IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 13/04/2021

I rimborsi spese ai soci volontari delle cooperative sociali

di Baldin dott. Marco

Tempo di lettura: 3 minuti
cooperative

Volontari di cooperative sociali: si al rimborso spese ma a determinate condizioni

Commenta Stampa

Per quanto previsto dall’art. 2, c. 4 L. 381/1991, ai soci volontari può essere corrisposto soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate, sulla base di parametri stabiliti dalla cooperativa sociale per la totalità dei soci. In particolare, la cooperativa è chiamata ad individuare, con apposita delibera o norma regolamentare, i criteri generali da adottare per procedere al rimborso ai soci volontari delle spese da essi sostenute in ragione dell’attività che essi svolgono presso la cooperativa. Sull’argomento è intervenuto il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che, in risposta ad un quesito posto, ha fornito il proprio parere in ordine al coordinamento tra la norma citata ed il principio sancito dall’art. 17 del D. Lgs. 117/2017, relativamente ai criteri di erogazione di tali rimborsi a vantaggio di coloro che prestano attività di volontariato nell’ambito degli enti del Terzo settore. Nella Nota 10979/2020, il Ministero ha confermato la possibilità, per le cooperative sociali, di applicare il criterio dettato dall’art. 17, c. 4 D. Lgs. 117/2017, ammettendo dunque, per le stesse, l’erogazione del rimborso delle spese al socio volontario sulla base di una autocertificazione da questi rilasciata, purché l’entità del rimborso non superi l’importo di € 10 giornalieri ed € 150 mensili ed a condizione che ciò avvenga all’interno di una metodologia complessiva di quantificazione e rimborso delle spese.

Visita la nostra sezione dedicata al Terzo Settore con Software, ebook e Formulari sempre aggiornati, tra questi ti segnaliamo in particolare:

1) I soci volontari nelle cooperative sociali

Oltre ai soci previsti dalla normativa vigente, gli statuti delle cooperative sociali possono prevedere la presenza di soci volontari che prestino la loro attività gratuitamente, escludendo qualsiasi forma di remunerazione.

Questi sono iscritti in un’apposita sezione del libro dei soci ed il loro numero non può superare la metà del numero complessivo dei soci.

Ai soci volontari non si applicano i contratti collettivi e le norme di legge in materia di lavoro subordinato ed autonomo, ad eccezione delle norme in materia di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali in quanto la qualità di socio volontario è incompatibile con:

  • qualsiasi forma di rapporto di lavoro subordinato o autonomo;
  • ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con la cooperativa sociale cui appartiene.

Nella gestione dei servizi socio-sanitari ed educativi di cui all’art. 1, c. 1, lett. a), della L. 381/1991, da effettuarsi in applicazione dei contratti stipulati con amministrazioni pubbliche, le prestazioni dei soci volontari possono essere utilizzate in misura complementare e non sostitutiva rispetto ai parametri di impiego di operatori professionali previsti dalle disposizioni vigenti.

2) I rimborsi spese

Per le cooperative sociali è prevista la possibilità di erogare dei rimborsi delle spese effettivamente sostenute e documentate applicando i criteri di determinazione sulla base di parametri stabiliti dalla cooperativa per la totalità dei soci.

Inoltre, l’art. 17 c. 3 e 4 D.Lgs. 117/2017  (c.d. “Codice del Terzo settore) prevede l’erogazione al volontario del rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate, entro precise regole:

  • sono vietati rimborsi spese di tipo forfettario;
  • le spese sostenute dal volontario possono formare oggetto di autocertificazione, purché non superino specifiche soglie giornaliere (€ 10) e mensili (€ 150)

Con la Nota 22.10.2020 n. 10979 il Ministero dello Sviluppo Economico ha chiarito che In applicazione del principio della gerarchia delle fonti, alle cooperative sociali può essere applicata la disciplina prevista in relazione alla figura del volontario che svolge la propria attività negli enti del Terzo settore. 

Non è stata rinvenuta, nella normativa speciale in materia di cooperative sociali, una norma ostativa all’applicazione degli articoli da 17 a 19 del D.Lgs. 117/2017.

In relazione ai soci volontari delle cooperative sociali è ammesso il rimborso spese a fronte della presentazione di una autocertificazione sostitutiva, in applicazione del criterio fissato dall’art. 17, c. 4 D.Lgs. 117/2017.


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE