HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

LE MISURE FISCALI DELLA NUOVA IMPRESA SOCIALE

Le misure fiscali della nuova Impresa Sociale

Le nuove misure nel decreto recante revisione della disciplina in materia di impresa sociale

Alla luce delle modifiche apportate dal decreto legislativo n. 95 del 20 luglio 2018 al decreto legislativo n. 112 del 3 luglio 2017 vogliamo affrontare la parte che più è stata modificata dal decreto ovvero l’art. 18 relativo alle “Misure fiscali e di sostegno economico”.

1) Le modifiche intervenute in attesa di autorizzazione della CE

l decreto correttivo ha totalmente riscritto i commi 1 e 2 dell’Art. 18 che adesso recitano:

1. Non concorrono alla formazione  del  reddito   imponibile  delle imprese sociali le somme destinate al versamento del   contributo  per l’attività ispettiva  di  cui  all’articolo  15,  nonché le  somme destinate ad apposite riserve ai sensi dell’articolo 3, commi 1 e  2. L’utilizzazione delle riserve a copertura di perdite e’ consentita  e non comporta la decadenza dal beneficio, sempre che non si dia  luogo a distribuzione di utili fino a quando le  riserve  non   siano  state ricostituite.

2. Non concorrono altresì a formare il reddito  imponibile  delle imprese sociali le imposte sui  redditi riferibili  alle  variazioni effettuate ai sensi dell’articolo 83 del testo  unico  delle  imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917. La disposizione di cui al  periodo  precedente e’ applicabile solo se determina un utile  o  un  maggior  utile  da destinare a incremento del patrimonio ai sensi dell’articolo 3, comma 1.

Per quanto riguarda il comma 1 si esclude dall’imponibile fiscale l’importo  degli utili destinati al versamento del contributo per l’attività ispettiva oltre a tutte le somme imputate a riserva indivisibile , quindi, di contro,  risulta imponibile qualsiasi distribuzione di utili ai soci anche nella forma indiretta come riportato dall’art. 3 comma 2 ai punti a, b, c, d, e, f.  Inoltre, così come previsto per le cooperative, tali riserve potranno essere utilizzate a copertura delle eventuali perdite ma la distribuzione di utili sarà preclusa fino alla ricostituzione delle riserve stesse.

Il comma 2, invece, esclude che le imposte in conseguenza di variazioni fiscali possano costituire base imponibile (c.d. effetto imposte da imposte) si vuole evitare così che l’importo dovuto a titolo di IRES in seguito a variazioni fiscali possa essere oggetto di ripresa in aumento come costo non ammesso in deduzione.

Il comma 3 che introduce l‘agevolazione degli investimenti nel capitale sociale dell’imprese sociali accordando una detrazione irpef pari al 30% della somma investita, resta per lo più invariato dal decreto originario ma estende il beneficio alle imprese che abbiano acquisito la qualifica di impresa sociale da non più di 5 anni invece dei 36 mesi.

Il beneficio fiscale, in caso di incapienza nel periodo in cui è stato effettuato l’investimento, può essere portato in detrazione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche anche in periodi di imposta successivi ma comunque non oltre il terzo.

L’investimento massimo detraibile per ciascun periodo di imposta non può eccedere € 1.000.000 e deve essere mantenuto per almeno 5 anni (nel decreto originale erano 3).

Il disinvestimento, anche parziale, prima del termine dei 5 anni comporta la perdita totale del beneficio fiscale con l’obbligo di restituzione con aggiunta degli interessi legali maturati.

Il comma 4 in linea con il precedente comma 3 detta l’agevolazione degli investimenti nel capitale sociale delle imprese sociali da parte dei soggetti IRES.

Come nel precedente articolo l’investimento deducibile è pari al 30% della somma investita che non può eccedere per ciascun periodo di imposta € 1.800.000 e deve essere mantenuto per almeno 5 periodi di imposta (nel decreto originale erano 3).

il disinvestimento, anche parziale, prima del termine dei 5 anni fiscali comporta la perdita totale del beneficio con l’obbligo di recupero a tassazione dell’importo precedentemente dedotto con aggiunta degli interessi legali.

2) Tabella riepilogativa agevolazione investimenti nel capitale di imprese sociali che abbiano acquisito la qualifica da non più di 5 anni.


           Soggetti                   Detrazione/Deduzione                   Investimento Max

                   
           Mantenimento quota        
           Persone Fisiche                   30 % somma investita                   1.000.000,00€                   Almeno 5 anni        
           Soggetti IRES                   30 % somma investita                   1.800.000,00€                   Almeno 5 anni        

Il comma 5 dispone che quanto previsto dai precedenti commi 3 e 4 si applichi per quanto riguarda gli atti di dotazione e i contributi di qualsiasi natura anche alle fondazioni che abbiano acquisito la qualifica di impresa sociale da non più di 5 anni.

Il comma 7 disciplina che alle imprese sociali non si applica la norma delle società non operative (società di comodo) anche nel caso di perdita sistematica oltre alla disapplicazione degli studi di settore e dei nuovi indici sintetici di affidabilità.

Il comma 8 riporta le modifiche apportate al Testo Unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria.

Il correttivo, inoltre istituisce due nuovi commi; il comma 8 bis e il comma 8 ter.

Il comma 8 bis, analogamente a quanto previsto dall’art. 94 del decreto legislativo 117/2017 (Codice del Terzo Settore) disciplina lo scambio di informazioni degli esisti dei controlli fiscali e civilistici tra le amministrazioni vigilanti e l’Amministrazione finanziaria, che potrà esercitare controlli anche in autonomia, per la valutazione in merito all’eventuale perdita della qualifica di impresa sociale.

Il comma 8 ter precisa che la violazione delle norme contenute nell’art 18 comporta la decadenza delle agevolazioni con l’applicazione dell’art. 2545-sexiedecies del Codice Civile  relativo alla gestione commissariale dell’impresa sociale.

Infine il comma 9 informa che l’entrata in vigore di quanto previsto dall’art. 18 (e dall’art. 16 in tema di fondo per la promozione e lo sviluppo delle imprese sociali) è soggetta, così come per il Titolo X del Codice del Terzo Settore all’autorizzazione da parte della Commissione europea.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 30/06/2022 ETS: le linee guida sulla raccolta fondi del terzo settore

Ecco le regole del Ministero del lavoro per la raccolta fondi degli ETS Enti del terzo settore pubbliche e private. Ecco il fac-simile di un rendiconto di raccolta fondi

ETS: le linee guida sulla raccolta fondi del terzo settore

Ecco le regole del Ministero del lavoro per la raccolta fondi degli ETS Enti del terzo settore pubbliche e private. Ecco il fac-simile di un rendiconto di raccolta fondi

ETS: agevolazioni fiscali per tutti gli iscritti al RUNTS

Il DL Semplificazioni fisco chiarisce i dubbi sulle agevolazioni fiscali spettanti agli iscritti al RUNTS

Obblighi trasparenza erogazioni pubbliche: entro il 30 giugno le comunicazioni

Le associazioni e le imprese devo inviare le comunicazioni per adempiere agli obblighi di trasparenza delle erogazioni ricevute entro il 30 giugno. Sanzioni dal 1 gennaio 2023

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.