IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 11/06/2021

Responsabilità 231/2001 solo in caso di risparmio sui costi aziendali

Tempo di lettura: 3 minuti
231 operaio edilizia

Datore colpevole per infortunio ma l'ente non risponde ex d.lgs 231 2001 se non emerge l'intenzione di risparmio sui costi. Cosi la Cassazione nella sentenza 22256/2021

Commenta Stampa

 La Cassazione conferma la condanna del datore di lavoro per lesioni, ma esclude la responsabilità dell’ente, prevista dal Dlgs 231/2001, quando il reato viene commesso nel suo interesse o a suo vantaggio. I giudici di legittimità circoscrivono il raggio d’azione della norma "per evitare che questa venga applicata in automatico dilatando a dismisura il suo ambito di operatività ad ogni caso di mancata adozione di qualsivoglia misura di prevenzione".

 Il caso  affrontato nella sentenza n. 22256/2021  riguardava l'infortunio occorso ad un autista che nella procedura di scarico del suo mezzo veniva investito da un altro lavoratore alla guida di un muletto. Il datore veniva condannato per lesioni colpose aggravate dal fatto di non avere predisposto le adeguate misure di sicurezza per evitare tale tipo di evento (informative e segnaletica orizzontale ).

La societa  ricorrente lamenta che la sentenza impugnata, al pari di quella di primo grado, non ha indicato in cosa consistesse la mancata realizzazione di segnaletica orizzontale  richiesta  dalla Asl e non ha approfondito la generale organizzazione della  s.r.l. in materia di sicurezza del lavoro, dati, questi, che avrebbero consentito di escludere l'interesse e il vantaggio per l'ente.

 Inoltre non avrebbe  tenuto conto  neanche del fatto che la società aveva adottato il DUVRI, ivi prevedendo il rischio di investimento nonchè le misure per prevenirlo;  mentre  la mancanza previsione nel DUVRI e la mancata realizzazione di una semplice striscia rossa orizzontale non hanno comportato né un risparmio di spesa - in quanto la sua previsione nel DUVRI non avrebbe aumentato i costi sostenuti per la predisposizione di tale documento, e i costi  sarebbero irrisori rispetto a quelli complessivi sostenuti dall'impresa .

Il ricorso proposto dal difensore  è fondato, dice la Cassazione, che evidenzia: "  In tema di responsabilità  degli enti derivante da reati colposi costituiscono principi pacifici nella giurisprudenza della Corte quelli secondo cui: - i concetti di interesse e vantaggio, vanno di necessità riferiti alla condotta e non all'evento    - tali criteri di imputazione oggettiva sono alternativi e concorrenti tra loro, in quanto ricorre il requisito dell'interesse qualora l'autore del reato ha consapevolmente violato la normativa cautelare allo scopo di conseguire un'utilità per l'ente, mentre sussiste il requisito del vantaggio qualora la persona fisica ha violato sistematicamente le norme prevenzionistiche, consentendo una riduzione dei costi ed un contenimento della spesa con conseguente massimizzazione del profitto . Quindi afferma che nei reati colposi si dovrà guardare solamente al vantaggio ottenuto tramite la condotta. 

La corte ha specificato  anche che  se il giudice di merito accerta  l'esiguità del risparmio di spesa derivante dall'omissione delle cautele dovute, in un contesto di generale osservanza da parte dell'impresa delle disposizioni in materia di sicurezza del lavoro (ed in mancanza di altra prova che la persona fisica, omettendo di adottare tali cautele, abbia agito proprio allo scopo di conseguire un'utilità per la persona giuridica,  ai fini del riconoscimento del requisito del vantaggio occorre la prova della oggettiva prevalenza delle esigenze della produzione e del profitto su quella della tutela della salute dei lavoratori quale conseguenza delle cautele omesse: la prova, cioè, dell'effettivo, apprezzabile (cioè non irrisorio) vantaggio .

Nel caso in questione  è stato evidenziato che non vi era prova  che l'omessa adozione delle cautele fosse  frutto di una scelta finalisticamente orientata a risparmiare sui costi di impresa,  per questo la sentenza di merito  viene cassata sul motivo riguardante la responsabilità dell'ente ai sensi del dlgs 231 2021.

Fonte: Corte di Cassazione


Fonte immagine: Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

ACE innovativa 2021
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Bonus vacanze nel mod. Redditi e 730
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Tassazione redditi esteri lavoro dipendente
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - CINA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE