IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 03/11/2020

Alcuni interventi antisismici sono stati dimenticati dal 110%?

di Dott.ssa Fiammelli Matilde

Tempo di lettura: 3 minuti
superbonus

E’ forse possibile che nella corsa al superbonus dove gli interventi antisismici siano fra quelli che possono accedere al 110%,alcuni non siano ammessi?

Commenta Stampa

Risparmio energetico e sismabonus in alcune delle loro declinazioni particolari, sono fra gli interventi che beneficiano del 110%. 

In aggiunta, oltre agli interventi da superbonus, altri interventi previsti dall’art. 121, DL 34/2020 permettono, in alternativa alla detrazione di fruire o della cessione della detrazione stessa o di poter richiedere lo sconto in fattura al fornitore che ha effettuato i lavori.

L'articolo continua dopo la pubblicità

1) La regola generale

E’ da far notare che fra gli interventi, per così dire, di “tipo sismico”, che godono del superbonus vi sono quelli previsti dall’art. 16, DL 63/2013, cioè gli interventi di messa in sicurezza sismica degli immobili, che sorgono nelle zone 1, 2, 3 previste dall’ordinanza n. 3274/2003, costantemente aggiornata in funzione degli eventi sismici che accadono. 

In altre parole gode del superbonus del 110% il c.d. “sismabonus”. 

Le detrazioni spettanti nel caso di sismabonus raggiungono percentuali di detrazione come di seguito specificate: 

  • 70%, 80% della spesa, nel caso si intervenga sulle singole unità immobiliari delle zone 1, 2, e 3 e si proceda rispettivamente a garantire all’immobile dopo gli interventi uno (70%) o due (75%) salti di classe sismica. 
  • 75%, 85% della spesa, nel caso si intervenga sulle parti comuni immobiliari delle zone 1, 2, e 3 e si proceda rispettivamente a garantire all’immobile dopo gli interventi uno (75%) o due (85%) salti di classe sismica. 

Questa appena descritta è una maggiorazione della detrazione normalmente prevista dall’art. 16bis, lett. i) TUIR, che prevede la detrazione ordinaria del 50% degli interventi antisismici sugli immobili (in qualunque zona essi sorgano, anche la zona 4, la quale risulta essere la meno pericolosa). Nella pratica si tratta di una deroga alla regola generale. 

La doppia connotazione degli interventi antisismici che prevede: da un lato la detrazione del 50% per interventi antisismici ex art. 16bis, lett. i) TUIR dall’altro la detrazione che va dal 70% fino ad arrivare all’85% per gli interventi antisismici nelle zone 1, 2, 3 , art. 16, DL 63/2013 (sismabonus)

2) L’arrivo del Superbonus

Con l’avvento del superbonus le detrazioni per le spese per interventi antisismici, come sono descritte poco sopra, hanno subito le seguenti modifiche: 

  • la detrazione ex art. 16bis, TUIR,, lett. i), pari al 50% è rimasta inalterata; 
  • la detrazione ex art. 16, Dl 63/2013 (sismabonus), compresa fra il 70% e l’ 85% , è passata al110%.

3) Le alternative alla detrazione

Come è noto, in aggiunta a quanto sopra, le misure del superbonus, comprese quindi quelle di cui all’art. 16, DL 63/2013, appena descritte possono anche, in alternativa alla detrazione in dichiarazione, essere cedute o essere oggetto del c.d. sconto in fattura, ai sensi dell’art. 121, DL 34/2020.

Ciò che emerge, dalla lettura dell’art. 121, è che non sono citate fra quelle “cedibili o scontabili” proprio le spese antisimiche ex art. 16bis lett. i) TUIR che non sono state promosse 

  • nè al rango di superbonus e 
  • nemmeno previste, quanto meno per il loro 50%, fra le misure almeno cedibili o scontabili.

4) Conclusioni

Il monito è quindi quello di andare a verificare, fra l’altro, al fine di beneficiare della giusta detrazione gli elementi che seguono: la zona sismica ove sorge l’immobile, se si tratta di zone 1, 2 e 3, in questo caso spetterà la detrazione del 110%, per altro in alternativa cedibile oppure scontabile. Qualora si trattasse di una zona 4, in questo caso l’unica alternativa sarebbe quella di procedere con una detrazione in dichiarazione dei redditi pari al 50%, per altro senza possibilità di cederla e nemmeno richiedere lo sconto in fattura. Che si tratti o meno di una dimenticanza della norma, o di una previsione fondi, ciò non è dato di saperlo. Tuttavia, appare solo il caso di sottolineare che trattandosi comunque di interventi antisismici potrebbe accadere che quelli previsti dall’art. 16bis, lett. i) TUIR, si prestino ad errori di valutazione fiscale, proprio per la loro esclusione dalla disciplina agevolativa. Non si commetta, cioè, l’errore di pensare che, proprio perchè trattasi di interventi antisismici, tutto finisce connesso al beneficio del 110%.


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Credito di imposta nuovi investimenti (excel)
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Affrancamento partecipazioni 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 34,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Affrancamento terreni 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 34,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Calcolo valore usufrutto e rendite (excel)
In PROMOZIONE a 14,90 € + IVA invece di 15,90 € + IVA fino al 2021-02-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE