HOME

/

LAVORO

/

LAVORO DIPENDENTE

/

OMESSO VERSAMENTO RITENUTE: NON RILEVANTI LE DIFFICOLTÀ ECONOMICHE

Omesso versamento ritenute: non rilevanti le difficoltà economiche

La Cassazione conferma il dolo e la condanna alla detenzione per il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali. Non rilevano le motivazioni di crisi dell'impresa

Ascolta la versione audio dell'articolo

La Corte di Cassazione nella sentenza 44861 2022 ha confermato la legittimità  della condanna a due mesi e venti giorni di reclusione sancita dalla Corte territoriale per   il  legale rappresentante di una spa, per omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali operate sulle  retribuzioni dei  dipendenti tra il dicembre 2013 e  il novembre 2015 per un importo di circa 135.000 euro.

La cassazione precisa  infatti che  il datore di lavoro  ha l'obbligo di  accantonare  per tempo le somme da versare all'Erario e all'INPS   perche il debito d'imposta   non può essere evaso  neppure in favore dell'erogazione degli stipendi.

Il ricorrente aveva evidenziato in sua difesa le difficoltà economiche  dell'azienda presenti al momento del mancato adempimento, testimoniate anche dal ritardato versamenti delle retribuzioni ai dipendenti.

La suprema Corte  riafferma anche   il principio per cui per il reato  di omesso versamento delle ritenute fiscali e contributive è sufficente la configurazione di dolo generico e  non il fine di evasione fiscale.

Inoltre,  ricorda la Cassazione,  il dolo generico può  essere escluso solo in considerazione del modesto importo delle somme non versate o della discontinuità ed episodicità delle  inadempienze (cfr. Cass. sez. 3 n.3663 del 8/1/2014), evenienza che non ricorre nel caso di specie.

Il dolo deve ritenersi perciò integrato dalla consapevole scelta di omettere i versamenti dovuti, che si verifica anche se il datore di lavoro, in presenza di una

situazione di difficoltà economica, decide di dare preferenza al pagamento  degli emolumenti ai dipendenti ed alla manutenzione dei mezzi destinati allo

svolgimento dell'attività di impresa, e di  posticipare  il versamento delle ritenute.

Onere del datore di lavoro infatti è quello di " ripartire le risorse esistenti all'atto della corresponsione delle retribuzioni in modo da adempiere al proprio obbligo   contributivo, anche se ciò comporta l'impossibilità di pagare i compensi nel loro  intero ammontare".

La cassazione respinge dunque il ricorso in quanto "manca ogni presupposto per invocare l'impossibilità di adempiere  l'obbligazione dovendo, la punibilità della condotta, perche la pubnibilità risiede proprio nel mancato accantonamento delle somme dovute all'Istituto (in nome e per conto del quale tali somme sono state trattenute)". 

Tag: RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2024 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2024 LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO DIPENDENTE · 05/03/2024 Bonus lavoratrici madri: perimetro di tassazione

Le Entrate con interpello n 57/2024 chiariscono quando non sono imponibili le somme corrisposte come wellfare aziendale alle lavoratrici madri

Bonus lavoratrici madri: perimetro di tassazione

Le Entrate con interpello n 57/2024 chiariscono quando non sono imponibili le somme corrisposte come wellfare aziendale alle lavoratrici madri

Fondo solidarietà telecomunicazioni operativo dal 15.2

Operativo, con la nomina del Comitato amministratore, il nuovo Fondo di solidarietà per il settore telecomunicazioni: stop agli assegni FIS per periodi dal 31 gennaio 2024

Sicurezza sul lavoro:  le nuove misure nel DL PNRR 2024

Dopo i gravi casi di incidenti sul lavoro nel DL PNRR rafforzamento delle tutele: più controlli , Patente a punti per le imprese virtuose, sanzioni penali per il lavoro nero

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.