HOME

/

DIRITTO

/

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022

/

NOTE VARIAZIONE IVA 2021: NOVITÀ NEL SOSTEGNI BIS

Note variazione Iva 2021: novità nel Sostegni bis

Sostegni bis: possibile il recupero dell’IVA sui crediti non riscossi all’apertura della procedura concorsuale. Guida alle novità dal 26 maggio 2021

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’articolo 18 del Decreto Sostegni BIS modifica la disciplina della variazione dell’imponibile IVA e del diritto di portare in detrazione l’imposta corrispondente alle variazioni in diminuzione, nel caso di mancato pagamento del corrispettivo legato a procedure concorsuali ed esecutive individuali.Si segnala che le nuove norme sulle note di credito IVA emesse a seguito di sottoposizione e procedure concorsuali e quelle relative agli obblighi di registrazione si applicano alle procedure concorsuali avviate in seguito al 26 maggio 2021.

In generale: 

  • per le procedure concorsuali viene ripristinanata la possibilità di esercitare il diritto alla detrazione da mancato pagamento - emettendo nota di credito IVA – già a partire dalla data in cui il cedente o il prestatore è assoggettato a una procedura concorsuale, invece di dover attendere l’infruttuoso esperimento della stessa. 
  • per le procedure esecutive individuali, rimane la condizione di infruttuosità della procedura, ai fini dell’esercizio del diritto alla detrazione.

Entrando nel merito, è stato modificato l’articolo 26 del DPR IVA  (DPR 633/72) che disciplina le conseguenze derivanti dalla variazione dell’imponibile e dell’imposta e, dunque, dell’esercizio del diritto alla detrazione.

Per prima cosa viene chiarito che il cedente del bene o prestatore del servizio ha diritto di portare in detrazione l'imposta e di emettere nota di variazione anche in caso di mancato pagamento del corrispettivo, in tutto o in parte, da parte del cessionario o committente già a partire dalla data in cui quest'ultimo è assoggettato a una procedura concorsuale. La norma specifica che il debitore si considera assoggettato a procedura concorsuale

  • dalla data della sentenza dichiarativa del fallimento o 
  • dalla data del provvedimento che ordina la liquidazione coatta amministrativa o
  • dalla data del decreto di ammissione alla procedura di concordato preventivo o 
  • dalla data del decreto che dispone la procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.

Tuttavia, il diritto è esercitabile

  1. dalla data del decreto che omologa un accordo di ristrutturazione dei debiti, ovvero
  2. dalla data di pubblicazione nel registro delle imprese di un piano di risanamento e di riequilibrio, pubblicato nel registro delle imprese e attestato.

Ad ogni modo, così come previsto dalle norme vigenti, l’infruttuosità della procedura concorsuale resta condizione indispensabile per l’esercizio del diritto alla detrazione ove il mancato pagamento dipenda da procedure esecutive individuali. 

L'articolo 18 in commento, continua disponendo che ai fini dell’esercizio del diritto alla detrazione, il cessionario o il committente devono registrare la variazione (nel registro fatture, o nel registro corrispettivi), nei limiti della detrazione operata, salvo il diritto alla restituzione dell'importo pagato al cedente o prestatore a titolo di rivalsa. Attenzione va prestata al fatto che per effetto delle modifiche del Decreto Sostegni, l’obbligo di registrazione non sussiste nel caso in cui il mancato pagamento derivi da procedure concorsuali.

infine, le nuove norme prevedono che, se il corrispettivo è pagato successivamente all’esperimento di procedure concorsuali o esecutive individuali nei confronti del cessionario o committente, siano assolti gli obblighi di registrazione connessi alla variazione dell’imponibile o dell’imposta. In tal caso, il cessionario o committente che abbia assolto all'obbligo di registrazione della variazione ha diritto di portare in detrazione l'imposta corrispondente alla variazione in aumento.

La lettera e) dell'articolo 18 che stiamo analizzando, con una norma di coordinamento, prevede che anche nel caso di procedure concorsuali o esecutive individuali le variazioni possono essere effettuate dal cedente o prestatore del servizio e dal cessionario o committente anche mediante apposite annotazioni in rettifica sul registro fatture, sul registro corrispettivi e sul registro acquisti.

Si ricorda che ai soli fini delle procedure esecutive individuali rimaste infruttuose, una procedura esecutiva individuale si considera in ogni caso infruttuosa

  • nell'ipotesi di pignoramento presso terzi, quando dal verbale di pignoramento redatto dall'ufficiale giudiziario risulti che presso il terzo pignorato non vi sono beni o crediti da pignorare;
  • nell'ipotesi di pignoramento di beni mobili, quando dal verbale di pignoramento redatto dall'ufficiale giudiziario risulti la mancanza di beni da pignorare ovvero l'impossibilità di accesso al domicilio del debitore ovvero la sua irreperibilità; 
  • nell'ipotesi in cui, dopo che per tre volte l'asta per la vendita del bene pignorato sia andata deserta, si decida di interrompere la procedura esecutiva per eccessiva onerosità. 

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022 CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 · 27/05/2022 Gestore crisi sovraindebitamento: l'indipendenza del professionista iscritto all'OCC

Chiarimenti sulla incompatibilità del gestore della crisi da sovraindebitamento per gli iscritti all'OCC (organismo di composizione crisi) del proprio Ordine

Gestore crisi sovraindebitamento: l'indipendenza del professionista iscritto all'OCC

Chiarimenti sulla incompatibilità del gestore della crisi da sovraindebitamento per gli iscritti all'OCC (organismo di composizione crisi) del proprio Ordine

Come emettere note di credito Iva nelle procedure concorsuali?

Le modalità di emissione sono diverse per le procedure apertesi prima o dopo il 26 maggio 2021

Composizione negoziata: i presupposti e l'attività degli organi di controllo

La composizione negoziata, il ruolo e la responsabilità dell’organo di controllo ed il (nuovo) rinvio del Codice della Crisi: più tempo per gli adeguati assetti.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.