Speciale Pubblicato il 20/09/2013

Acquisto mobili e grandi elettrodomestici: i chiarimenti dell'Agenzia

di Dott. Stefano Baruzzi

cucina

Sull'acquisto di mobili ed elettrodomestici a servizio di unità immobiliari ristrutturate l'Agenzia delle Entrate con la circolare 29 del 18 settembre ha fornito importanti chiarimenti

L’articolo illustra i più importanti chiarimenti forniti dalla circolare n. 29/E del 18 settembre 2013 sulla detrazione fiscale riconosciuta per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici a servizio delle unità immobiliari ristrutturate.
Nel nostro recente articolo dedicato alle novità in tema di detrazioni IRPEF per il recupero edilizio e per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici da destinare ad arredo dell’immobile ristrutturato abbiamo fatto presente come, soprattutto con riferimento a quest’ultima detrazione, sussistessero numerosi e rilevanti dubbi cagionati dalla scarsa qualità della norma, individuando i principali punti meritevoli di chiarimento.
L’Agenzia delle Entrate è stata assai tempestiva nell’emanare un’ampia circolare interpretativa (la n. 29/E del 18 settembre 2013), dedicata alle detrazioni sulla riqualificazione energetica ed edilizia e al “bonus arredi”.
Altrettanto tempestivamente riteniamo opportuno riassumere nel presente articolo, a beneficio dei lettori e a integrazione del nostro recente lavoro, i principali chiarimenti forniti dalle Entrate circa la detrazione per gli arredi.

Ecco in sintesi le conferme e le interpretazioni dell'Agenzia

• La circolare conferma che gli interventi di recupero che costituiscono presupposto del beneficio non sono limitati alla “ristrutturazione edilizia” (espressione usata nella norma), ma comprendono anche la manutenzione straordinaria e il restauro/risanamento conservativo di singole unità immobiliari residenziali o di parti comuni condominiali; per queste ultime sono sufficienti anche interventi di semplice manutenzione ordinaria.
Non è stata invece accolta dalle Entrate l’interpretazione più ampia - proposta, sia pure dubitativamente, dalla generalità dei commentatori - secondo cui, alla luce della formulazione della norma, la detrazione sembrava poter essere estesa anche a tutti gli altri interventi “minori” individuati, ai fini della detrazione per il recupero edilizio, dall’articolo 16 bis del TUIR.
• Tra gli interventi di recupero edilizio che possono legittimare il “bonus arredi” è stato confermato che rientrano anche quelli di ristrutturazione o di restauro/risanamento conservativo di interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare o da cooperative edilizie, ai quali faccia seguito la vendita delle unità immobiliari: sia il bonus per il recupero edilizio – con particolari modalità di calcolo – sia quello per gli arredi competono, in questi casi, agli acquirenti.
• La circolare precisa, favorevolmente, di considerare idoneo, ai fini del “bonus arredi”, il sostenimento di spese per i lavori di recupero fin dal 26 giugno 2012 (data di potenziamento al 50% della detrazione per il recupero edilizio da parte del D.L. n. 83/12), in quanto rappresentativa di lavori in corso di esecuzione o terminati da un lasso di tempo contenuto, potendosi così presumere che l’acquisto sia diretto al completamento dell’arredo dell’immobile su cui i lavori sono stati effettuati.
• La circolare conferma che le spese per l’acquisto degli arredi possono essere sostenute anche prima di quelle per la “ristrutturazione”, a condizione che siano stati già avviati i lavori di recupero dell’unità cui i beni sono destinati. In pratica, la data di inizio lavori deve essere anteriore a quella in cui sono sostenute le spese per l’acquisto degli arredi, ma non è necessario che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’abitazione.
• Il “bonus arredi” compete per le spese di acquisto di mobili, grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013: tali arredi – per i quali la circolare fornisce un’ampia elencazione esemplificativa - devono essere nuovi.
La circolare conferma che nell’importo delle spese sulle quali è possibile applicare la detrazione possono essere considerate anche le spese di trasporto e di montaggio, se sostenute con bonifico bancario o postale oppure –novità –mediante carte di credito o di debito: in questi ultimi due casi la data di pagamento è individuata nel giorno di utilizzo della carta da parte del titolare.
• La circolare conferma, infine, che l’importo massimo di euro 10.000 su cui calcolare la detrazione è riferito alla singola unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze, o alla parte comune oggetto di “ristrutturazione”, prescindendo dal numero dei contribuenti che partecipano alla spesa.
Pertanto, al contribuente che esegua lavori di ristrutturazione su più unità il bonus mobili è riconosciuto più volte quante sono le unità e l’importo massimo di euro 10.000 dovrà essere riferito a ciascuna unità abitativa oggetto di ristrutturazione.

Vai alla sezione del Business Center con E-book e utilità dedicate alle Ristrutturazioni, Risparmio energetico e tutte le Agevolazioni per la casa

Per tenerti aggiornato e porre dei quesiti vai ai seguenti link:

Se hai un dubbio e vuoi porre un quesito vai alla Sezione del Forum dedicato alle Detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie e Risparmio energetico

Visita anche il Dossier dedicato alle Ristrutturazioni Edilizie  ricco di approfondimenti, Normativa, risposte alle domande piu' frequenti.

Ti potrebbero interessare anche gli articoli pubblicati sul Blog di Fisco e Tasse sulle Ristrutturazioni Edilizie e Risparmio Energetico




Prodotti per Agevolazioni prima casa 2019, Ristrutturazioni Edilizie 2019

10,48 € + IVA
8,90 € + IVA
 

GRATIS


Commenti

Grazie per questi articoli, cè bisogno di chiarezza su queste iniziative che di questi tempi fa molto comodo conoscere (sono compresi anche letti, divani ecc..)

Commento di VamaDivani (17:14 del 20/09/2013)

Buona sera, ho un dubbio: se ho già speso 10.000,00 euro per l'acquisto di mobili nel 2013 in seguito a ristrutturazione edilizia, posso spendere altri 10.000,00 euro per completare l'arredamneto della mia casa nel 2014? grazie

Commento di anna (15:34 del 15/11/2014)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)