IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 30/12/2020

Dichiarazione integrativa: solo se interamente a favore del contribuente non c’è sanzione

Tempo di lettura: 1 minuto
Dichiarazione integrativa

Se l’integrativa è presentata per dedurre un costo e un reddito omesso e si evince maggiore credito, è considerata a favore del contribuente?

Ascolta la versione audio dell'articolo
Commenta Stampa

La Risoluzione n. 82 del 24 dicembre 2020 chiarisce un caso di dichiarazione integrativa a favore del contribuente e in particolare specifica che solo la presentazione di una dichiarazione integrativa interamente a favore del contribuente non è soggetta ad alcuna sanzione.

Il quesito riguardava la presentazione di dichiarazione integrativa al fine di:

  • dedurre un costo
  • e indicare un reddito originariamente omessi.

 Il contribuente domandava se qualora la dichiarazione chiudeva con un maggior credito, si potesse considerare la stessa come dichiarazione “a favore” del contribuente e, quindi, non essere assoggettata ad alcuna sanzione.

L’agenzia specifica che:

  1. solo la presentazione di una dichiarazione integrativa interamente a favore del contribuente non è soggetta ad alcuna sanzione.
  2. mentre è dovuta la sanzione amministrativa da 250 euro a 2.000 euro qualora la dichiarazione integrativa sia presentata per correggere errori od omissioni sia a favore che a sfavore del contribuente ed il risultato finale della stessa sia comunque rappresentato da un maggior credito.

In tale ipotesi, infatti, risulta la violazione sanzionata dall’articolo 8 del d.lgs. 471 del 1997 ossia violazioni relative al contenuto e alla documentazione delle dichiarazioni.

La stessa risoluzione specifica che le suddette considerazioni in merito alla assenza di sanzioni  valgono anche qualora il contribuente abbia erroneamente tassato, in via ordinaria, un canone di locazione da assoggettare al regime della cedolare secca.

Se il contribuente ha tenuto un comportamento coerente con la volontà di optare per il regime ex articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 e l’integrazione è limitata alla erronea tassazione (o, comunque, non sono indicati anche redditi originariamente omessi), non è dovuta alcuna sanzione.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Consolidato nazionale 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 64,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-03-02
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE