HOME

/

DIRITTO

/

LOCAZIONE IMMOBILI 2024 E AFFITTI BREVI

/

AFFITTI BREVI E REDDITO DI IMPRESA: CONSEGUENZE

Affitti brevi e reddito di impresa: conseguenze

La legge di bilancio 2021 introduce una presunzione di esercizio di impresa per la locazione di piu' di 4 appartamenti soggetti alla disciplina delle locazioni brevi

Ascolta la versione audio dell'articolo

Il comma 595 della legge di bilancio stabilisce che il regime fiscale delle locazioni brevi a decorrere dal periodo d'imposta relativo al 2021, è riconosciuto solo in caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo d'imposta. 

Negli altri casi, a fini di tutela del consumatore e della concorrenza, l'attività di locazione, da chiunque esercitata, si presume svolta in forma imprenditoriale.

E’ una norma che con una presunzione di legge (assoluta o relativa?) vorrebbe semplificare il confine tra attività occasionale e attività di impresa, ma che in effetti creerà parecchi problemi, perché per fare impresa non basta la quantità di operazioni ma a norma dell’art. 2082 Cod. Civ. è necessario l’esercizio professionale dell’attività e l’organizzazione “ al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi”. 

Ma se la norma considera che per il solo fatto di locare più di 5 appartamenti, con contratti di locazione breve, l’attività è da considerarsi svolta in forma imprenditoriale vuol dire che: 

  • Occorre aprire la partita Iva, le operazioni saranno tuttavia esenti e si potrà optare per l’esonero degli adempimenti previsto dall’art. 36 bis 
  • Occorre tenere la contabilità semplificata 
  • Occorre iscriversi alla gestione Inps per il pagamento dei contributi
  • Occorre dichiarare il reddito secondo le norme del reddito di impresa che nel caso siano costituiti da canoni di locazione trovano la disciplina nell’art.90 del Tuir. Occorrera’ pertanto procedere al confronto del canone di locazione ridotto delle spese di manutenzione ordinaria effettivamente sostenute, con il canone di locazione ridotto del 15% e scegliere il maggiore. 

          Il 15% diventa il limite massimo alla deduzione analitica delle spese di manutenzione ordinaria e non una quota forfettaria. 

          Questa regola sulle spese di manutenzione si applica solo agli immobili locati posseduti da imprese e non a quelli locati da persone fisiche. 

          Deducibili gli interessi di finanziamento e non quelli di funzionamento. 

Non si dovrà tenere conto delle spese straordinarie in quanto si ritiene che gli immobili resteranno nella sfera privata e non verranno immessi tra i beni patrimonio dell’attività di impresa, in quanto l'immissione avrebbe conseguenze abbastanza pesanti (in certi casi disastrose) al momento della vendita dell’immobile. 

Scopo dichiarato della norma è "la tutela del consumatore e della concorrenza" perchè negli ultimi tempi gli affitti brevi hanno fatto concorrenza alle strutture ricettive organizzate quali alberghi, ma forse non si sono valutate bene le conseguenze. 

Non resta che attendere gli sviluppi e i chiarimenti della dottrina e della prassi.

Tag: LOCAZIONE IMMOBILI 2024 E AFFITTI BREVI LOCAZIONE IMMOBILI 2024 E AFFITTI BREVI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LOCAZIONE IMMOBILI 2024 E AFFITTI BREVI · 05/02/2024 Imposta di soggiorno non incassata: gestori responsabili del versamento

Il MEF chiarisce che l'imposta di soggiorno va versata al Comune anche se il gestore della struttura non l'ha incassata, conservando il diritto di rivalsa

Imposta di soggiorno non incassata: gestori responsabili del versamento

Il MEF chiarisce che l'imposta di soggiorno va versata al Comune anche se il gestore della struttura non l'ha incassata, conservando il diritto di rivalsa

Pubblici registri immobiliari: corretto utilizzo Sezione D di note e annotazioni

Corretto utilizzo dei modelli di richiesta delle formalità relative alla pubblicità immobiliare: chiarimenti ADE sul quadro D ai fini del rispetto della normativa privacy

Affitti brevi: le novità 2024 per la cedolare secca

Legge di Bilancio 2024: novità per le locazioni brevi, dette anche affitti brevi. La cedolare secca aumenta ma per quali immobili? Gli obblighi degli intermediari

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.