HOME

/

PMI

/

LA TASSAZIONE DELLE PMI

/

LA DEDUCIBILITÀ DELL’IVA INDETRAIBILE DA PRO-RATA

La deducibilità dell’IVA indetraibile da pro-rata

La Cassazione emana un principio di diritto in base al quale l’IVA indetraibile da pro-rata è deducibile per cassa quale componente negativo di reddito

I soggetti passivi che non siano consumatori finali possono detrarre l’Imposta sul Valore Aggiunto sugli acquisti; tuttavia questa regola generale ha numerose eccezioni, che si concretizzano nella limitazione della detraibilità dell’IVA a monte, con modalità analitiche o forfetarie, a seconda delle specifiche situazioni.

Il meccanismo del pro-rata di detraibilità stabilisce le modalità forfetarie di determinazione della percentuale dell’IVA indetraibile sugli acquisti, in funzione del rapporto tra operazioni imponibili (o a queste assimilate) e operazioni esenti, che non danno diritto alla detrazione, effettuate dal contribuente.

Con la recente Sentenza numero 20435 del 19 luglio 2021, la Corte di Cassazione si occupa, per la prima volta, della deducibilità dal reddito d’impresa dell’IVA indetraibile da pro-rata.

Il centro della questione è il suo trattamento in caso di beni strumentali: l’Agenzia delle Entrate ne richiede la capitalizzazione, quale componente accessoria di costo, insieme al cespite; di diverso avviso avviso è invece la Corte di Cassazione.

Partendo dalla constatazione che il primo comma dell’articolo 99 del Tuir stabilisce che le imposte diverse dalle imposte sui redditi sono deducibili nell’esercizio in cui ne avviene il pagamento, e rilevando come, ai fini civilistici, il principio contabile OIC 12 stabilisca che l’IVA indetraibile (se non costituisce costo accessorio di acquisto di beni o servizi) vada iscritta in Conto economico in B.14 tra gli Oneri diversi di gestione, la Corte di Cassazione riconosce che “l’IVA indetraibile da pro-rata, che sia o meno al 100%, comunque deve considerarsi un costo generale dell’esercizio” e puntualizza che “la percentuale di indetraibilità intesa come costo complessivo ai fini delle imposte dirette non può essere imputato al singolo bene cui si riferisce l’operazione esente/imponibile, bensì alle attività medesime nel loro complesso”.

Per cui, alla luce di ciò, la Suprema Corte emana il seguente principio di diritto: “l’IVA indetraibile per effetto del pro-rata generale di cui all’articolo 19, quinto comma, DPR 633/1972 è deducibile per cassa nell’anno del pagamento quale componente negativo del reddito di impresa”.

Quindi, in contrasto con l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate, la Corte di Cassazione, quale fonte superiore di diritto, stabilisce che l’IVA indetraibile da pro-rata si debba considerare un costo generale dell’esercizio, deducibile secondo il criterio della cassa nell’anno dell’avvenuto pagamento.

L’interpretazione della Corte si configura come un anello di congiunzione tra la normativa civilistica, in tema di rilevazione del costo, e quella fiscale, in tema di deduzione delle imposte diverse da quelle sui redditi, e sul piano del diritto è condivisibile. 

Ciò non toglie che il principio di diritto così emanato, in talune situazioni, potrebbe creare delle difficoltà tecniche. Il problema è che l’IVA indetraibile da pro-rata è rilevata sul Bilancio d’esercizio, in B14 tra gli Oneri diversi di gestione, secondo il principio della competenza. Motivo per cui sarà necessario quantificare, in base agli effettivi pagamenti effettuati, l’ammontare deducibile della relativa voce di costo civilistico, ed effettuare le conseguenti variazioni fiscali; operazioni questa che, a seconda della complessità dell’attività del contribuente, può rivelarsi di un certo livello di complessità.

Tuttavia, grazie alla sofisticazione raggiunta oggi dai più moderni software per professionisti, è presumibile pensare che questi si adegueranno, elaborando la contabilità in base ai pagamenti effettuati, in modo tale da prevedere una elaborazione civilistica e una elaborazione fiscale della medesima voce di costo.

Per un approfondimento sui meccanismi di funzionamento del pro-rata di detraibilità è possibile leggere i seguenti articoli dello stesso autore:

Ti potrebbero interessare:

Visita anche la nostra sezione del Business Center "Speciale Dichiarazioni fiscali" ricca di documenti in pdf, guide professionali rivolte ad aziende e consulenti, Circolari, fogli di calcolo in excel e libri di carta sulle Dichiarazioni 2020.

Tag: REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021 REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021 DETERMINAZIONE DEL REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021 LA TASSAZIONE DELLE PMI LA TASSAZIONE DELLE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA · 20/08/2021 La prescrizione del rimborso delle imposte a credito per cessazione dell’attività

La Corte di Cassazione riepiloga i principi che regolano la prescrizione del diritto al rimborso dei crediti delle imposte sui redditi alla cessazione dell’attività

La prescrizione del rimborso delle imposte a credito per cessazione dell’attività

La Corte di Cassazione riepiloga i principi che regolano la prescrizione del diritto al rimborso dei crediti delle imposte sui redditi alla cessazione dell’attività

Legittimo il rimborso delle imposte versate per errore con Ravvedimento operoso

Le somme versate per errore con ravvedimento possono essere richieste a rimborso, in quanto errore formale che non implica riconoscimento del debito d’imposta

Aiuti Covid da indicare sul prospetto Aiuti di Stato ma senza importo

Gli aiuti di Stato pandemici dovranno essere indicati in modo analitico sul quadro RS dei modelli Redditi e Irap 2021, ma senza indicare l’importo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.