della delega di cui all’articolo 1 il Governo osserva altresì i seguenti princìpi e criteri direttivi specifici per la revisione dell’imposta sul valore aggiunto (IVA)…. prevedere che, in relazione ai beni e servizi acquistati o importati per i quali l’esigibilità dell’imposta si verifica nell’anno precedente a quello di ricezione della fattura, il diritto alla detrazione possa essere esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui la fattura è ricevuta

Tale novità, se confermata, permetterà finalmente di razionalizzare e armonizzare un sistema che, ad oggi, soprattutto con l’introduzione della fatturazione elettronica, ha creato non pochi problemi interpretativi e applicativi per le casistiche sopra evidenziate.

Dello stesso autore: Indagini finanziarie (eBook 2023)

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com 

Fonte immagine: Foto di Lucia Grzeskiewicz da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI · 20/02/2024 Fatture per esportazioni: chiarimenti su esenzione dal bollo

Le Entrate chiariscono quando si applica l'esenzione dal bollo per le fatture per gli approvvigionamenti di dotazioni e provviste di bordo

Fatture per esportazioni: chiarimenti su esenzione dal bollo

Le Entrate chiariscono quando si applica l'esenzione dal bollo per le fatture per gli approvvigionamenti di dotazioni e provviste di bordo

Fattura riepilogativa servizi da UE: che caratteristiche deve avere?

Una impresa italiana che riceve fatture di modico importo da un fornitore di servizi UE come deve emettere la fattura elettronica riepilogativa?

Fattura differita e fattura immediata: che differenza c'è?

Vediamo la differenza tra fattura immediata e fattura differita e i codici da utilizzare per la fatturazione elettronica

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.