HOME

/

FISCO

/

RIMBORSO IVA 2019 2020

/

RIMBORSO IVA PER CESSAZIONE ATTIVITÀ: TERMINE DECENNALE DI DECADENZA E PRESCRIZIONE

Rimborso IVA per cessazione attività: termine decennale di decadenza e prescrizione

La Corte di Cassazione ribadisce che, in caso di cessazione dell’attività, vige il termine decennale sia per la decadenza che per la prescrizione del credito IVA da Dichiarazione

Il rimborso del credito IVA da dichiarazione, per il caso della cessazione dell’attività del contribuente, è argomento sensibile, perché segna la fine di una impresa, e tormentato, perché tante possono essere le difficoltà per ottenerlo.

Abbiamo già avuto modo di affrontare l’argomento nelle sue diverse sfaccettature teoriche e pratiche nell’articolo Rimborso IVA per cessazione attività: teoria e pratica, a cui si rimanda per approfondimento generale sul tema.

Ma una delle problematiche a cui il contribuente non dovrà trascurare di fare attenzione, al fine di fare valere il suo diritto, è quella dei termini di prescrizione del credito IVA e di decadenza della possibilità di esercitare il diritto al rimborso.

A dire il vero, nel proseguo di questo articolo, sull’argomento non sarà riportato nulla che non sia già stato scritto numerose, in quanto la giurisprudenza sul tema è talmente consolidata da potersi considerare inequivocabile. Ma, nonostante ciò, il contenzioso continua ad essere alimentato e la questione continua a essere portata all’attenzione dei giudici di legittimità.

La recente ordinanza della Corte di Cassazione numero 17495 del 21 agosto 2020 ha dalla sua il pregio di riepilogare e ribadire, in modo chiaro e si spera definitivo, i termini prescrizionali e decadenziali del credito IVA da dichiarazione, per il caso specifico della cessazione dell’attività del contribuente.

Il contenzioso origina dal fatto che il contribuente aveva prima destinato a compensazione il credito IVA, salvo poi non utilizzarlo e chiederlo a rimborso successivamente.

L’Agenzia delle Entrate contesta la decadenza del diritto a chiedere il rimborso del credito IVA in quanto l’istanza sarebbe stata presentata oltre i termini biennali previsti dall'articolo 21 del Decreto Legislativo numero 546 del 1992.

L’ordinanza utilizza la particolarità della situazione per riepilogare tutte le questione sensibili sul tema.

Per iniziare, cosa molto importante, viene precisato che “la domanda di rimborso del credito d'imposta maturato dal contribuente deve considerarsi già presentata con la compilazione

del corrispondente quadro della dichiarazione annuale, la quale configura formale esercizio del diritto”. Quindi il fatto stesso di esporre il credito IVA finale nella dichiarazione annuale dell’anno di cessazione dell’attività costituisce già istanza di rimborso, a prescindere che questo sia chiesto effettivamente a rimborso o meno, in quanto “non può disconoscersi il rimborso del credito IVA alla contribuente per avere quest'ultima avanzato richiesta di compensazione (e non di rimborso) in sede di dichiarazione annuale, in quanto, non essendo sorto un debito IVA della contribuente (che ha cessato l'attività), non può dirsi verificato l'effetto estintivo di cui all'articolo 1242 Codice civile”.

Di conseguenza possiamo dedurre che l’istanza di rimborso non è costituita dalla destinazione a rimborso del credito IVA esposto sulla dichiarazione di cessazione dell’attività, ma dall’esposizione stessa di quel credito (anche lasciato in compensazione) su quella dichiarazione, essendo possibile destinare anche successivamente, entro i termini prescrizionali, tale importo a rimborso.

Infine, per assoluta chiarezza, la corte specifica anche, per quanto riguarda i termini di prescrizione, che “il credito IVA esposto dal contribuente nella dichiarazione dei redditi è soggetto all'ordinaria

prescrizione decennale, mentre non è applicabile il termine biennale di decadenza previsto dal Decreto Legislativo 31 dicembre 1992, numero 546, articolo 21, comma 2, in quanto l'istanza di rimborso non integra il fatto costitutivo del diritto, ma solo il presupposto di esigibilità del credito per dare inizio al procedimento di esecuzione del rimborso stesso”.

La Corte di Cassazione chiarisce quindi che la prescrizione del credito IVA da cessazione dell’attività segue il termine ordinario decennale e ribadisce che l’istanza di rimborso rappresenta soltanto il presupposto per avviare il procedimento di rimborso del credito, per cui neanche la sua mancanza sarà sufficiente a fare decadere il diritto.

L’ordinanza in trattazione, che ha dalla sua la forza della chiarezza, è solo l’ultima di una serie di decisioni prese dai giudici di legittimità sull’argomento, tutte sulla medesima linea; per cui, il contribuente che si ritrovi nella fattispecie esaminata non dovrebbe avere remore a fare valere le proprie posizioni, forte di una giurisprudenza consolidata.

A titolo di esempio si ricorda, sul medesimo tema, anche l’ordinanza numero 26371, sempre della Corte di Cassazione civile, del 17 ottobre 2019 che sostiene le medesime conclusioni.

Ti potrebbe essere utile la guida in pdf su come redigere correttamente un ricorso tributario nell’era del processo telematico, di recente pubblicazione, "Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario".

Nel Focus "Difendersi dal Fisco" e-book, libri, formulari per aiutarti a gestire il contenzioso

Tag: CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 DICHIARAZIONE IVA 2020 DICHIARAZIONE IVA 2020 RIMBORSO IVA 2019 2020 RIMBORSO IVA 2019 2020

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIMBORSO IVA 2019 2020 · 02/08/2021 Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

Anche il rimborso IVA è contestabile dal fisco senza limiti di tempo

Il fisco può opporre rifiuto al rimborso dell’IVA anche quando sono superati i termini decadenziali, ma solo in relazione alla verifica dei requisiti sostanziali

Assonime chiede il rinvio del Modello IVA a giugno 2021 per sbloccare il credito congelato

La dichiarazione IVA 2021 recepisce i versamenti sospesi “Covid” congelando una parte del credito: Assonime, per evitare ciò, propone il rinvio della scadenza al 30 giugno 2021

Rimborso Iva versata in UK nel 2020: invio delle domande entro il 31 marzo

Le istanze di rimborso dell’Iva pagata nel Regno Unito nel corso del 2020 dovranno essere inviate entro il 31 marzo 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.