HOME

/

FISCO

/

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022

/

CESSIONI GRATUITE DI BENI INTRA-UE

Cessioni gratuite di beni intra-UE

Breve sintesi della disciplina Iva applicabile nelle cessioni gratuite di beni intra-Ue

L’elemento della gratuità, caratteristica della natura dell’omaggio, fa sì che l’operazione relativa alla sua cessione, con trasporto o spedizione in un altro paese dell’Unione Europea, non possa essere qualificata come intracomunitaria, ai sensi dell’art. 41 del D.L. n. 331/1993.

Ne consegue che la cessione gratuita di beni, la cui produzione o il cui commercio rientrano nell’attività di impresa, è considerata imponibile IVA ai sensi dell’art. 2, comma 2, punto 4, del D.P.R. n. 633/1972, anche se trasportati in un altro paese UE.

Sono invece esclusi dal campo di applicazione dell’IVA, le cessioni di campioni gratuiti di modico valore appositamente contrassegnati, in quanto non costituiscono né una cessione intra-UE e né una cessione interna (art. 2, comma 3, lettera d, del D.P.R. n. 633/1972).

1) Cessione beni che rientrano nell'attività di impresa

Sempre riguardo la cessione di beni la cui produzione o il cui commercio rientrano nell’attività di impresa, bisogna fare una duplice distinzione a seconda che il cedente italiano abbia detratto o meno l’imposta a monte nel relativo acquisto.

  • Se l’imposta è stata detratta a monte, la cessione gratuita è sempre imponibile IVA, indipendentemente dal costo unitario dei beni, però nella fattura di vendita, l’IVA non sarà addebitata al cliente, pertanto sarà riportata in calce la seguente dicitura “Omaggio senza rivalsa dell’IVA ai sensi dell’art. 18 del D.P.R. n. 633/1972”. In alternativa si può procedere emettendo un’autofattura singola per ciascuna cessione di omaggi, ovvero un’autofattura globale mensile per tutte le cessioni effettuate nel mese.
  • Se l’imposta non è stata detratta a monte, la cessione gratuita è esclusa dal campo di applicazione IVA ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 633/1972.

2) Cessione beni che non rientrano nell'attività di impresa

La cessione gratuita può riguardare anche beni, la cui produzione o il cui commercio non rientrano nell’attività di impresa (art. 2, comma 2, punto 4 del D.P.R. n. 633/1972), in tal caso, per gli acquisti relativi a tali beni, si applica la disciplina prevista per le spese di rappresentanza. In particolare, se il costo unitario del bene oggetto della cessione:

  • è di valore inferiore a € 50,00, l’acquisto prevede la detraibilità dell’IVA da parte del cedente, mentre la cessione sarà esclusa ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 633/1972.
  • è di valore superiore a € 50,00, il cedente non può detrarsi l’IVA assolta sull’acquisto e, anche in questo caso, la cessione è esclusa ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 633/1972.

3) Cessione omaggi

L’operazione relativa alla cessione di omaggi, sia che riguardi beni la cui produzione o il cui commercio rientrano nell’attività di impresa e sia che riguardi beni la cui produzione o il cui commercio non rientrano nell’attività di impresa, non deve essere dichiarata, né ai fini fiscali e né ai fini statistici nel modello Intrastat, non concorre alla formazione del plafond e neppure all’acquisizione dello status di esportatore abituale.

Articolo originale del 2019-10-22 proveniente dal Blog di Fisco e Tasse rivisto e aggiornato il 1 ottobre 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

andrea - 14/11/2019

cessione esclusa art. 15? cito l'articolo:"non concorrono a formare la base imponibile […] il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono in conformità alle originarie condizioni contrattuali; tranne quelli la cui cessione è soggetta ad aliquota più elevata. In quale parte viene prevista una esclusione come da Lei indicata?

Barbara Bissacco - 14/11/2019

L'esclusione ai sensi dell'art. 15, comma 1, punto 2, del D.P.R. 633/1972 è giustificata dal fatto che le cessioni gratuite di beni, ossia gli omaggi, rientrano nel concetto di "premio". Tale premio può essere pattuito all'interno del contratto commerciale di fornitura di beni e, per esempio, si può prevedere che a fronte del raggiungimento di un certo fatturato annuo, si cedano all'acquirente dei beni in omaggio proprio come premio per il raggiungimento dell'obiettivo prestabilito.

andrea - 15/11/2019

ringrazio per la risposta. Cito quanto da Lei scritto: "La cessione gratuita può riguardare anche beni, la cui produzione o il cui commercio non rientrano nell’attività di impresa (art. 2, comma 2, punto 4 del D.P.R. n. 633/1972), in tal caso, per gli acquisti relativi a tali beni, si applica la disciplina prevista per le spese di rappresentanza. In particolare, se il costo unitario del bene oggetto della cessione: è di valore inferiore a € 50,00, l’acquisto prevede la detraibilità dell’IVA da parte del cedente, mentre la cessione sarà esclusa ai sensi dell’art. 15 del D.P.R. n. 633/1972." Ma quindi la cessione è esclusa ai sensi dell'art. 2 comma 2 nr 4 o ai sensi dell'art. 15?

Barbara Bissacco - 15/11/2019

Come ho già spiegato nel precedente commento, la cessione gratuita di un bene è assimilata al concetto di premio nei confronti del cliente, quindi trattasi di operazione esclusa ai sensi dell'art. 15 del D.P.R. n. 633/1972, però si potrebbe anche indicare come causa di esclusione l'art. 2, dipende dall'interpretazione che si vuole dare alla natura della cessione gratuita del bene. Ad ogni modo, sia che venga indicato escluso art. 15 e sia escluso art. 2, l'operazione in oggetto non concorre alla formazione del volume d'affari.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 · 08/08/2022 Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Assonime: l’importanza del numero di identificazione IVA per le cessioni intra UE

L’iscrizione al VIES diviene requisito sostanziale per poter qualificare una cessione intracomunitaria come operazione non imponibile ai fini IVA

Esportazioni: il trattamento IVA dei servizi di trasporto

Esportazioni: quali servizi di trasporto connessi sono imponibili e quali no. I chiarimenti delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.