HOME

/

FISCO

/

CEDOLARE SECCA 2021

/

CEDOLARE SECCA DEL 20 PER CENTO SUGLI AFFITTI: DIVENTA REALTÀ CON L'AVVENTO DEL FEDERALISMO FISCALE

Cedolare secca del 20 per cento sugli affitti: diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale

La cedolare secca sugli affitti (aliquota del 20%), promessa mai mantenuta degli ultimi anni, diventa realtà con l'avvento del federalismo fiscale e si pone come strumento privilegiato per la lotta all'evasione. Per i contratti in nero vengono previsti deterrenti abbastanza originali...ma procediamo con ordine.

AGGIORNAMENTI:
dopo un lungo iter di approvazione, il Federalismo fiscale municipale è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2011, ed entrerà in vigore a partire dal 7 aprile 2011.
Sono state apportate modifiche alla disciplina della Cedolare secca, con l'introduzione di due aliquote, 21% per i contratti di locazione diversi da quelli a canone concordato e 19% per i contratti a canone concordato, relativi ad abitazioni ubicate nei comuni ad alta tensione abitativa, per un approfondimento si rinviano ai seguenti articoli aggiornati:
  1. Cedolare secca e il suo debutto con l'approvazione del Federalismo Fiscale
  2. Il federalismo fiscale è legge: la cedolare secca in vigore da oggi 7 aprile
  3. Federalismo fiscale: la cedolare secca e le modalità di opzione e versamento
___________________________________________________________________________

Lo schema di decreto legislativo approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri, nella seduta del 4 agosto, prevede che dal 1° gennaio 2011 è devoluto ai Comuni, relativamente agli immobili ubicati nel loro territorio, il gettito derivante dai seguenti tributi:

• imposta di registro ed imposta di bollo  sui contratti di locazione;
• imposte ipotecaria e catastale;
• imposta sul reddito delle persone fisiche, in relazione ai redditi fondiari, escluso il reddito agrario;
• imposta di registro ed imposta di bollo sui contratti di locazione relativi ad immobili;
• tributi speciali catastali;
• tasse ipotecarie;
• cedolare secca sugli affitti.

Sicuramente la misura piu’ attesa è la cedolare secca sugli affitti che dovrebbe attestarsi sul 20%-25%.

Per aggiornamenti, notizie e approfondimenti segui il Dossier Locazioni immobili 2021 e il Dossier Dossier Cedolare secca 2021

Acquista subito in promozione il Pacchetto Tutto locazioni contenente 2 ebook sulle locazioni abitative e locazioni brevi, 1 file excel per il calcolo della convenienza della cedolare e Formule.

Per la gestione dei contratti di locazione di immobili potrebbe interessarti il nostro Software Contratto.Cloud, scegli l'opzione più adatta alle tue esigenze.

1) Come funziona la cedolare secca sugli affitti

In pratica il proprietario di immobili ad uso abitativo puo’ scegliere di applicare il regime ordinario o quello sostitutivo mediante applicazione della cedolare secca che dovrebbe attestarsi sul 20-25% del canone di locazione intero.

L’opzione potrà essere esercitata per la tassazione dei canoni di locazione relativi ai contratti aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze e la cedolare secca sostituirà l’IRPEF le relative addizionali, l’imposta di registro e l’imposta di bollo sul contratto di locazione.

Andrà presentata lo stesso la dichiarazione dei redditi, ma la registrazione del contratto di locazione assorbirà anche l’obbligo di comunicazione alla Questura.

La cedolare secca è versata entro il termine stabilito per il versamento dell’IRPEF e sarà pagata sia a saldo dell’anno precedente che in acconto per l’anno in corso.

 La misura dell’acconto sarà dell’85 per cento per l’anno 2011 e del 90 per cento dal 2012; un decreto dell’Agenzia stabilirà modalità e termini per il nuovo adempimento.

Per i contratti agevolati il decreto prevede che la cedolare secca sia calcolata sul canone pattuito ridotto del 20 per cento ( la cedolare secca si applichera’ infatti, ordinariamente, sul 100% dei canoni e non come attualmente sui canoni ridotti del 15% ulteriormente ridotti del 30% se convenzionati).

Occorrerà fare bene i conti….. se per i canoni concordati la cedolare secca sia veramente conveniente o no.

