HOME

/

FISCO

/

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2020

/

IMMISSIONE IN LIBERA PRATICA 2021: LE NOVITÀ DAL 1° LUGLIO

Immissione in libera pratica 2021: le novità dal 1° Luglio

Nuova franchigia IVA per i beni di modico valore a partire dal 1° Luglio per l’immissione in libera pratica

Il regime di immissione in libera pratica è disciplinato dagli artt. 201 e segg. del CDU e attribuisce la posizione doganale di merce unionale ad una merce non unionale.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Questo articolo è stato estratto dal libro IVA Estero 2021 di G.Costa pubblicato dalla casa editrice Maggioli

1) Formalità di importazione e riscossione dei dazi

Secondo il paragrafo 2 del citato art. 201 l’immissione in libera pratica comporta:

  • la riscossione dei dazi dovuti all’importazione;
  • la riscossione, ove opportuno, di altri oneri, come previsto dalle pertinenti disposizioni vigenti in materia di riscossione di tali oneri;
  • l’applicazione delle misure, dei divieti e delle restrizioni di politica commerciale, a meno che non debbano essere applicati in una fase precedente;
  • l’espletamento delle altre formalità stabilite per l’importazione delle merci (quali controlli sanitari, di conformità, ecc.).

L’art. 29 del Trattato di Roma, infatti, prevede: “Sono considerati in libera pratica in uno Stato membro i prodotti provenienti da paesi terzi per i quali siano state adempiute in tale Stato le formalità di importazione e riscossi i dazi doganali e le tasse di effetto equivalente esigibili e che non abbiano beneficiato di un ristorno totale o parziale di tali dazi e tasse”.

Si tratta, come detto, di un regime definitivo nel senso che il pagamento dei diritti di confine estingue il rapporto tra dogana e operatore. L’importazione può essere effettuata in qualsiasi Stato membro dato che il dazio è una risorsa del bilancio comunitario (a prescindere da quale amministrazione abbia provveduto alla riscossione). Dopo l’immissione in libera pratica le merci non possono subire l’applicazione di altri dazi o tasse di effetto equivalente nei trasferimenti all’interno dell’Unione.

2) Franchigia per i beni di valore trascurabile

L’art. 23 del Regolamento 2009/1186 (relativo alla fissazione del regime comunitario delle franchigie doganali) prevede l’ammissione in franchigia dai dazi all’importazione per le spedizioni composte di merci di valore trascurabile spedite direttamente da un paese terzo a una persona che si trova nella Comunità (specificando, nel secondo comma, che per “merci di valore trascurabile” si intendono le merci il cui valore intrinseco non eccede complessivamente 150 euro per spedizione). Ai sensi del successivo art. 24 sono esclusi dalla franchigia:

  1. i prodotti alcolici;
  2. i profumi e l’acqua da toletta;
  3. i tabacchi e i prodotti del tabacco.

Per quanto concerne l’IVA, invece, l’analoga disposizione prevista dall’art. 23 della Direttiva 2009/132, che esentava le importazioni di beni (diversi da quelli sopra elencati) di valore totale non superiore a 10 euro e consentiva agli Stati membri di esentare le importazioni di beni di valore totale compreso fra 10 e 22 euro, è stata abrogata dall’art. 3 della Direttiva 2017/2455 con decorrenza dall’1.7.2021. Da tale ultima data, pertanto, opera un’unica soglia pari a 150 euro. Fino a tale valore, a determinate condizioni, l’immissione in libera pratica richiede una bolletta doganale semplificata mentre per valori superiori è necessaria una dichiarazione doganale completa.

