IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 14/06/2017

La dichiarazione dei forfettari: i quadri da compilare

di Rag. Lumia Luigia

Tempo di lettura: 6 minuti
regime_forfetario_168x126

Quadro LM ma non solo: i quadri da compilare per il forfettario 2016 e i controlli per la permanenza nel regime forfettario nel 2017

Commenta Stampa

Il regime forfetario è disciplinato ai commi 54-89 della Legge di stabilità 2015 (L.290-2014) e riguarda tutti i soggetti che determano il reddito applicando coefficienti di redditività differenziati a seconda del tipo di attività svolta e dell’ammontare dei compensi/ricavi realizzati. Sul reddito così ottenuto è prevista l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’Irpef, delle addizionali all’Irpef e dell’Irap, in misura pari al 15% o al 5% se sono soddisfatti determinati requisiti.

Anche se è il regime che accoglie i contribuenti minori,  ha molte specificità che lo rendono a volte non molto semplice.  Cerchiamo in questo approfondimento di vedere gli aspetti generali e alcuni aspetti particolari a cui i contribuenti forfettari devono prestare attenzione.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Segui le novità, gli approfondimenti e le notizie contenute nel Dossier Regime forfettario per i contribuenti minimi 2017

Potrebbe interessarti l'e-book: Partite Iva e nuovo regime forfetario 2017

 

1) Dati a cui prestare attenzione per la dichiarazione dei forfettari

I principali fattori da tenere sotto controllo prima di redigere la dichiarazione dei redditi dei contribuenti aderenti al regime forfettario sono i seguenti:

Possesso dei requisiti per rimanere nel regime

Il regime forfetario cessa di avere efficacia a partire dall’anno successivo a quello in cui:

  • viene meno anche solo uno dei requisiti previsti per l'accesso al regime stesso dal comma 54, art.1 L. 190/2014 (ad esempio, beni strumentali al 31.12 superiori ad € 20.000);
  • si verifica una delle cause di esclusione previste dal comma 57, art. 1 L.190/14  (regimi speciali IVA, non residenza, compravendita di immobili e auto, ecc.).

In questi casi il regime cessa di essere applicato dall’anno successivo a quello in cui viene meno uno dei requisiti di accesso, o si verifica una causa di esclusione. A differenza del regime dei minimi (di cui al D.l. 98/2011), non è prevista la cessazione del regime in corso d'anno.

Esclusione dagli studi di settore

I contribuenti che adottano il regime forfetario per gli esercenti attività d’impresa arti o professioni sono esclusi dall’applicazione degli studi di settore e dei parametri, e non devono nemmeno compilare le caselle relative alle cause d’inapplicabilità e/o d’esclusione dall’applicazione degli studi di settore, dei parametri presenti nei quadri RE, RF e RG.

2) Specificità della dichiarazione dei forfetari

Compilazione del quadro LM

Gli aderenti al regime forfetario:

  • compilano il quadro LM sezione II di UNICO 2017, e non il quadro RE come si fa di solito per i contribuenti con redditi di lavoro autonomo abituale
  • compilano in prospetto informativo nel quadro RS di cui si dirà di seguito.

La compilazione del quadro LM nel caso in cui si esercitino più attività

Il reddito dei forfettari è determinato applicando all’ammontare dei ricavi/ compensi percepiti per cassa nel periodo d’imposta 2016, il coefficiente di redditività indicato nella tabella allegata alla L.190/2014, diversificato a seconda del codice ATECO.

In particolare nel rigo LM22 in colonna 1 va indicato il codice dell’attività svolta in base alla classificazione delle attività economiche ATECO. Nel caso di svolgimento di più attività contraddistinte da diversi codici ATECO:

  • se le attività rientrano nel medesimo gruppo della tabella allegata alla Legge di stabilità 2015, il contribuente compila il rigo LM22, indicando:
    • in colonna 1 il codice ATECO relativo all’attività prevalente
    • in colonna 2 il relativo coefficiente di redditività
    • in colonna 4 il volume totale dei compensi e corrispettivi
    • in colonna 5 il relativo reddito determinato forfetariamente;
  •  se invece le attività rientrano in differenti gruppi della tabella allegata alla L. 190/2014 , il contribuente deve compilare dal rigo LM22 al rigo LM30 righi distinti per i diversi gruppi.

3) LM35 l'intera deduzione dei contributi assistenziali e previdenziali.

