HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

ETS: NELLA LEGGE DI BILANCIO 2021 UN FONDO PER LA LOTTA ALLA VIOLENZA DI GENERE

ETS: nella legge di bilancio 2021 un fondo per la lotta alla violenza di genere

La Legge di Bilancio 2021 istituisce un fondo contro la discriminazione e la violenza di genere con dotazione di 2 milioni per gli anni 2021-2023 in favore degli ETS

La Legge di Bilancio 2021 pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.322 diventata Legge n. 178 del 30 dicembre 2020 ed entrata in vigore il 1 gennaio, prevede nello stato di previsione del Ministero dell'Economia e delle Finanze per il successivo trasferimento al bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri un Fondo con dotazione di 2 milioni di euro per le annualità 2021-2023 per la lotta alla discriminazione e alla violenza di genere

Visita la nostra sezione dedicata al Terzo Settore con Software, ebook e Formulari sempre aggiornati, tra questi ti segnaliamo in particolare:

1) Il fondo contro la discriminazione e la violenza di genere

Il Fondo contro la discriminazione e la violenza di genere con una dotazione complessiva di 6 miloni di euro per il triennio 2021-2023 ha lo scopo di garantire:

  1. le attività di promozione della libertà femminile e di genere
  2. le attività di prevenzione e contrasto delle forme di violenza e discriminazione fondate sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità (ai sensi degli articoli 1 e 3 della Costituzione e della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, ratificata con legge n. 77/2013).

Destinatarie delle risorse del fondo sono le associazioni del terzo settore di cui al D.L.g.s. n. 117/2017 Codice del terzo Settore, che presentino determinati requisiti.

Il Fondo è destinato al sostegno delle spese di:

  • funzionamento e gestione delle citate associazioni, comprese le spese per il personale formato e qualificato,
  • recupero e rieducazione dei soggetti maltrattanti.

Si prevede inoltre che le amministrazioni competenti concedano in comodato d’uso gratuito alle associazioni citate beni immobili di utilizzo collettivo quali

  • luoghi fisici di incontro, relazione e libera costruzione della cittadinanza,
  • fruibili per tutte le donne
  • nei quali si svolgano attività di promozione di funzioni socio-aggregative, autoimprenditoriali per l’uscita in autonomia dalla violenza e culturali dedicate alle questioni di genere
  • nonché di erogazione di servizi gratuiti alla comunità di riferimento.

Il Dipartimento delle pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri disciplina entro il 31 marzo di ogni anno, le modalità e i criteri di erogazione delle risorse del Fondo.

2) Gli ETS destinatari del fondo

Destinatarie delle risorse del fondo sono le associazioni del terzo settore di cui al D.L.g.s. n. 117/201796 che presentino i seguenti requisiti.

  • l’indicazione nei rispettivi statuti di finalità ed obbiettivi relativi alla promozione della libertà femminile e di genere e alla prevenzione e al contrasto di discriminazioni di genere
  • lo svolgimento della propria attività da almeno tre anni
  • la presenza di un curriculum dal quale risulti lo svolgimento di attività documentate in attuazione delle citate finalità.

Ricordiamo che ai sensi dell'art 4 del Codice del Terzo Settore (DLgsn 117/2017) sono ETS enti del terzo settore:

  • le organizzazioni di volontariato,
  • le associazioni di promozione sociale,
  • gli enti filantropici,
  • le imprese sociali, incluse le cooperative sociali,
  • le reti associative,
  • le societa' di mutuo soccorso,
  • le associazioni, riconosciute o non riconosciute,
  • le fondazioni e gli altri enti di carattere privato diversi dalle società costituiti per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale mediante lo svolgimento, in via esclusiva o principale, di una o piu' attività di interesse generale in forma di azione volontaria o di erogazione gratuita di denaro, beni o servizi, o di mutualità o di produzione o scambio di beni o servizi, 

ed iscritti nel registro unico nazionale del Terzo settore.

Le modalità di ripartizione delle risorse del Fondo tra le associazioni aventi diritto sono definite con decreto del Ministro delle pari opportunità e la famiglia da emanare entro il 31 marzo di ogni anno.

