HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

DOCUMENTI NON ESIBITI A RICHIESTA DEL FISCO NON PIÙ UTILIZZABILI

Documenti non esibiti a richiesta del Fisco non più utilizzabili

La Cassazione n. 21271 2016 ribadisce: i documenti non esibiti su specifica richiesta del Fisco non sono più utilizzabili a favore del contribuente

In tema di accertamento tributario i documenti non esibiti in risposta ad una specifica richiesta da parte dell’amministrazione finanziaria tramite questionario, non possono essere considerati a favore del contribuente né in sede amministrativa né in quella contenziosa , se l’Ufficio lo aveva informato delle conseguenze dell’inottemperanza. Questa la conclusione della Cassazione nella sentenza n. 21271 del 20 ottobre 2016.

IL CASO
L'Agenzia delle Entrate notificava un questionario a una società, invitandola a produrre la documentazione contabile riguardante il 2001, anno relativo al credito IVA chiesto a rimborso. In conseguenza dell’inottemperanza a tale invito, l’Agenzia emanava un avviso di accertamento contro cui la società, in prima battuta, presentava istanza di annullamento in autotutela, allegando i documenti richiesti con il questionario e relativi ad alcuni acquisti.
All’istanza di autotutela faceva seguito l’impugnazione in sede giurisdizionale dell’avviso di accertamento con cui la società lamentava che l’atto si basava unicamente sulla mancata produzione della documentazione giustificativa, poi ritualmente prodotta con la successiva istanza di autotutela, a sanatoria del precedente inadempimento. I gradi di merito si chiudevano entrambi a favore della società.
Col successivo ricorso per Cassazione,  l’Agenzia denunciava la violazione del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 55 e D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32. per avere la Ctr deciso la controversia sulla base di documenti inammissibili in quanto non ritualmente esibiti a seguito di specifico invito dell’amministrazione finanziaria ma solo a seguito di successiva presentazione dell’istanza di autotutela.
 

L'articolo continua dopo la pubblicità

Per approfondire scarica il Commento completo "Documenti non esibiliti e preclusione - Cass.21271/2916" con il testo integrale della sentenza.

Devi redigere un ricorso? Abbiamo tante guide e utilità dedicate al contenzioso nella sezione: Difendersi dal Fisco

Ti potrebbe interessare il Codice Tributario 2017 (testo cartaceo) edizione Maggioli Editore

1) Mancata produzione di documenti: preclusioni ed esimenti

È orientamento costante della Corte di cassazione, (espresso anche in merito all’accertamento sintetico), quello secondo cui “la mancata risposta al questionario, come la mancata esibizione o trasmissione di atti, documenti, libri e registri, in risposta agli inviti dell’ufficio, producono l’effetto d’impedirne la considerazione a favore del contribuente…” (Cass., 30 dicembre 2009, n. 28049; cfr. anche Cass., 10 gennaio 2013, nn. 453 e 455; Cass., 5 ottobre 2012, n. 17055).
Tuttavia, il citato art. 32, all’ultimo comma, attenua il rigore della preclusione consentendo la produzione dei suddetti elementi al “contribuente che depositi in allegato all’atto introduttivo del giudizio di primo grado in sede contenziosa le notizie, i dati, i documenti, i libri e i registri, dichiarando comunque contestualmente di non aver potuto adempiere alle richieste degli uffici per causa a lui non imputabile”. La valutazione della fondatezza dell’esimente dedotta dal contribuente resta dunque affidata al prudente apprezzamento del giudice (..)

Con l’ordinanza n. 3791 dello scorso 26 febbraio, ad esempio,  la Cassazione, nel riconoscere l’assenza di un comportamento colpevole da parte del contribuente ha specificato che il ritardo della Banca nel fornire la documentazione da trasmettere al Fisco è circostanza che potrebbe evitare la preclusione probatoria prevista dall’articolo 32, comma 4, del D.P.R. n. 600 del 1973, la quale deve essere applicata in modo da non comprimere ingiustificatamente il diritto di difesa.

E' particolarmente interessante pronuncia della Ctr di Milano (la n. 542/01/16) che ha cercato di definire quando una richiesta da parte dell’Amministrazione possa definirsi specifica: secondo i giudici milanesi l’inutilizzabilità in sede contenziosa dei documenti non prodotti in risposta all’ invito dell’amministrazione finanziaria opera solo ove la richiesta dell’Ufficio sia stata specifica, non essendo sufficiente un generico riferimento nel questionario ad una categoria di atti e documenti poiché la ratio della norma è quella di instaurare un confronto leale e trasparente tra Fisco e cittadino. (...)

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.