Speciale Pubblicato il 16/04/2015

Acquistare una casa all'asta: ecco come fare

di Tossani Dott.ssa Claudia

acquisto immobili all'asta opzione del prezzo valore

Per acquistare una casa all'asta occorre effettuare accurati controlli per evitare cattive sorprese

Acquistare casa all’asta ad un prezzo più basso di quello di mercato è possibile sia rivolgendosi alle aste dei tribunali sia alle aste per le dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico. Un’opportunità sempre più alla portata di tutti grazie all’accelerazione delle procedure e all’introduzione delle aste telematiche gestite dai notai.
Partecipare alle aste è semplice in quanto per legge tutte le informazioni devono essere disponibili on line. Basarsi solo sul prezzo, però, può rivelarsi un errore perché nel caso degli immobili pignorati è possibile la vendita anche in caso di abusi edilizi e soprattutto in presenza di consistenti morosità condominiali che resteranno poi, almeno in gran parte, a carico dell’acquirente.
Occorre, quindi, prestare molta attenzione all’effettivo stato dell’immobile e non trascurare mai una visita e un colloquio diretto con il custode.
Per approfondire abbiamo preparato un ebook che guida passo per passo ai controlli che occorre effettuare per evitare cattive sorprese perché tra le peculiarità della vendita all’asta c’è anche l’impossibilità di recedere dall’acquisto in caso di vizi o della presenza di altri fattori destinati a deprezzare l’immobile o a introdurre oneri non preventivamente considerati.

 

L'acquisto di una casa all'asta ha meno garanzie

Il trasferimento di un immobile offerto all’asta avviene sulla base delle modalità comuni a tutti i trasferimenti immobiliari, ossia:
- acquisto a corpo e non a misura;
- acquisto nello stato di fatto e di diritto in cui i beni si trovano, con tutte le pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, eventuali servitù attive e passive.
In base alle norme sull’acquisto a corpo e non a misura, è possibile contestare il prezzo pagato solo nel caso in cui la metratura indicata nell’atto di acquisto dovesse essere inferiore di almeno un quinto rispetto a quella effettiva. Evidentemente si tratta di un caso praticamente solo di “dottrina”, dato che comunque nella procedura d’asta sono a disposizione tutti i dati relativi all’immobile comprese le pian- tine catastali, ed è sempre consentito visionare direttamente l’appartamento.
Per approfondire acquista l'e-book  Acquistare casa all'asta

La documentazione da verificare prima dell'acquisto di una casa all'asta

Tutta la documentazione riferita al singolo immobile viene messa a disposizione dei potenziali acquirenti. Si tratterà della perizia, nel caso di aste giudiziarie, o del fascicolo dell’immobile.
Fanno parte della documentazione anche le planimetrie e i dati catastali mentre, per espressa previsione di legge, in caso di acquisto all’asta non è prevista la consegna dei certificati di conformità degli impianti e della certificazione energetica.
In ogni caso la vista in loco è indispensabile e per questo è necessario rivolgersi al custode: incaricato dal tribunale o al referente scelto dall’ente pubblico, in caso di aste dismissive. In ogni caso le perizie e tutta la documentazione del fascicolo sono fondamentali per conoscere tutti i vincoli che pesano sull’im- mobile e gli eventuali costi ai quali si va incontro, oltre al costo di acquisto, sia per quel che riguarda eventuali abusi edilizi che sul fronte dei rapporti con il condominio.
Per approfondire acquista l'e-book  Acquistare casa all'asta