Questo articolo è stato estratto dal libro IVA Estero 2021 di G.Costa 

3) Definizione di valore intrinseco

La definizione di valore intrinseco è dettata dall’articolo 1 del Regolamento 2015/2446 al punto 48 (aggiunto dall’art. 1 del Regolamento 2020/877, a decorrere dal 16.7.2020) nei termini seguenti:

  • per le merci commerciali: il prezzo delle merci stesse quando sono vendute per l’esportazione verso il territorio doganale dell’Unione, esclusi i costi di trasporto e assicurazione, a meno che siano inclusi nel prezzo e non indicati separatamente sulla fattura, e qualsiasi altra imposta e onere percepibili dalle autorità doganali a partire da qualsiasi documento pertinente;
  • per le merci prive di carattere commerciale: il prezzo che sarebbe stato pagato per le merci stesse se fossero vendute per l’esportazione verso il territorio doganale dell’Unione.

4) Autorizzazione alla procedura semplificata

Prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni (fissata all’1.7.2021), i soggetti che effettuano operazioni di introduzione nel territorio nazionale di merci non unionali, relative a spedizioni di modico valore (cioè sotto la soglia dei 22 euro) originate da transazioni commerciali derivanti da vendite a distanza di beni mediante l’uso di una interfaccia elettronica, quale un mercato virtuale (market place), una piattaforma, un portale o mezzi analoghi, possono accedere a procedure dichiarative a dati ridotti, a seguito di ottenimento di specifica autorizzazione.

Con la Determinazione Direttoriale n. 344910/RU del 6.10.2020 (il cui contenuto è illustrato nella Circ. n. 40 del 23.10.2020), l’Agenzia delle Dogane ha definito i requisiti per ottenere l’autorizzazione a una specifica procedura di semplificazione delle formalità dichiarative per le merci di valore trascurabile destinate a soggetti privati purché non soggette a vincoli o limitazioni. Il possesso di tali requisiti oggettivi e soggettivi – fra cui l’effettuazione di un numero minimo di 50.000 operazioni mensili e lo status di Operatore Economico Autorizzato – consente al richiedente di accedere alla semplificazione previa iscrizione nell’apposito “elenco P4I-B2C” (platform for import – business to consumer). La semplificazione permette di effettuare le formalità dichiarative in procedura ordinaria presso luogo approvato con indicazione, al campo 33 del DAU del codice convenzionale 9990 9909 00 in luogo dello specifico codice di nomenclatura combinata identificativo della merce introdotta (cioè in forma massiva e senza identificazione della merce).

Questo articolo è stato estratto dal libro IVA Estero 2021 di G.Costa 

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Andrea - 03/06/2021

Buongiorno, Ho una domanda. Vi chiedo cortesemente se esistono particolari normative che regolano la procedura di importazione e di versamento dell'IVA (qualora previsto) relative ai veicoli. Nello specifico, nel caso di un autoveicolo usato, acquistato negli Stati Uniti da un soggetto italiano e trasportato in Olanda (per puri fini logistici), il versamento dell'IVA prevista deve essere effettuato nel luogo di ingresso dell'autoveicolo nella comunità europea (appunto Olanda), oppure nel luogo fi destinazione finale del bene (Italia)? Grazie e Saluti

Annina - 20/04/2021

Buongiorno a tutti. Ho una domanda: una srl effettua saltuariamente acquisti da fornitori extra ue di materiale di modico valore, l'importo non supera i 50-100 euro. La merce viene lasciata dal corriere senza documentazione, senza preavviso e a volte nella cassetta della posta. Alla luce della nuova normativa che entrerà in visgore il 1 luglio, l'azienda come dovrà comportarsi ai fini iva?

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2020 · 03/08/2021 Regime forfetario: cessioni di beni e prestazioni di servizi all'estero

Regole Iva delle cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di controparti estere

Regime forfetario: cessioni di beni e prestazioni di servizi all'estero

Regole Iva delle cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di controparti estere

Certificato di circolazione EUR1 pre-vidimati: utilizzo prorogato al 31 dicembre

Modalità di previdimazione dei certificati: EUR1, EURMET e A.TR prorogata al 31 dicembre 2021 per le esportazione verso Stati terzi diversi dalla Confederazione Elvetica

Rimborso IVA a turisti extracomunitari: occorre la consegna della fattura

Non basta il codice di invio in Otello della fattura elettronica per il rimborso IVA al turista extracomunitario ma serve la consegna della stessa

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.