HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI COVID-19

/

WELFARE AZIENDALE, LA SCADENZA 2018

Welfare aziendale, la scadenza 2018

Cosa si intende per welfare aziendale e come si puo fruire degli sgravi 2018: scadenza il 31 agosto per il deposito dei contratti aziendali

Il Welfare aziendale può essere definito come un pacchetto di servizi, beni e opere che l'azienda mette a disposizione dei propri dipendenti e dei loro familiari. Si tratta certamente di uno dei temi caldi del momento nel settore lavoro, recentemente al centro di misure di agevolazione da parte del Governo .
Cominciamo col dire che non esiste una normativa uniforme ed organica in materia di Welfare aziendale. Pertanto tutto ciò che viene riconosciuto dal datore di lavoro e che è volto al miglioramento della qualità della vita dei lavoratori rientra nel concetto di Welfare aziendale. Il Welfare aziendale infatti altro non è che il sistema che garantisce il benessere dei dipendenti. 
Il Welfare viene già da tempo, riconosciuto, almeno in parte, dai contratti collettivi nazionali di lavoro. Sono molteplici ad esempio, i contratti collettivi che prevedono  dei versamenti obbligatori da parte del datore di lavoro, nell'ambito dell'assistenza sanitaria integrativa. Ma anche nell'ambito della previdenza complementare: quasi la totalità dei CCNL prevede che nel caso in cui il lavoratore decida di destinare il proprio TFR ai fondi di previdenza il datore di lavoro debba effettuare il versamento di un ulteriore contributo al fondo.

Con  il 2018 il tema  del Welfare aziendale rimane uno dei temi di maggior interesse tra le imprese italiane e si registra un notevole incremento del numero di aziende che attraverso un regolamento o un accordo sindacale introduce opere e servizi in favore dei propri dipendenti.

Con la legge di Bilancio 2018 il legislatore è intervenuto nuovamente sull'art. 51 del TUIR, incrementando ulteriormente il numero di misure che, inserite nel piano Welfare, risultano esenti a livello contributivo e fiscale.

La l. n. 205/2017 ha infatti previsto la non imponibilità delle somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti per l'acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale del dipendente e dei familiari.

Pertanto, dal 2018 gli abbonamenti a treni, autobus e metro rientrano tra le misure erogabili sia in forza di un accordo sindacale o regolamento, sia per volontà unilaterale del datore di lavoro.
Rimane nel frattempo in vigore l'agevolazione contributiva introdotta nel 2017 per le aziende che adottano almeno due misure di Welfare entro il 31 agosto 2018 -DI 12.9.2017. (V. i dettagli nel paragrafo sotto).

Rientra sempre nel concetto di Welfare anche lo Smart Working di recente istituzione. Previsto dalla l. n. 81/2017 e definito “lavoro agile”, lo Smart Working già di uso comune in molti paesi, si affaccia nel nostro ordinamento come una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato che certamente può ampiamente facilitare la conciliazione vita-lavoro.

(...)

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti potrebbe interessare l'-ebook "Il welfare aziendale 2018" IN PROMOZIONE! Recentemente aggiornato con la circolare n. 5/E/2018 di Confindustria - chiarimenti in merito a premi di risultato e welfare aziendale.
Leggi l'articolo completo nella Circolare del lavoro n. 38 del 20.10.2017  - Vedi anche "Nel welfare aziendale anche l'abbonamento"

Trovi qui il testo del decreto interministeriale 2017 .

1) Welfare: l'elaborazione di un piano aziendale

Tuttavia il luogo dove il Welfare può trovare la propria massima applicazione è quello aziendale: le singole imprese sono infatti i soggetti che meglio possono individuare i bisogni dei dipendenti. Per scendere al livello pratico, di seguito vengono illustrate le fasi per l'istituzione del Welfare in azienda.

1.Analisi dei bisogni dei dipendenti

Il primo passo per attuare il Welfare in azienda sarà pertanto quello di effettuare un'indagine circa le misure più utili ai dipendenti.
Qualora esse non fossero già conosciute dall'Ufficio del personale, pensiamo ad esempio alle aziende di notevoli dimensioni, si potrà procedere con la consegna di un questionario in forma anonima ai dipendenti che dovranno restituirlo compilato. Il questionario può essere articolato attraverso domande a risposta multipla e può lasciare spazio anche a suggerimenti da parte dei lavoratori.

2.Analisi di fattibilità

L'azienda passa al vaglio le preferenze espresse dai dipendenti e individua le misure in concreto attuabili. Oggetto delle analisi aziendali saranno quindi sia l'organizzazione in concreto di tali misure che , e soprattutto, il budget da predisporre a tal fine. 