3) La convenzione di Istanbul per la lotta alla violenza di genere

L'Italia, con la legge 77/2013, è stata tra i primi paesi europei a ratificare la Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica nota come Convenzione di Istanbul.

La Convenzione è il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante con l’obiettivo di creare un quadro globale e integrato che consenta la protezione delle donne contro qualsiasi forma di violenza, nonché prevedere la cooperazione internazionale e il sostegno alle autorità e alle organizzazioni a questo scopo deputate

La Convenzione stabilisce inoltre un legame tra l'obiettivo della parità tra i sessi e quello dell'eliminazione della violenza nei confronti delle donne.

Essa interviene specificamente anche nell'ambito della violenza domestica, che non colpisce solo le donne, ma anche altri soggetti, ad esempio bambini ed anziani, ai quali altrettanto si applicano le medesime norme di tutela.

La Convenzione individua negli Stati i primi a dover rispettare gli obblighi da essa imposti, i cui rappresentanti dovranno garantire comportamenti privi di ogni violenza nei confronti delle donne.

Gli obiettivi della Convenzione sono elencati nel dettaglio dall'articolo 1:

• proteggere le donne da ogni forma di violenza e prevenire, perseguire ed eliminare la violenza contro le donne e la violenza domestica;

• contribuire ad eliminare ogni forma di discriminazione contro le donne e promuovere la concreta parità tra i sessi, ivi compreso rafforzando l'autonomia e l'autodeterminazione delle donne;

• predisporre un quadro globale, politiche e misure di protezione e di assistenza a favore di tutte le vittime di violenza contro le donne e di violenza domestica;

• promuovere la cooperazione internazionale al fine di eliminare la violenza contro le donne e la violenza domestica;

• sostenere e assistere le organizzazioni e autorità incaricate dell'applicazione della legge in modo che possano collaborare efficacemente, al fine di adottare un approccio integrato per l'eliminazione della violenza contro le donne e la violenza domestica.

Si ricorda inoltre che il Governo adotta con cadenza biennale piani straordinari per contrastare la violenza contro le donne.

Dopo l'emanazione nel 2015 del primo Piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere è attualmente operativo il Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2017-2020.

Il nuovo Piano si fonda su quattro linee di intervento:

  1. prevenzione,
  2. protezione e sostegno,
  3. repressione dei reati, assistenza e promozione.

Per quanto riguarda le risorse finanziarie a sostegno degli interventi previsti dal Piano, occorre fare riferimento alle risorse del Fondo per le pari opportunità che sono appostate nello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze (MEF), per essere successivamente trasferite al bilancio della Presidenza del Consiglio.

Si ricorda che l’art. 105-quater del D.L.n. 34/2020 noto come decreto rilancio rubricato 

"Misure per la prevenzione e il contrasto della violenza per motivi legati all'orientamento sessuale e all'identità di genere e per il sostegno delle vittime"

incrementa di 4 milioni annui a decorrere dall'anno 2020, il Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità allo scopo di finanziare politiche per la prevenzione e il contrasto della violenza per motivi collegati all'orientamento sessuale e all'identità di genere e per il sostegno delle vittime.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 03/08/2021 RUNTS: SPID e CIE per accedere

Con Decreto della Direzione generale del Ministero del Lavoro sono apportate modifiche agli allegati al decreto istitutivo del RUNTS. Vediamo le principali.

RUNTS: SPID e CIE per accedere

Con Decreto della Direzione generale del Ministero del Lavoro sono apportate modifiche agli allegati al decreto istitutivo del RUNTS. Vediamo le principali.

Assemblee a distanza, anche on line, fino al 31 dicembre 2021

Sia per le società che per gli enti non commerciali, è stata disposta la proroga al 31 dicembre delle misure che permettono la tenuta delle assemblee dei soci a distanza

ETS: pubblicato in GU il decreto con criteri e limiti delle attività diverse

Pubblicato in GU N 177 del 26 luglio il decreto che disciplina i criteri e limiti delle attività diverse.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.