IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 05/01/2021

La Legge di Bilancio 2021 estende la rivalutazione dei beni di impresa ai beni immateriali

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 3 minuti
rivalutazione rendite numeri

La Legge di bilancio 2020, il decreto di agosto ed ora la legge di Bilancio 2021 rendono la rivalutazione dei beni dei impresa sempre piu' interessante e appetibile

Commenta Stampa

La Legge di Bilancio 2021 al c. 83  estende la possibilità di rivalutare i beni di impresa anche all’avviamento e alle altre attività immateriali risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2019. Il maggior valore attribuito ai beni può essere riconosciuto, ai fini delle imposte sui redditi e dell’IRAP, a decorrere dall’esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è stata eseguita, mediante il versamento di un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’IRAP nella misura del 3 per cento per i beni ammortizzabili e non ammortizzabili. 

Il saldo attivo della rivalutazione può essere affrancato, in tutto o in parte, con l'applicazione in capo alla società di un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, dell'IRAP e di eventuali addizionali nella misura del 10 per cento. 

Un breve riepilogo per orientarsi sulle rivalutazioni dei beni di impresa attualmente in vigore rimandando a chi è interessato all'ebook  Il nuovo regime di rivalutazione DL 104/2020 (eBook)  da cui è tratto questo breve speciale

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire scarica l'e-book  Il nuovo regime di rivalutazione DL 104/2020 (eBook)

1) Il quadro normativo delle Leggi di rivalutazione

In più occasioni, il Legislatore è intervenuto emanando leggi speciali volte a concedere alle imprese la possibilità di adeguamento dei valori di “libro” a quelli correnti, favorendone, al contempo, il rafforzamento patrimoniale. Suddette leggi offrono l’opportunità di riflettere in bilancio il valore recuperabile dei beni, derogando agli ordinari criteri di valutazione previsti all’art. 2426, Codice Civile ed ai principi contabili, imperniati perlopiù al concetto di costo storico. 

Le norme elaborate nel corso degli ultimi anni poggiano sull’impianto prescritto dalla Legge n. 342/2000, la quale fissa elementi comuni e regole di base da osservare nel processo di rivalutazione degli elementi patrimoniali. Tale legge ha rappresentato l’incipit di una serie di regimi di rivalutazione di volta in volta reintrodotti al fine di consentire una rappresentazione contabile quanto più aggiornata dell’impresa.

In questa legge si prevedeva, agli artt. da 10 a 16, la facoltà di procedere ad una rivalutazione volontaria ed onerosa dei beni d’impresa materiali ed immateriali, nonché delle partecipazioni in società controllate e collegate, risultanti dal bilancio relativo all’esercizio chiuso entro il 31 dicembre 1999, dietro pagamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, dell’Irap e relative addizionali, calcolata sui maggiori valori iscritti in bilancio. Le modalità attuative della rivalutazione venivano fissate dal D.M. 162/2001, il quale definiva specifiche tecniche di rivalutazione, criteri di individuazione delle categorie omogenee di beni rivalutabili ed il regime fiscale delle poste patrimoniali formatesi a fronte della rivalutazione degli asset.

Alcune di queste regole rivivono all’interno dei regimi attualmente vigenti, costituendo la base giuridica di riferimento. 

In dettaglio, allo stato attuale, coesistono i seguenti istituti:

  • Rivalutazione dei beni d’impresa prevista dalla Legge di Bilancio 2020 (art.1 commi da 696 a 704, L.160/2020), così come estesa dal “Decreto Liquidità” ai bilanci successivi al 2019;
  • Rivalutazione gratuita dei beni alberghieri prevista dal “Decreto Liquidità” (art. 6-bis, D.L. 23/2020);
  • Nuova rivalutazione dei beni d’impresa introdotta dal “Decreto Agosto” (art. 110, D.L. 104/2020).
  • Modifica dell'articolo 110 del decreto legge n. 104 del 2020  a cura della Legge di Bilancio 2021 con l'introduzione di un nuovo comma 8-bis, per effetto del quale viene estesa la possibilità di rivalutare i beni di impresa stabilita dall’articolo 14 della legge n. 324 del 2000, prevedendone l'applicabilità anche all’avviamento e alle altre attività immateriali risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2019. 

2) Una tabella riepilogativa delle rivalutazioni attualmente in vigore

Nella tabella sottostante, si focalizzano le caratteristiche principali delle richiamate rivalutazioni.

Regime

Rivalutazione ex Legge di Bilancio 2020 prolungata

Rivalutazione ex Decreto Agosto

Rivalutazione beni settore alberghiero e termale

Soggetti ammessi

Imprese Oic adopter

Imprese Oic adopter

Imprese Oic adopter operanti nel settore alberghiero o termale

Beni rivalutabili

Beni materiali, beni immateriali giuridicamente tutelati, partecipazioni di controllo e di collegamento immobilizzate

Beni materiali, beni immateriali giuridicamente tutelati, partecipazioni di controllo e di collegamento immobilizzate

Beni materiali, beni immateriali giuridicamente tutelati, partecipazioni di controllo e di collegamento immobilizzate

Esercizio di rivalutazione

2020, 2021, 2022

2020

2020, 2021

Modalità di rivalutazione

Categorie omogenee

Singolo bene

Categorie omogenee

Riconoscimento fiscale maggior valore

Automatico e oneroso

Facoltativo e oneroso

Automatico e Gratuito

Imposta sostitutiva

12% beni ammortizzabili/10 % beni non ammortizzabili

3%

Non dovuta

Decorrenza effetti fiscali

Terzo esercizio successivo

Esercizio successivo a quello di rivalutazione

Immediato


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE