HOME

/

PMI

/

DEDUCIBILITÀ E DETRAIBILITÀ AUTO 2022

/

PRATICHE AUTOMOBILISTICHE: PAGAMENTO BOLLO AUTO CON PAGOPA

Pratiche automobilistiche: pagamento bollo auto con PagoPA

Le Entrate chiariscono il funzionamento del servizio di pagamento tasse automobilistiche per il tramite di PagoPA nel mandato con rappresentanza

Con Risposta a interpello n 182 dell'8 aprile 2022 le Entrate si occupano di fornire chiarimenti sul pagamento del Bollo auto tramite PagoPA nell'ambito di pratiche automobilistiche.

L'istante svolge principalmente consulenza globale alle aziende che si estrinseca nella fornitura di molteplici servizi: tra queste attività è presente quella di gestione globale delle flotte auto aziendali e anche servizi di disbrigo pratiche automobilistiche essendo autorizzata, ai sensi della legge n. 264 del 1991, a incassare i versamenti delle imposte/tasse automobilistiche, utilizzando il polo telematico predisposto da un Consorzio Nazionale cui l'Istante partecipa in qualità di socio consorziato. 

La Società opera come incaricato al servizio di pagamento (esternalizzato per l'attività di incasso fondi) per conto della Payment institution o del suo Agente di Riferimento. 

Le Entrate sinteticamente affermano che se il rapporto tra l'Istante e il suo cliente è riconducibile a un mandato con rappresentanza, non concorrono alla formazione della base imponibile, perché escluse dal campo di applicazione dell'IVA , le somme che percepisce dal suo cliente a titolo di rimborso della tassa automobilistica e della fee spettante al PSP ( prestatore di servizi di pagamento).

In particolare, il cliente versa all'Istante un importo tramite bonifico a titolo di rimborso delle somme corrisposte dalla Società al PSP, pari:

  • all'onere della tassa auto o delle pratiche STA 
  • maggiorato della fee del PSP per il servizio di pagamento.

L'Istante, dopo aver inoltrato un elenco contenente le operazioni da effettuare per ciascuna targa con gli importi totali necessari, dispone un bonifico su un apposito conto dedicato dal PSP, sufficiente per pagare, le tasse auto relative a tutti i veicoli della flotta aziendale del proprio cliente nonché i diritti spettanti al predetto PSP.

La società istante chiede quale debba essere il corretto regime IVA degli importi che riceve tramite bonifico dal cliente a titolo di rimborso delle somme erogate al PSP a titolo di tassa automobilistica e diritti di utilizzo fee del sistema PagoPA, spettanti allo stesso PSP.

Le Entrate specificano che dai dettagli dell'interpello si evince che:

  • il rapporto tra l'Istante e il suo cliente è inserito nell'ambito del sistema di pagamento "PagoPA", la cui operatività è supportata da un PSP (prestatore di servizi di pagamento) che a fronte dell'attività svolta percepisce delle fee. Il versamento quindi della tassa automobilistica per tramite di PagoPA comporta a carico del cliente della Società l'onere aggiuntivo della commissione spettante al PSP; 
  • l'Istante opera sulla base di un mandato con rappresentanza in quanto la ricevuta del pagamento de quo è emessa direttamente a favore del suo cliente. L'Istante è dunque "trasparente" poiché agendo in nome e per conto del mandante, gli effetti degli atti da lui compiuti in qualità di mandatario si riverberano direttamente sul mandante/cliente. Peraltro, per la stipula di questa tipologia di mandato, non è richiesta una forma particolare, salvo il caso in cui abbia per oggetto il compimento di atti per i quali è richiesta la forma scritta ad substantiam. 

Il mandato può dunque essere anche tacito: occorre tuttavia che vi sia un comportamento univoco che valga come accettazione da parte del mandatario. 

Sotto il profilo della normativa IVA, l'articolo 15, comma 1, n. 3), del Decreto IVA disciplina il trattamento delle spese che il mandatario riaddebita al mandante nell'ambito di un mandato con rappresentanza.

Ai sensi della norma  richiamata non concorrono a formare la base imponibile "le somme dovute a titolo di rimborso delle anticipazioni fatte in nome e per conto della controparte, purché regolarmente documentate"

Poiché le operazioni del mandatario non producono alcun effetto per lui, la rifusione delle spese dallo stesso affrontate, non riveste la natura di corrispettivo per un'attività svolta: rappresenta un semplice rimborso/ristoro di un'"anticipazione" da lui fatta nell'esclusivo interesse del mandante. 

Di conseguenza la somma che il mandante rimborsa al mandatario non è soggetta a IVA e non rientra nel calcolo della base imponibile dell'operazione. 

Resta inteso che se anziché anticipare il denaro per il pagamento della tassa automobilistica, la Società riceve preventivamente la necessaria provvista dal suo cliente, queste somme rappresentano mere movimentazioni di denaro, escluse ugualmente dalla determinazione della base imponibile dell'operazione ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, lettera a) del Decreto IVA. 

Diverso invece il rapporto che la Società instaura con il PSP a favore del quale svolge l'attività di riscossione del bollo auto e nei cui confronti provvederà, come da contratto, a fatturare separatamente il corrispettivo per tale attività in esenzione dall'imposta ex articolo 10 del Decreto IVA.

Per approfondire ti potrebbero interessare:

Allegato

Risposta a interpello n 182 dell'9 aprile 2022

Tag: DEDUCIBILITÀ E DETRAIBILITÀ AUTO 2022 DEDUCIBILITÀ E DETRAIBILITÀ AUTO 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 14/06/2022 Ricarica auto elettriche: può rientrare nel welfare aziendale

Esente il benefit della ricarica elettrica gratuita per le auto dei dipendenti . Lo afferma l'Agenzia nell'interpello n. 329 del 10 giugno 2022

Ricarica auto elettriche: può rientrare nel welfare aziendale

Esente il benefit della ricarica elettrica gratuita per le auto dei dipendenti . Lo afferma l'Agenzia nell'interpello n. 329 del 10 giugno 2022

Punti patente di guida: perdita e recupero

Quando si perdono i punti della patente e come recuperarli. Vediamo le norme del Codice della Strada per la Patente a punti

Autotrasporto: acquisto veicoli ecologici e rinnovo mezzi pesanti

Acquisto di veicoli ecologici e rinnovo di mezzi pesanti. Due decreti con misure a sostegno delle imprese. Pronti gli incentivi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.