Ecco cosa fare per acquistare una casa all'asta senza cattive sorprese

Ecco i principali argomenti trattati dall'e-book Acquistare casa all'asta
1. La caratteristica della vendita all’asta
1. L’acquisto senza garanzia.
2. La documentazione da verificare
3. Risultanze catastali e stato dell’immobile
4. Gli abusi edilizi
5. Gli interventi ammessi alla sanatoria
6. I costi della sanatoria
2. Diritti reali e problematiche condominiali.
1. L’occupazione dell’immobile
2. I diritti reali sull’immobile
3. L’obbligo di trascrizione.
4. L’usufrutto
5. Il diritto di abitazione
6. La casa assegnata all’ex coniuge
7. Il diritto di superficie
8. Le servitù
9. Vincoli urbanistici e atti d’obbligo del costruttore
10. L’immobile dato in locazione
10. Il condominio
11. I crediti del condominio
12. Le rate pagate dal custode
13. Le morosità condominiali e gli obblighi dell’acquirente.
14. Il periodo di riferimento
15. L’attribuzione delle morosità pro quota.
3. Lo svolgimento delle aste.
3.1. Le modalità di vendita .
2. Le aste telematiche
3. I dati da indicare nell’offerta
4. La cauzione
5. L’offerta e l’aumento di un quinto
6. L’apertura delle buste
7. L’asta con incanto
8. La presentazione delle offerte
9. Possibili ulteriori offerte al rialzo.
10. Se l’asta va deserta
11. Se non si paga il prezzo
12. Il decreto di trasferimento
4. Le aste giudiziarie
1. Il pignoramento disposto dal giudice
2. La perizia sull’immobile
3. I dati del creditore
4. Se il creditore è una banca
5. L’identikit dell’immobile
6. Il prezzo di vendita
7. L’ordinanza di vendita
8. Il ruolo del custode
9. Le visite all’immobile  
 
5. Le aste di Equitalia
1. Il prezzo fissato per legge
2. Le offerte al rialzo.
3. Possibili ulteriori offerte nei 10 giorni successivi
4. Se l’asta va deserta
5. La pubblicità sui siti autorizzati  
6. Imposte e mutui.
1. IVA o registro .
2. Il prezzo-valore.
3. Il mutuo per l’acquisto
4. Le condizioni del finanziamento
5. La mancata aggiudicazione.



Prodotti per Agevolazioni prima casa 2019, Ristrutturazioni Edilizie 2019

10,48 € + IVA
8,90 € + IVA
 

GRATIS


Commenti

ho comprato un immobile all'asta,dopo l'aggiudicazione è morto il debitore e il coniuge superstite invoca il diritto di abitazione ai sensi dell'art.540 del C.C.,notaio che ha effettuato l'asta dice che non ne ha diritto,ma lo stesso si è rivolto al giudice,chi ha ragione,chi ha acquistato e quidi deve entrare in ppossesso o il coniuge del defunto?

Commento di michele (10:19 del 05/12/2015)

Vorrei comprare all'asta la mia prima casa. Posso godere delle agevolazioni fiscali per la prima casa anche se l'acquisto viene fatto all'asta giudiziaria? L'acquisto della prima casa è un sogno che finalmente potrò realizzare ma vorrei evitare brutte sorprese dovute da errori di valutazione. Non sono esperto in questo settore e vorrei affidarmi a dei professionisti. Credo ci voglia competenza e valentìa nel valutare correttamente la perizia di valutazione dell'immobile. Sicuramente si possono fare ottimi affari immobiliari acquistando all'asta e se posso godere anche delle agevolazioni fiscali per la prima casa, tutto diventa ancora piu conveniente. Ovviamente dovrò scegliere un immobile che non sia occupato e che non abbia sanatorie troppo costose da effettuare. A tal proposito, è proprio necessario pagare le sanatorie catastali per adeguare l'immobile una volta acquistato l'immobile all'asta? C'è un controllo successivo all'acquisto? Grazie

Commento di Michele (18:30 del 02/01/2016)

Sto guardando alcune case all'asta nella mia città ed ho trovato il vostro articolo molto interessante. Ma mi chiedo: a quali brutte sorprese potrei andare incontro acquistando una casa all'asta e, soprattutto, è vero quello che dicono in quest'altro articolo

http://www.fallimenti.it/asta-immobiliare/asta-immobiliare-e-imposta-di-registro-dopo-il-93decreto-salva-banche94-3436

Commento di Alba (19:28 del 27/04/2016)

buongiorno, ho acquistato un immobile all'asta, ho saldato l'importo il 6 maggio 2016, ma ad oggi non mi è ancora pervenuta notifica di assegnazione definitiva. vorrei sapere se ci sono tempi prestabiliti oltre i quali l'operazione diventa nulla o non ci sono problemi di questo genere? inoltre ci sono motivazioni che possono indurre il giudice a non procedere? Grazie

Commento di Rosa (09:57 del 15/06/2016)

non hai avuto risposta al commento?hai preso possesso?

Risposta di fabio (19:38 del 03/10/2016) al commento di Rosa

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)