HOME

/

DIRITTO

/

SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE

/

SOCIETÀ SEMPLICE: IL REDDITO IMPONIBILE E LA TASSAZIONE DEI SOCI

Società semplice: il reddito imponibile e la tassazione dei soci

Le Entrate con risposta a interpello forniscono chiarimenti sulla tassazione della società semplice, dei suoi soci e cosa accade nella cessioni di immobili.

Con Risposta a interpello n 691 dell'8 ottobre 2021 le Entrate forniscono un chiarimento in tema di " Cessione ultra-quinquennale di un immobile detenuto da una società semplice"

In particolare, l'agenzia specifica che tenuto conto che non sussiste alcun presupposto impositivo in capo alla società semplice, nella cessione di immobile, non si verifica alcuna imputazione per trasparenza in capo ai soci, sia persone fisiche che società di persone.

La conseguente distribuzione ai soci delle somme derivanti dalla cessione non può dar luogo a tassazione in capo agli stessi in quanto le somme attribuite derivano da redditi che non sono imponibili in capo alla Società Semplice. 

L'Istante è una Società di persone in accomandita semplice, avente ad oggetto l'acquisizione di partecipazioni in società immobiliari e finanziarie.

Essa detiene una partecipazione pari al 96% in una società semplice proprietaria di due immobili acquistati che intende vendere con successiva distribuzione ai soci dell'importo incassato e liquidazione della stessa. 

Ciò posto, l'Istante chiede se la suddetta cessione le possa generare base imponibile in quanto socia della società semplice.

Le Entrate in via preliminare ricordano che la società semplice non può svolgere attività commerciale in base al disposto dell'articolo 2249 del codice civile. 

Tale circostanza condiziona le modalità di imposizione dei redditi prodotti dalla società, differenziandoli rispetto agli altri tipi di società di persone con i quali, tuttavia, essa condivide il regime di imputazione dei redditi per trasparenza ex articolo 5 del Tuir. 

Società semplice: il reddito imponibile

Le entrare relativamente al caso di specie ricordano che la società semplice determina il proprio reddito imponibile quale sommatoria delle singole categorie di reddito indicate nell'articolo 6 del Tuir. 

In particolare, i redditi prodotti dalla società semplice sono qualificati in ragione della loro fonte di produzione e concorrono al reddito complessivo come sommatoria dei redditi appartenenti a ciascuna categoria reddituale al netto degli oneri deducibili, con esclusione dei redditi assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o di imposta sostitutiva e dei redditi esenti (cfr. articolo 3 del Tuir). 

Il reddito complessivo così determinato è dichiarato con propria dichiarazione dalla società semplice ma l'assoggettamento ad imposta avviene per il principio di imputazione per trasparenza di cui all'articolo 5 del Tuir direttamente in capo a ciascun socio in proporzione alla propria quota di partecipazione agli utili ed indipendentemente dall'effettiva percezione dello stesso. 

La distinzione tra il momento dell'assoggettamento ad imposta di tale reddito direttamente in capo al socio e il momento della percezione materiale dello stesso comporta che le successive distribuzioni di redditi già tassati non assumono rilevanza ai fini impositivi. Limitatamente agli utili già imputati per trasparenza in capo ai soci, infatti, le successive distribuzioni determinano esclusivamente un effetto indiretto, vale a dire una variazione del costo fiscalmente riconosciuto della partecipazione (cfr. articolo 68, comma 6, del Tuir). Inoltre, la tassazione definitiva in capo alla società semplice in ragione della presenza di redditi esenti o assoggettati ad imposizione sostitutiva o a ritenuta alla fonte a titolo di imposta comporta che tali importi non concorrano al reddito complessivo imponibile della società (e alla relativa imputazione per trasparenza) e la successiva distribuzione degli stessi non subisca alcuna imposizione.

Nel caso di specie si ritiene che l'operazione di cessione delle unità immobiliari in oggetto detenute dalla Società non generi una plusvalenza ai sensi dell'articolo 67, comma 1, lettera b), del Tuir, poiché sulla base di tale norma è considerata produttiva di reddito diverso la cessione a titolo oneroso degli immobili " acquistati o costruiti da non più di cinque anni"

Tenuto conto che non sussiste alcun presupposto impositivo in capo alla società semplice, non si verifica alcuna imputazione per trasparenza in capo ai soci, sia persone fisiche che società di persone.

La conseguente distribuzione ai soci delle somme derivanti dalla predetta cessione non può dar luogo a tassazione in capo agli stessi in quanto le somme attribuite derivano da redditi che non sono imponibili in capo alla società semplice.

Più precisamente, si ritiene che non siano imponibili i redditi compresi nelle somme che saranno attribuite ai soci in esito allo scioglimento della Società Semplice nei limiti in cui esse derivino esclusivamente dalla cessione delle predette unità immobiliari possedute da oltre un quinquennio. 

Ti consigliamo il webinar accreditato sulle Dichiarazioni dei Redditi 2022 diretta il 17 giugno 2022 relatore dott. Ernesto Gatto

Ti potrebbe interessare  il  Pacchetto Dichiarativi 2021

Visita il Focus sulle Dichiarazioni Fiscali continuamente aggiornato con Libri E-book Fogli di calcolo

Allegato

Risposta a interpello del 08.10.2021 n. 691

Tag: REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE SOCIETÀ DI CAPITALI E DI PERSONE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 19/05/2022 Società benefit: domande di agevolazione dal 19 maggio

Il MISE sblocca il decreto per le agevolazioni alle società benefit. Possibile presentare domanda di credito di imposta c'è tempo fino al 15 giugno

Società benefit: domande di agevolazione dal 19 maggio

Il MISE sblocca il decreto per le agevolazioni alle società benefit. Possibile presentare domanda di credito di imposta c'è tempo fino al 15 giugno

Liquidazione IVA di gruppo: il requisito temporale

Ai fini della liquidazione IVA di gruppo occorre tenere conto di alcuni requisiti. La decorrenza del controllo societario

Società liquidata: la cancellazione non comporta la rinuncia al credito

I crediti, anche non iscritti sul bilancio finale di liquidazione, non si considerano rimessi per effetto della cancellazione della società dal Registro delle imprese

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.