HOME

/

FISCO

/

LEGGE DI BILANCIO 2023

/

LE REGOLARIZZAZIONI PREVISTE NEL DISEGNO DELLA LEGGE DI BILANCIO 2023

Le regolarizzazioni previste nel disegno della Legge di bilancio 2023

Manovra 2023: definizioni agevolate avvisi bonari, irregolarità formali e sostanziali

All'interno del Titolo III del disegno della legge di bilancio 2023 è prevista la facoltà di definire con modalità agevolate somme dovute a seguito del controllo automatizzato, irregolarità e infrazioni di natura formale e alcune violazioni sostanziali. Vediamo di seguito nel dettaglio quanto previsto.

1) 2023: Regolarizzazione avvisi bonari

Art. 38- La definizione agevolata delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni

  1. Gli anni dal 2019 al 2021

Le somme dovute a seguito del controllo automatizzato delle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA relative ai periodi d’imposta in corso al 31.12.2019, al 31.12.2020 e al 31.12.2021 per le quali il termine di pagamento non è ancora scaduto al 1.1.2023, anche se recapitate successivamente, possono essere definite effettuando il pagamento:

  • delle imposte e dei contributi previdenziali, degli interessi e delle somme aggiuntive;
  • delle sanzioni nella misura del 3% (in luogo di quella del 10%), senza alcuna riduzione sulle imposte non versate  o versate in ritardo.

Il pagamento deve essere eseguito:

  • entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione, 
  • ovvero in otto rate trimestrali di pari importo, 
  • ovvero di 20 rate se l’importo è superiore a 5.000 euro, 

e la prima rata va versata entro 30 giorni.

Il mancato pagamento, anche in parte, entro le scadenze prescritte comporta la decadenza del beneficio per cui si applicano le regole ordinarie in materia di sanzioni (elevate al 30%) e di riscossione mediante iscrizione a ruolo.

  1. Il pagamento ancora in corso

Se il pagamento rateale è ancora in corso, è possibile pagare il debito residuo delle imposte, dei contributi previdenziali, degli interessi e delle somme aggiuntive. Inoltre, sono dovute le sanzioni nella misura del 3% senza alcuna riduzione sulle somme residue non versate o versate in ritardo.

Il pagamento rateale delle somme prosegue secondo le modalità e i termini previsti. Il mancato pagamento, anche in parte, non produce effetti per cui si applicano le regole ordinarie in materia di sanzioni e di riscossione.

  1. La definitività delle somme versate

Le somme versate fino a concorrenza dei debiti definibili, anche anteriormente alla definizione, restano acquisite in maniera definitiva, non essendo rimborsabili.

  1. La decadenza della notifica

Per le somme dovute relative al periodo d’imposta al 31.12.2019 richieste in base ai controlli automatizzati, i termini di decadenza per la notifica della cartella di pagamento è prorogato di un anno cioè dal 31.12.2023 al 31.12.2024.

2) Come sanare gli errori formali

Art. 39 – Le irregolarità formali

Le irregolarità, le infrazioni e le inosservanze di obblighi o adempimenti di natura formale che non rilevano sulla determinazione della base imponibile e sul pagamento dell’Irpef, dell’Ires, dell’Irap e dell’IVA, se commesse entro il 31.10.2022, possono essere regolarizzate con il pagamento di 200 euro per ogni periodo d’imposta, da eseguire in due rate di pari importo entro il 31.3.2023 e il 31.3.2024.

Non è ammessa a regolarizzazione:

  • degli atti di contestazione o di irrogazione delle sanzioni emessi nell’ambito della procedura di collaborazione volontaria (art. 5-quater del d.l. 28.6.1990, n. 167);
  • per l’emersione di attività finanziarie e patrimoniali costituite o detenute all’estero.

Per le violazioni formali commesse fino al 31.10.2022 oggetto di un processo verbale di constatazione il termine di decadenza della notifica dell’atto di constatazione ovvero dell’atto di irrogazione è elevato dal quinto anno al settimo anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione o del diverso termine previsto per l’accertamento dei tributi.