2) Pesanti sanzioni per gli affitti in nero

Pesanti sanzioni sono previste per chi non registra il contratto o lo registra con un canone inferiore a quello effettivo.
Le sanzioni da 516,46 a 2065,86 possono raddoppiare o anche quadruplicare e poi è prevista una sanzione assolutamente originale che potrà essere un forte deterrente per l’evasione.
Il proprietario potrà essere condannato ad affittare l’immobile per almeno 4 anni anni a un canone pari al triplo della rendita catastale. Di fatto l’inquilino riceverà un notevole premio e sarà quindi stimolato alla denuncia del contratto in nero.
La legge pero’ prevede su questo canone “light” l’aggiornamento ISTAT. !!!!!

Queste sanzioni si applicano sia quando il contratto di locazione è registrato con un canone di locazione fittizio , sia quando è registrato un contratto di comodato….. sempre fittizio.

I Comuni inoltre parteciperanno attivamente all’accertamento e potranno:

a) partecipare al maggior gettito derivante dall’accatastamento degli immobili finora non dichiarati in catasto;
b) accedere ai dati contenuti nell’anagrafe tributaria relativi:
  1. ai contratti di locazione nonché ad ogni altra informazione riguardante il possesso o la detenzione degli immobili ubicati nel proprio territorio;
  2. somministrazione di energia elettrica, di servizi idrici e del gas relativi agli immobili ubicati nel proprio territorio; 
  3. ai soggetti che hanno il domicilio fiscale nel proprio territorio;
  4. ai soggetti che esercitano nello stesso un’attività di lavoro autonomo o di impresa;
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

nino - 21/04/2015

Io sono ho affittato una camera da circa 2 anni e mezzo, la proprietaria non ha mai registrato il contratto e ogni mese verso tramite conto bancario la cifra pattuita aggiungendo come causale versamento "affitto di mese e anno" io alla luce di questa situazione posso essere cacciato di casa se decido di denunciare la proprietaria?

Bruno - 05/02/2012

Buongiorno, vivo dal 1 giugno 2011 in un appartamento dove pago 780 euro mese di affitto. Il problema e' questo: La proprietaria ha registrato un contratto dove dichiara che io pago 400 euro mese e poi me ne ha fatto firmare uno con l importo esatto di 780 non registrandolo. Lei ha registrato quello di 400 dicendomi che se non pago o succede qualcosa andrà a registrare quello con importo esatto. Il contratto diciamo "esatto" riporta la data del 1 giugno quindi non può più registrarlo. I pagamenti avvengo con due bonifici distinti uno da 400 con causale " affitto mese di...." e uno sempre sullo stesso conto del proprietario di 380 euro con causale prestito e fatto dal conto della mia ragazza . Volevo sapere se io denunciassi alla finanza questa situazione a cosa si va incontro da entrambi le parti? Grazie x le risposte

Salvatore - 04/02/2012

Salve, sono un inquilino della provincia di Napoli e vorrei sapere, se possibilie, se nel caso in cui facessi un’autodenuncia all’Agenzia delle Entrate, che tipo di tassa o sanzione andrei a pagare circa? Con precisione vorrei sapere se mi toccasse pagare qualche sanzione per il fatto che sono trascorsi 10 anni? Devo farvi presente che sono disoccupato e abitiamo in una casa da 10 anni circa con mia moglie e due bambini. La proprietaria non mi ha mai rilasciato il contratto e non lo ha mai registrato e pago in contanti 290 euro al mese senza ricevere alcuna ricevuta. Ma ho le utenze regolarmente registrate a mio nome e abbiamo la residenza da 10 anni. Grazie.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CEDOLARE SECCA 2021 · 25/11/2021 Cedolare secca: spetta per l'appartamento del custode affittato al condominio

Un privato vuole subentrare come locatore nel contratto con cedolare secca verso un condominio e chiede se ha diritto alla cedolare secca essendo il conduttore un condominio

Cedolare secca: spetta per l'appartamento del custode affittato al condominio

Un privato vuole subentrare come locatore nel contratto con cedolare secca verso un condominio e chiede se ha diritto alla cedolare secca essendo il conduttore un condominio

Cedolare secca 2021: con quali codici tributo posso versare l'imposta?

Ecco i codici tributo per versare la cedolare secca sia a saldo che in acconto

Cedolare secca locazioni brevi: attenzione ai nuovi limiti del 2021

Locazioni brevi 2021: possibile scegliere la cedolare secca al 21%? Si ma a certe condizioni. Tra novità e conferme ecco a cosa prestare attenzione.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.