HOME

/

DIRITTO

/

TERZO SETTORE E NON PROFIT

/

ATTIVITÀ DIVERSE ETS: IN ARRIVO IL DECRETO

Attività diverse ETS: in arrivo il decreto

Stabiliti criteri e percentuali per l’esercizio delle attività diverse degli enti di Terzo settore

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha reso noto, con comunicato stampa datato 30 aprile 2021, la firma del decreto che stabilisce criteri e limiti delle attività diverse esercitabili dagli enti del Terzo settore.

 Enti di terzo settore. Le attività di interesse generale e le attività diverse

Al riguardo si ricorda che gli enti di Terzo settore sono tenuti a svolgere in via esclusiva e principale le attività di interesse generale elencate nell’art. 5 del Codice del Terzo settore (D.lgs. n. 117/20217); lo svolgimento di tali attività deve essere ovviamente finalizzato al perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale. 

Si tratta di un elenco non tassativo ma aggiornabile mediante decreto del Presidente del Consiglio dei ministri su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze (e previa intesa in sede di Conferenza Unificata, acquisito il parere delle Commissioni parlamentari competenti).

Gli ETS possono inoltre svolgere attività diverse, come disciplinato dal successivo art. 6 del citato Codice a condizione che l’atto costitutivo o lo statuto lo consentano. Tali attività devono, inoltre, risultare secondarie e strumentali rispetto alle attività di interesse generale e vanno svolte nel rispetto dei criteri e limiti stabiliti, appunto, nel decreto del Ministro del lavoro, recentemente emanato.

 Sintesi del contenuto del decreto ministeriale

Il Decreto definisce i due tratti caratterizzanti delle attività diverse: la strumentalità e la secondarietà.

In particolare, le attività diverse sono considerate strumentali quando sono finalizzate a supportare, sostenere, promuovere o agevolare il perseguimento delle finalità istituzionali dell’ente del Terzo settore. 

La secondarietà, invece, ricorre in una delle seguenti ipotesi:

  1. i ricavi da attività diverse non sono superiori al 30% delle entrate complessive dell’ente del Terzo settore
  2. i ricavi da attività diverse non sono superiori al 66% dei costi complessivi dell’ente del Terzo settore.

A tal fine, occorre tenere conto dell’insieme delle risorse, anche volontarie e gratuite, impiegate in tali attività in rapporto all’insieme delle risorse, anche volontarie e gratuite, impiegate nelle attività di interesse generale.

L’ente del Terzo settore può scegliere uno dei due criteri, che dovrà poi essere indicato nella relazione di missione o in un’annotazione in calce al rendiconto per cassa. 

Siamo quindi in presenza di criteri alternativi ed è sufficiente il rispetto di uno dei due affinché lo svolgimento delle predette attività diverse, che sostanzialmente è finalizzato all’auto-finanziamento dell’ente, sia considerato legittimo.

 Criteri per definire la non commercialità. Art. 79 Codice del Terzo settore

In riferimento alle attività di interesse generale, si ricorda che i parametri per la valutazione della non commercialità si ritrovano indicati nell’art. 79 del Codice di Terzo settore.

Nello specifico, le attività di interesse generale di cui all’articolo 5, si considerano di natura non commerciale quando sono svolte a titolo gratuito o dietro versamento di corrispettivi che non superano i costi effettivi, tenuto anche conto degli apporti economici degli enti di cui sopra e salvo eventuali importi di partecipazione alla spesa previsti dall’ordinamento.

Inoltre, tali attività si considerano non commerciali qualora i ricavi non superino di oltre il 5 per cento i relativi costi per ciascun periodo d’imposta e per non oltre due periodi d’imposta consecutivi.

 

Tag: TERZO SETTORE E NON PROFIT TERZO SETTORE E NON PROFIT

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

TERZO SETTORE E NON PROFIT · 11/05/2022 5 per mille ETS: ecco l'elenco degli accreditati con correzioni al 9 maggio

Ecco l'elenco degli accreditati al 9 maggio 2022 con correzione presentate dai legali rappresentanti. Un riepilogo delle norme e scadenze per gli ETS

5 per mille ETS: ecco l'elenco degli accreditati con correzioni al 9 maggio

Ecco l'elenco degli accreditati al 9 maggio 2022 con correzione presentate dai legali rappresentanti. Un riepilogo delle norme e scadenze per gli ETS

Società benefit: domande di agevolazione dal 19 maggio

Il MISE sblocca il decreto per le agevolazioni alle società benefit. Possibile presentare domanda di credito di imposta c'è tempo fino al 15 giugno

Accoglienza profughi Ucraini:  novità dal Decreto Aiuti

Le modalità previste per l'accoglienza dei profughi ucraini: contributi e rimborsi a enti no profit Comuni, privati. Nuovo finanziamento nel decreto Aiuti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.