Rassegna stampa Pubblicato il 15/02/2006

Internet in libertà vigilata

Il datore di lavoro non può monitorare i siti Internet visitati dal lavoratore

Il Garante della Privacy, nel decidere un ricorso sottoposto al suo esame, ha vietato ad una società l'uso dei dati relativi alla navigazione in Internet di un lavoratore, tra l'altro non autorizzato a navigare. Le prescrizioni fornite dal garante non sostituiscono, ma si aggiungono a quelle previste dalla legge 300/1970 (Statuto dei diritti dei lavoratori).
In altre parole le indicazioni su eventuali comportamenti non illegittimi in base alla legge sulla privacy non devono essere intese come un lasciapassare rispetto a possibili controlli a distanza dei lavoratori.

Puoi diventare DPO partecipando al corso  di Formazione specializzante per Data Protection Officer e professionisti in materia di protezione dei dati personali organizzato dall'Università di Bologna: per saperne di piu' clicca qui

Ti potrebbe interessare l'eBook in pdf di recente pubblicazione La Privacy negli studi professionali (eBook 2019) e il Pacchetto Tutela della Privacy contenente due ebook in pdf di approfondimento. Per rimanere sempre aggiornato segui il nostro Dossier gratuito sulla Privacy

 

Fonte: Italia Oggi




Prodotti consigliati per te

 
15,50 € + IVA
48,00 € + IVA
48,00 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)