L'istituzione del Welfare può seguire due strade: l'accordo collettivo di secondo livello oppure il regolamento aziendale.

  1.  La stipula di un accordo sindacale aziendale è certamente la scelta più vantaggiosa per quelle aziende in cui esiste già un consolidato sistema di relazioni sindacali. Il Welfare può infatti rivelarsi come uno dei migliori strumenti per migliorare i rapporti con i sindacati.
  2. In alternativa è sempre possibile procedere con la stesura di un regolamento aziendale. In questo caso la fonte del Welfare non avrà natura negoziale ma costituirà un atto unilaterale del datore di lavoro.

Nell'elaborazione del Welfare si dovrà sempre fare attenzione a riconoscere misure omogenee per la totalità o per categorie di dipendenti individuabili attraverso criteri oggettivi. È infatti fondamentale non trasformare il Welfare in bonus "ad personam".
Conclusa la fase di elaborazione del piano, i dipendenti potranno iniziare a godere delle misure offerte dall'azienda. 

Una delle modalità più semplici è l'utilizzo delle piattaforme online, alle quali i dipendenti accedono avendo a disposizione una certa somma da "spendere".

Per la fruizione di specifici incentivi fiscali  legati a questo tipo di accordi è necessario che i contratti siano depositati presso l'Ispettorato del lavoro.

2) Welfare aziendale: l' incentivo del D.I. 12.9.2017

Come noto le misure di welfare, come anche i premi di produttività,  sono stati oggetto di agevolazioni fiscali, rafforzate notevolmente dalle leggi di stabilità 2016 e  2017 e rientrano anche in  un nuovo provvedimento.

Il decreto interministeriale del 12.9.2017  di attuazione dell'art. 25, d. lgs.n. 80/2015, infatti,   prevede l'istituzione di particolari agevolazioni nel caso la contrattazione aziendale preveda  misure di Welfare aziendale, volte  alla migliore conciliazione tra vita professionale e vita privata dei lavoratori, migliorative rispetto ai ccnl . L'agevolazione consiste in uno sgravio il cui ammontare verrà determinato in base alla disponibilità delle risorse  ma  non potrà essere superiore al 5% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali dichiarata nell'anno.

La condizione essenziale per accedere allo sgravio è quella di aver depositato il contratto collettivo aziendale presso l'Ispettorato territoriale del lavoro. Inoltre l'azienda deve risultare in regola con la normativa sul DURC e non deve aver fatto richiesta di questa agevolazione nel biennio 2017-2018

L'accordo aziendale deve prevedere  almeno due  misure rientranti nelle seguenti aree di intervento:

1.       Area di intervento genitorialità

2.       Area di intervento flessibilità organizzativa (smart working)

3.       Welfare aziendale

 Il contratto collettivo aziendale deve riguardare almeno il 70% dei lavoratori occupati. 

Come specificato dalla circolare n. 163/2017 dell'INPS, si ricorda che possono accedere allo sgravio le aziende che adotteranno piani di Welfare entro il 31 agosto 2018.

La successiva scadenza per la presentazione della domanda all'ente previdenziale, secondo quanto previsto dal decreto, è fissata al 15 settembre 2018.

Una volta ricevute le domande l'INPS emanerà una circolare esplicativa sulle misure di agevolazione effettivamente applicabili , sulla base delle risorse complessive.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI COVID-19 · 30/07/2021 Eco-bonus auto: dal 2 agosto via alle domande per gli incentivi

Dalle ore 10 del 2 agosto possibile prenotare le agevolazioni per auto con emissioni fino a 135 g/km di CO2 e dal 5 agosto le prenotazioni per i veicoli commerciali e speciali

Eco-bonus auto: dal 2 agosto via alle domande per gli incentivi

Dalle ore 10 del 2 agosto possibile prenotare le agevolazioni per auto con emissioni fino a 135 g/km di CO2 e dal 5 agosto le prenotazioni per i veicoli commerciali e speciali

Modelli Redditi e Irap 2021: stop ai contributi covid 19. Chi ha già inviato non rettifica

Con "avvertenza" le Entrate informano esercenti attività di impresa, arte e professione, oltre a lavoratori autonomi di NON indicare gli aiuti covid.

Fondo perduto perequativo: nessuna modifica nella conversione in legge del Sostegni bis

Per avere il fondo perduto perequativo occorre presentare la dichiarazione dei redditi entro il 10 settembre 2021. E' un contributo alternativo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.