HOME

/

FISCO

/

REDDITI PERSONE FISICHE 2021

/

IMPOSTE PAGATE E NON DOVUTE: COME CHIEDERE IL RIMBORSO

Imposte pagate e non dovute: come chiedere il rimborso

Avendo versato più imposte del dovuto, si può ottenere rimborso anche con istanza. Vediamo come e quando presentarla

L'agenzia delle entrate ha diffuso il Rapporto di verifica della gestione 2020, dal quale, tra gli altri dati, emergono i numeri dei rimborsi fiscali erogati nel 2020 a cittadini e imprese.

L’erogazione dei rimborsi avviene solitamente mediante bonifico su conto corrente bancario o postale. 

Il beneficiario deve comunicare all’Agenzia:

  1. le coordinate del conto corrente, bancario o postale (Iban), 
  2. nonché le relative variazioni, 

Solo in caso di mancata comunicazione delle coordinate bancarie o postali, l’erogazione dei rimborsi alle persone fisiche avviene tramite titoli di credito a copertura garantita emessi da Poste Italiane Spa.
Se il pagamento del rimborso non va a buon fine, l'Agenzia effettua un altro tentativo e, qualora anche questo fallisca, il contribuente dovrà presentare un’apposita istanza per ottenere le somme spettanti.

Come ottenere il rimborso delle imposte

Il contribuente che ha versato imposte in misura maggiore a quelle effettivamente dovute ha diritto a essere rimborsato, i rimborsi possono avvenire:

  • sia con la dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Redditi)
  • sia con un’apposita istanza.

I contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi con il modello 730 possono ottenere il rimborso Irpef direttamente dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico. 

In questo caso la somma spettante sarà accreditata nella busta paga o nella rata di pensione a partire, rispettivamente, da luglio e agosto. 

I lavoratori dipendenti privi di un sostituto d’imposta che possa effettuare le operazioni di conguaglio riceveranno invece il rimborso direttamente dall’Agenzia. 

Per quanto riguardo il modello Redditi, se risulta un credito e il contribuente ha indicato di voler avere il rimborso, una volta eseguiti i normali controlli, l’Agenzia rimborsa la somma spettante. 

In tutti i restanti casi di pagamenti non dovuti o eseguiti in eccesso rispetto a quanto dovuto per:

  • errore materiale,
  • duplicazione di versamento, 
  • inesistenza totale o parziale dell’obbligo di versamento

è necessaria, di regola, una domanda da parte del contribuente.

I contribuenti che intendono ottenere l’accredito dei rimborsi fiscali sul proprio conto corrente bancario o postale possono farne richiesta in qualsiasi momento, tramite la specifica applicazione che consente la compilazione e l’invio dei dati via web

Questa modalità di pagamento consente di velocizzare l’erogazione dei rimborsi ed evitare inconvenienti.

Come e dove si presenta l'istanza per il rimborso delle imposte

L'istanza di rimborso relativa può essere presentata all'ufficio dell'Agenzia competente in base al domicilio fiscale del contribuente al momento in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi da cui si genera il rimborso.

L’istanza di rimborso per versamenti eccedenti o non dovuti relativi all’imposta di registro e alle altre imposte indirette diverse dall’IVA è presentata all’ufficio territoriale dell’Agenzia dove è stato registrato l’atto o la successione a cui è collegato il versamento di cui si chiede il rimborso oppure, in mancanza di un atto registrato, all’Ufficio territorialmente competente in ragione del domicilio fiscale del contribuente. 

Se il contribuente dovesse inoltrare l'istanza di rimborso ad un ufficio non competente a riceverla, sarà cura di quest'ultimo provvedere alla trasmissione della richiesta alla struttura competente.

L’istanza di rimborso dove non sia prevista la presentazione di un apposito modello, va presentata in carta semplice e deve contenere:

  • l'indicazione dell'importo richiesto,
  • i motivi in base ai quali si ritiene di aver diritto al rimborso
  • i documenti utili a dimostrare la fondatezza della richiesta.

E' bene indicare nell’istanza il proprio recapito telefonico e/o l’indirizzo e-mail/PEC.

Le richieste di rimborso di imposte dirette (se non sono state già effettuate nella dichiarazione) e indirette, debitamente sottoscritte, possono essere inviate:

  • tramite PEC, 
  • e-mail 
  • o posta ordinaria,
  • i servizi telematici 
  • presentate allo sportello, 

unitamente all’eventuale documentazione a supporto e copia del documento di identità in corso di validità. 

In caso di delega, è necessario presentare la copia di un documento di identità sia del delegante che del delegato, entrambi in corso di validità.

Vediamo nella tabella di seguito un riepilogo dei tempi per l'invio delle istanza di rimborso

Modalità

Termine di decadenza

Presentazione di una dichiarazione integrativa a favore

entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione da correggere

Presentazione di una istanza di rimborso relativa a:

  • Imposte sui redditi (es. Irpef, Ires)
  • Versamenti diretti
  • Ritenute operate dal sostituto d'imposta
  • Ritenute dirette operate dallo Stato e da altre P.A.

48 mesi

quando il versamento è stato effettuato in una data in cui era insussistente il presupposto: 48 mesi dalla data di ogni singolo versamento (nel caso di più versamenti: acconti, saldo rateizzato, ritenute mensili)

quando il presupposto di realizza al momento del pagamento del saldo: 48 mesi dalla data del versamento del saldo

Presentazione di una istanza di rimborso relativa a:

  • Imposte indirette (es. registro, successioni e donazioni,  etc.)

 

36 mesi

dalla data del versamento o, se posteriore, dal giorno in cui è sorto il diritto alla restituzione

Presentazione di una istanza di rimborso relativa a tutte le imposte (ipotesi residuale)

 

24 mesi

in  mancanza  di   disposizioni specifiche, dal pagamento ovvero, se posteriore, dal giorno  in  cui  si  è  verificato  il  presupposto  per  la restituzione ex art. 21, comma 2, d.lgs. 546/1992

Potrebbe interessarti anche Modello 730/2021: i rimborsi, le trattenute, i pagamenti

Tag: DICHIARAZIONE 730/2021 DICHIARAZIONE 730/2021 REDDITI PERSONE FISICHE 2021 REDDITI PERSONE FISICHE 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI COVID-19 · 22/09/2021 Detassazione dei contributi e delle indennità COVID-19

Contributi e indennità COVID-19 fuori dal prospetto degli aiuti di stato. Continuano i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detassazione dei contributi e delle indennità COVID-19

Contributi e indennità COVID-19 fuori dal prospetto degli aiuti di stato. Continuano i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Previdenza complementare: quando è imponibile per il lavoratore

I chiarimenti dell'Agenzia sul trattamento fiscale dei contributi versati alla previdenza complementare dall'azienda per il lavoratore Interpello n. 589 2021

Soggetti Isa: versamenti senza lo 0,4% entro il 15.09 e ravvedimento per ritardatari

Contribuenti ISA, forfettari e altri: pagano oggi 15 settembre le somme (imposte e contributi) risultanti da dichiarazione redditi, IRAP e IVA, in scadenza dal 30.06 al 31.08.2021.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.