HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

VERSO IL PROCESSO TRIBUTARIO CON L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Verso il processo tributario con l’intelligenza artificiale

Ampliare e potenziare l'informatizzazione della giustizia tributaria con la digitalizzazione del processo. Attenzione ai risultati prodotti dagli algoritmi

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’art. 14 della l. 9.8.2023, n. 111, contiene i principi ed i criteri direttivi per la disciplina e l’organizzazione del contenzioso tributario prevedendo, tra l’altro:

  • alla lett. b) l’ampliamento e il potenziamento dell’informatizzazione della giustizia tributaria mediante:
    • la semplificazione della normativa processuale funzionale alla completa digitalizzazione del processo;
    • l’obbligo dell’utilizzo di modelli predefiniti per la redazione degli atti processuali, dei verbali e dei provvedimenti giurisdizionali;
    • la disciplina delle conseguenze processuali derivanti dalla violazione degli obblighi di utilizzo delle modalità telematiche”;
  • alla lett. i) “al fine di assicurare la parità delle parti in giudizio e il diritto alla difesa, garantire che le sentenze tributarie presenti, in forma digitale, nelle banche dati della giurisprudenza delle corti di giustizia tributaria, gestite dal Ministero dell’economia e delle finanze, siano accessibili a tutti i cittadini”.

La finalità è corroborata dal progetto PRODIGIT che comprende la digitalizzazione dei processi interni al Consiglio di presidenza della giustizia tributaria (CPGT), il potenziamento della banca dati nazionale della giurisprudenza di merito delle corti di giustizia tributaria di primo e di secondo grado e la creazione di un sistema di intelligenza artificiale (IA) collegato alla sommarizzazione delle sentenze mediante un algoritmo.

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

1) Riforma fiscale: analisi delle massime ed intelligenza artificiale

La raccolta e l’esame delle massime, che fino ad oggi è lasciata all’attenzione e all’iniziativa personale, diventa automatizzata da un algoritmo che non lascia più spazio alla ricerca della soluzione possibile del lettore ma automaticamente può diventare una soluzione possibile con il rischio che l’intelligenza artificiale evidenzi una soluzione parziale o non coerente con gli orientamenti della giurisprudenza. 

In altri termini, l’analisi delle massime potrebbe portare ad un risultato non coerente tra la massima giurisprudenziale e la “massima artificiale” con la creazione di modelli di giustizia produttiva. Mancano, però, le sentenze e le ordinanze della Corte di Cassazione.

In questa cornice, prima di impugnare un atto impositivo, il contribuente viene incentivato ad accedere alla banca dati delle sentenze con la propria situazione al fine di conoscere la probabilità, effettiva o meno, che le sue doglianze possano essere accolte. 

Quindi, il contenzioso può essere deflazionato già in origine sulla base dell’influenza di quanto è proposto dall’intelligenza artificiale ma solo per i giudizi in primo o in secondo grado, cioè dopo aver preso conoscenza del possibile rischio di soccombenza. Per contro, però, l’algoritmo proposto può essere anche il parametro di riferimento per il giudice, fermo restando che, se il principio esposto dall’algoritmo è discutibile o errato, la sentenza è sempre frutto dell’interpretazione del giudice sulla effettiva materia del contendere sottoposta alla sua attenzione.

Ti potrebbero interessare:

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

2) Riforma fiscale: laboratorio digitale del giudice tributario

È prevista la creazione del “laboratorio digitale del giudice tributario” (il c.d. TribHub), cioè una struttura di confronto, discussione, riflessione e aggiornamento al fine di pervenire alla definizione dell’algoritmo e di aggiornarlo.

Il punto di partenza è rappresentato sia dal materiale utilizzato sia della istruzioni connesse alla definizione delle informative di partenza che vengono fornite, cioè sia le sentenze sia il postulato di partenza e/o di aggiornamento del teorema che viene annunciato dall’intelligenza  artificiale. Pertanto, il risultato finale deriva dalla combinazione tra l’elaborazione soggettiva che presiede all’implementazione dei dati da elaborare, cioè l’imprescindibile elemento umano, e gli strumenti che vengono utilizzati nella fornitura del risultato finale dell’intelligenza artificiale, cioè i metodi tecnici statistici.

In qualsiasi caso l’algoritmo deve essere aggiornato da un lato, per essere un utile strumento di valutazione preventiva sul possibile esito del ricorso evitando un’impugnazione di difficile o improbabile esito a proprio favore, e dall’altro per garantire al giudice non la soluzione della controversia con una sentenza algoritmica e automatica, essendo l’intelligenza artificiale un utile strumento di valutazione della causa, prescindendo dalla predizione dell’esito della controversia fiscale.

Ti potrebbero interessare:

Notizie di Fisco e Tasse gratis. Vai al canale WhatsApp di FISCOeTASSE.com

Ti potrebbero interessare i seguenti eBook e libri di carta:

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso.

Fonte immagine: Foto di Gerd Altmann da Pixabay
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 12/07/2024 Correttivo CPB: raccomandazioni al Governo dalla Commissione Finanza

Il 10 Luglio arriva il parere degli esperti sulle regole per il concordato biennale e su come modificarlo per renderlo appetibile per i contribuenti

Correttivo CPB: raccomandazioni al Governo dalla Commissione Finanza

Il 10 Luglio arriva il parere degli esperti sulle regole per il concordato biennale e su come modificarlo per renderlo appetibile per i contribuenti

Imposta minima nazionale: il MEF pubblica le regole

Decreto MEF del 1 luglio con le regole per l'imposta minima nazionale: chi riguarda e come si paga. Il decreto in GU del 9 luglio

Indebita detrazione IVA: cosa cambia col decreto Sanzioni

Il Decreto Sanzioni risolve dubbi sulle sanzione per l'indebita compensazione dell'IVA. Vediamo il testo della norma in vigore dal 29 giugno e cosa chiarisce

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.