Nel rigo LM35 va indicato l’ammontare dei contributi previdenziali e assistenziali versati nel presente periodo d’imposta in ottemperanza a disposizioni di legge. Dal reddito così determinato, si possono dedurre per intero i contributi previdenziali, compresi:

  • quelli corrisposti per conto dei collaboratori dell’impresa familiare fiscalmente a carico
  • quelli versati per i collaboratori non a carico ma per i quali il titolare non ha esercitato il diritto di rivalsa (art. 1 comma 64 della legge 190 del 2014).


Possibilità di diminuire il reddito con le perdite pregresse in LM 37

Le perdite prodotte nei periodi d’imposta precedenti rispetto a quello d’ingresso nel regime forfettario possono essere computate in diminuzione dal reddito prodotto all’interno del regime secondo le ordinarie regole del TUIR (DPR 917/86).  Nel rigo LM37 vanno riportate tali perdite pregresse fino a concorrenza dell’importo di rigo LM36.
 

4) A proposito delle ritenute di acconto :

Ritenute d’acconto subite per errore nel quadro RN

Nel caso in cui il forfetario ha subito erroneamente delle ritenute, e sia impossibile correggere l'errore, se sono state regolarmente certificate dal sostituto d'imposta è possibile richiedere l'importo della ritenuta subita in questi due modi:

  • a rimborso con le modalità previste all’art. 38 del DPR 602/73,
  • scomputandola in dichiarazione. In questo caso l’importo totale delle ritenute complessivamente subite sui ricavi e compensi afferenti al regime forfetario, va indicato nel rigo RS 40 di “Unico 2017-PF”, denominato “Ritenute regime di vantaggio casi particolari”, e riportato, ai fini dello scomputo, nel rigo RN33 colonna 4 e/o nel rigo LM41.

Dati percettori dei redditi non soggetti a ritenuta in RS

Non essendo considerati dalla legge sostituti d’imposta, i forfettari sono esonerati dall’operare le ritenute alla fonte a titolo di acconto all'atto del pagamento di compensi, stipendi, provvigioni ecc; tuttavia il dettaglio dei percettori di redditi non soggetti a ritenuta deve essere indicato in un apposito prospetto nel quadro RS della dichiarazione Unico/2017.  Di tale prospetto si tratta nel prossimo punto.

5) Infine gli obblighi informativi nell’apposito prospetto RS

Una delle novità novità introdotte, già dallo scorso anno per i forfettari, è stata l’introduzione nel quadro RS del prospetto: Regime forfetario per gli esercenti attività di impresa, arti e professioni-obblighi informativi.

  • Nella prima parte del prospetto devono essere indicati i dati dei redditi erogati per i quali all’atto del pagamento non è stata operata la ritenuta alla fonte compilando i righi RS371, RS372 e RS373 con i redditi ed il codice fiscale del percettore.
  •  Nella seconda parte del prospetto devono essere comunicati i dati degli esercenti attività d’impresa in merito a:
    • al numero complessivo delle giornate di lavoro retribuite ai dipendenti;
    • al numero complessivo dei mezzi di trasporto/veicoli posseduti nello svolgimento dell’attività alla data di chiusura del periodo d’imposta. Si ricorda che concorrono al 50% i beni utilizzati in uso promiscuo per l’attività d’impresa e per scopi personali (come appunto le autovetture) indipendentemente da quanto previsto da specifiche norme presenti nel TUIR;
    • all’ammontare del costo sostenuto per l’acquisto di materie prime e sussidiarie, semilavorati e merci;
    • ai costi sostenuti per il godimento di beni di terzi (canoni di leasing, royalties…) 
  • Nella terza parte del prospetto devono essere comunicati i dati degli esercenti attività di lavoro autonomo in merito al:
    • numero complessivo delle giornate di lavoro retribuite ai dipendenti,
    • ai compensi corrisposti a terzi per l’attività professionale e artistica (ad esempio quando si paga il commercialista per l'assistenza, il consulente del lavoro per le buste paga, …),
    • ai consumi (i servizi telefonici; energia elettrica; carburanti, lubrificanti e simili utilizzati esclusivamente per la trazione di autoveicoli).

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Eorla Eorla - 18/06/2019
Ma il quadro RB se acquistata abitazione va compilato
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Grammar Nazi Grammar Nazi - 17/08/2017
Nel caso in cui il forfetario ABBIA subito erroneamente delle ritenute
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-11-10
Busta Paga Colf 2020 - Foglio di calcolo (excel)
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE