HOME

/

CONTABILITÀ

/

IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2020

/

BLOCCO DEGLI AMMORTAMENTI 2020 STERILIZZATO DA IMPOSTE DIFFERITE E IMPAIRMENT TEST

Blocco degli Ammortamenti 2020 sterilizzato da imposte differite e impairment test

Perdite durevoli di valore e imposte differite passive, rilevate in conseguenza del blocco degli ammortamenti, possono azzerare l’impatto positivo di questo sul bilancio 2020

In questo 2020, caratterizzato da una situazione emergenziale, da un punto di vista normativo assistiamo ad una stratificazione disorganica di leggi e norme, alcune transitorie altre no. Rientra in questo contesto tutta l’articolazione normativa emanata con l’intento di difendere i bilanci delle imprese italiane; a riguardo è stato possibile leggere norme in deroga e norme a regime, dalle più differenti caratteristiche, alcune con impatto solo civile altre con rilevanza anche fiscale: deroghe ai principi di redazione dei bilanci, agevolazioni per ricapitalizzazioni e rivalutazioni, deroghe agli obblighi in conseguenza di stati di crisi, e sicuramente se ne dimenticherà qualcuno.

Alcune di queste norme sono state, e sono tuttora, lungamente discusse, tra queste una di quelle che lascia le maggiori perplessità tecniche è quella che prevede la possibilità generalizzata di bloccare gli ammortamenti civilistici sul bilancio 2020, secondo le disposizioni del DL 104/2020, il cosiddetto decreto Agosto, come convertito dalla Legge 126/2020.

Non entreremo nel merito delle specificità tecniche dell’intervento legislativo, per il quale si rimanda ad un predente approfondimento sul tema: in questa sede si rileverà come il perno della misura, scritta, a quanto pare, senza guardare al un più ampio contesto rappresentato dalla tutte le norme che governano la redazione del bilancio d’esercizio, rischia di essere annullata.

La questione è facilmente sintetizzabile: il Legislatore ha previsto la possibilità di non rilevare gli ammortamenti civilistici sul bilancio 2020, modificando il piano di ammortamento originario, ma permette la deduzione fiscale di questi (anche senza transito dal Conto Economico) e nulla dice riguardo gli obblighi di verifica del valore delle immobilizzazioni.

La deducibilità fiscale, sia da Ires che da Irap, di un costo (gli ammortamenti) non rilevato in Conto economico, richiederà la rilevazione di variazioni in aumento in sede di calcolo delle imposte, con conseguente stanziamento in bilancio di imposte differite passive, che avranno l’effetto di annullare parzialmente il miglioramento del risultato d’esercizio, che si avrà grazie alla mancata rilevazione degli ammortamenti.

In base al Principio contabile OIC 9, dedicato alle “Svalutazioni per perdite durevoli di valore delle immobilizzazioni materiali e immateriali”, una società, in sede di redazione di bilancio di esercizio, dovrà valutare l’integrità del valore delle proprie immobilizzazioni (materiali e immateriali) e “se il valore recuperabile di un’immobilizzazione è inferiore al suo valore contabile, l’immobilizzazione si rileva a tale minor valore. La differenza è imputata nel Conto economico come perdita durevole di valore”. 

Si ricorda anche che, sempre in base al Principio contabile OIC 9, tra gli indicatori che possono suggerire che una attività possa aver subito una perdita durevole di valore, troviamo le seguenti situazioni:

  • “durante l’esercizio si sono verificate, o si verificheranno nel futuro prossimo, variazioni significative con effetto negativo per la società nell’ambiente tecnologico, di mercato, economico o normativo in cui la società opera o nel mercato cui un’attività è rivolta”;
  • “nel corso dell’esercizio si sono verificati significativi cambiamenti con effetto negativo sulla società, oppure si suppone che si verificheranno nel prossimo futuro, nella misura o nel modo in cui un’attività viene utilizzata o ci si attende sarà utilizzata. Tali cambiamenti includono casi quali: […] l’andamento economico di un’attività è, o sarà, peggiore di quanto previsto”.

Senza entrare nel campo specifico delle regole e delle modalità dell’effettuazione dell’impairment test, per il quale si rimanda allo specifico approfondimento, risulterà evidente come, per una società che si trovi in una crisi di operatività tale da trovare giovamento dal blocco degli ammortamenti per l’anno 2020, anno in cui non sarà difficile rilevare una situazione negativa per il mercato in cui l’impresa eserciti, sarà necessario effettuare l’impairment test delle proprie immobilizzazioni e difficile non dover rilevare in bilancio una parziale perdita durevole di valore.

Riassumendo, il bilancio 2020 di una azienda che si trovi in una situazione di crisi di operatività dovuta alla contingenza generale del suo mercato di riferimento, potrebbe godere dell’impatto positivo derivante dal blocco degli ammortamenti civilistici, ma questo sarà parzialmente sterilizzato dall’inevitabile stanziamento della fiscalità differita e potrebbe persino essere del tutto annullato dalla rilevazione delle perdite durevoli di valore in conseguenza dell’impairment test.

Qualcuno potrebbe obiettare che, in queste condizioni, l’impairment test potrebbe portare a delle perdite durevoli di valore a prescindere dal blocco degli ammortamenti, e questo è possibile, ma poiché, in base al Principio contabile OIC 9, “ai fini della verifica della recuperabilità delle immobilizzazioni, si confronta il loro valore recuperabile […] con il loro valore netto contabile iscritto in bilancio”, il quale risulterà maggiorato dalla mancata rilevazione degli ammortamenti civilistici, ciò renderà più probabile la rilevazione di una perdita durevole di valore, e in tal caso anche di maggiore entità rispetto a quella che si sarebbe rilevata con un valore netto contabile diminuito degli ammortamenti.

Per approfondimenti sul tema si vedano gli articoli:

Il blocco degli Ammortamenti civilistici nel Bilancio 2020

OIC 9: svalutazioni per perdite durevoli di valore

Per la formazione sulla Revisione  ti consigliamo i nostri Corsi accreditati per Revisori Legali e Revisori Enti Locali

Ti potrebbe interessare il Video Corso in differita-Principi contabili per bilancio

Tag: NUOVI PRINCIPI CONTABILI OIC NUOVI PRINCIPI CONTABILI OIC IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2020 IL BILANCIO D'ESERCIZIO 2020

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMPRESE EDILI · 22/09/2021 La valutazione delle rimanenze nelle imprese edili

La valutazione delle rimanenze dell'impresa edile nel 1° periodo di formazione e nei successivi

La valutazione delle rimanenze nelle imprese edili

La valutazione delle rimanenze dell'impresa edile nel 1° periodo di formazione e nei successivi

La Rendicontazione non finanziaria e il modello di Business sostenibile delle PMI

Rendicontazione non finanziaria rivolta agli investitori ora solo per le grandi società ma una proposta comunitaria intende abbassare i limiti dimensionali allargando la platea

Crediti d'imposta 2021: dove indicarli in bilancio?

Bilancio d'esercizio: crediti d'imposta e contributi in due voci diverse. Riepilogo su dove indicarli

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.