La definizione non si applica per le violazioni che sono già state contestate in atti divenuti definitivi al 1.1.2022.

3) Come sanare le violazioni sostanziali

Art. 40 Il ravvedimento speciale per le violazioni tributarie

Le violazioni (purché diverse da quelle derivanti dal controllo automatizzato e di quelle formali) relative al periodo d’imposta in corso al 31.12. 2021 e precedenti possono essere oggetto di regolarizzazione pagando 1/18 del minimo editale delle sanzioni irrogabili previsto dalla legge, oltre alle sanzioni e agli interessi dovuti.

Il versamento va eseguito entro il 31.12.2023, ma può essere frazionato in otto rate trimestrali di pari importo con scadenza della prima rata entro il 31.3. 2023.

Sulle rate successive (scadenti il 30.6, il 30.9, il 20.12 e il 31.3 di ciascun anno) sono dovuti gli interessi nella misura del tasso legale (attualmente il 1,25%).

Il vantaggio non è indifferente poiché questo “ravvedimento speciale” comporta una sensibile riduzione del carico sanzionatorio, a prescindere dall’anno in cui è stata commessa la violazione

Ad esempio, se la maggiore imposta dovuta con la dichiarazione dei redditi è di 10.000 euro per l’anno 2019 la sanzione è del 90% (cioè pari a 9.000 euro) per cui la sanzione ridotta a 1/8 è di € 500. Come regola ordinaria (art. 13 del d.lgs. 18.12.1997, n. 472) la sanzione ridotta è pari a 1/7 del minimo, cioè è di 1.285,72 euro. Va fatta la rimozione delle irregolarità od omissioni, compresa ovviamente la dichiarazione integrativa.

La regolarizzazione agevolata è ammessa se le violazioni non sono state già contestate, alla data del versamento di quanto dovuto o della prima rata, con atto di liquidazione, di accertamento, di recupero, di contestazione o di irrogazione delle sanzioni, comprese le comunicazioni di controllo formale di cui all’art. 36.ter del d.p.r. 29.9.1973, n. 600.

La regolarizzazione non può essere fatta per l’emersione di attività finanziarie e patrimoniali all’estero.

Il mancato pagamento, anche solo in parte, di una delle rate successive alla prima entro il termine di pagamento della rata successiva comporta:

  • la decadenza dal beneficio della rateazione;
  • l’iscrizione a ruolo sugli importi ancora dovuti;
  • l’irrogazione della sanzione del 30% sul residuo importo dovuto a titolo di imposta;
  • il computo degli interessi del 4%, decorrenti dal 3.3. 2023;
  • l’obbligo che la cartella di pagamento deve essere notificata, a pena di decadenza, entro il 31.12 del terzo anno successivo a quello di decadenza della rateazione.

Le procedure di ravvedimento già effettuate alla data di entrata in vigore della norma restano valide e non è possibile richiedere il rimborso delle somme già versate.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2023 · 28/01/2023 Tregua fiscale: tutti i chiarimenti delle Entrate

Come regolarizzare le irregolarità formali, il nuovo ravvedimento speciale, adesione agevolata e definizione agevolata: la Circolare n 2 delle Entrate

Tregua fiscale: tutti i chiarimenti delle Entrate

Come regolarizzare le irregolarità formali, il nuovo ravvedimento speciale, adesione agevolata e definizione agevolata: la Circolare n 2 delle Entrate

Cassa Commercialisti: no a stralcio e definizione agevolata

Con un comunicato del 26 gennaio la Cassa Commercialisti spiega le ragioni della mancata adesione alle misure agevolative della Legge di Bilancio 2023

Detrazione 50% dell'IVA per acquisto di abitazioni green

Le novità della legge di bilancio 2023 sugli acquisti immobiliari di classe green ceduti dalle imprese costruttrici

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.