E Book

Autofatture (eBook 2022)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,92

E Book

Acquistare immobili all'asta (eBook)

14,90€ + IVA

IN SCONTO 15,90
HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA 2022

/

RESIDENTE ESTERO E ACQUISTO IMMOBILE IN ITALIA: UN CASO DI "APPARENTE" SECONDA CASA

Residente estero e acquisto immobile in Italia: un caso di "apparente" seconda casa

Come recuperare la maggiore imposta pagata per acquisto di immobile, configurabile come prima casa in Italia, da parte di cittadino non residente

Con Risposta a interpello n 462 del 12 ottobre 2020 l’agenzia delle entrate risponde ad un quesito in merito all’acquisto di seconda casa di un residente estero e sul'imposta sostitutiva pagata dallo stesso.

Secondo l'Agenzia l’emigrato estero che acquista un appartamento in Italia, il primo e unico, chiedendo un mutuo bancario e ha erroneamente versato sul finanziamento l’imposta sostitutiva del 2%, applicabile in questo caso per l’acquisto di una seconda casa, non può chiedere il rimborso di quanto pagato in più. L’unica possibilità per recupero è ritoccare il mutuo originario.

L’istante è cittadino italiano residente all’estero e correttamente iscritto all’AIRE Anagrafe Italiani residenti all’estero.

È residente fiscale in Olanda e non è proprietario di alcun immobile in Italia.

Nel 2020 ha acquistato un appartamento a scopo investimento dove NON sposterà la residenza, chiedendo un mutuo ipotecario alla banca.

La banca ha trattato la richiesta di mutuo come acquisto seconda casa mentre secondo il Notaio poteva essere considerata prima casa. 

Solo al rogito ci si è resi conto dell'"errore" e il contribuente ha dovuto pagare l'imposta sostitutiva.

L’istante domanda con interpello:

  • se ha diritto a recuperare l’imposta non dovuta
  • come recuperare la maggiore imposta nella eventualità che non sia dovuta
  • cosa scrivere nella dichiarazione dei redditi per evidenziare questa situazione

Egli prospetta di poter effettuare il recupero con un credito di imposta

L’agenzia risponde che legittimata a chiedere il rimborso è la banca erogatrice del mutuo che ai sensi dell’art 17 del DPR 601/73 applica l’imposta sostitutiva al posto dell’imposta di registro, bollo, ipotecaria e catastale e della tassa di concessione governativa per certe operazioni di finanziamento (ex art 15 e seguenti del DPR 601/73)

Inoltre evidenza che dal contratto di mutuo prodotto in sede di interpello si evince che il mutuatario ha dichiarato di aver chiesto il finanziamento per acquisto di immobile ad uso abitativo e pertinenze da adibire a seconda casa per cui non ricorrrono le condizioni di cui alla nota II-bis art 1 della tariffa annessa al DPR 131/86. 

Perciò ha pagato correttamente una imposta sostitutiva con aliquota del 2%

In base alle dichiarazioni rese dal contribuente non sussistono i presupposti per ottenere il rimborso.

Tuttavia, qualora il contribuente ritenga di essere nella condizione di poter fruire dell'applicazione dell'aliquota dello 0,25 per cento, in quanto il mutuo è finalizzato all'acquisto di un'abitazione c.d. 'prima casa', può rendere le relative dichiarazioni (previste dalla citata nota II-bis) con un atto di mutuo sostitutivo e modificativo di quello già presentato, secondo le medesime formalità giuridiche dell'atto originario.

Ti consigliamo:

Visita il  Focus dedicato alle Ristrutturazioni Edilizie, Superbonus 110%, Cessione del Credito in continuo aggiornamento

Allegato

Risposta a interpello del 12.10.2020 n. 462

Tag: AGEVOLAZIONI PRIMA CASA 2022 AGEVOLAZIONI PRIMA CASA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

Immobili da costruire: polizza standard in vigore dal 5 novembre

Modello di polizza standard per immobili da costruire: il costruttore, a pena di nullità, consegna al rogito la polizza indennitaria decennale

Credito d'imposta agevolazione prima casa: quando matura il diritto

Chiarimenti delle Entrate sul momento di maturazione del diritto al credito di imposta per l'acquisto della prima casa

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.