HOME

/

FISCO

/

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022

/

FATTURAZIONE DEGLI ACCONTI IN AMBITO EXTRA-UE

Fatturazione degli acconti in ambito extra-UE

Ai fini IVA l’incasso dell’acconto comporta l’onere per il cedente di emettere una fattura non imponibile art. 8

L'articolo 6 del DPR 633/1972 dispone che l’incasso di un acconto determina, ai fini dell’imposta sul valore aggiunto, effettuazione dell’operazione. Nella fattura a saldo, che scorta la merce in uscita dal territorio UE, deve essere esposto il valore totale dei beni in export.

Nelle cessioni con controparti extra-UE il cedente può decidere di richiedere il pagamento di un acconto (parziale o del 100%) all’ordine; si pensi all’ipotesi di un nuovo cliente o alle prime partite di merce relative ad un nuovo contratto, situazioni in cui il venditore italiano preferisce tutelarsi ed incassare subito il corrispettivo, onde evitare rischi di insolvenza da parte del cliente e l’avvio di incerte procedure di recupero delle somme spettanti, tantopiù se il cliente risiede in un paese terzo soggetto ad instabilità politica ed economica.

 Emissione della fattura

Gli acconti incassati relativi ad un’esportazione non sono soggetti ad imposta, in quanto sono da considerare giuridicamente e direttamente dipendenti da un unico contratto con la controparte, avente ad oggetto la cessione di beni in esportazione, regolata dall’articolo 8 del DPR 633/1972.

Pertanto, un soggetto passivo IVA italiano che conclude un contratto con un cliente extracomunitario nel mese di ottobre, richiedendo un acconto all’ordine, con consegna della merce resa DDP nel mese di dicembre, dovrà:

  • al momento dell’incasso delle somme spettanti (ottobre) emettere una fattura di acconto, annotando sul documento che trattasi di operazione “non imponibile” ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lett. a) del D.P.R. 633/1972
  • registrare la fattura nel registro delle vendite
  • al momento della spedizione (dicembre) emettere la fattura a saldo riepilogativa, senza addebito di alcun corrispettivo (ipotesi di acconto del 100%) o con addebito del conguaglio (acconto parziale), anch’essa non imponibile ai sensi dell’articolo 8, comma 1, lett. a) del D.P.R. 633/1972, recante l’esposizione delle somme pattuite e gli estremi della fattura di acconto emessa ante spedizione. La fattura a saldo deve riportare il valore totale della merce ai fini dell’espletamento delle corrette procedure doganali (il cliente extra-UE deve assolvere dazi ed IVA in import sul valore totale della merce acquistata).

 Si ricorda, infine, che le operazioni effettuate verso controparti estere non rientrano obbligatoriamente nel perimetro della fatturazione elettronica. Su base volontaria il contribuente può scegliere comunque di generare e trasmettere il file xml della e-fattura al Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle entrate: in tal caso, nel rispetto del nuovo tracciato xml della fatturazione elettronica – versione 1.6.1, obbligatorio dal 1° gennaio 2021 – sarà necessario compilare il campo “Natura operazione” con il “codice N3.1 non imponibili – esportazioni”.

Con riferimento al campo “Tipo documento”, per la fattura di acconto le specifiche richiedono l’esposizione del codice “TD02 – Acconto/anticipo su fattura”.

Tag: OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022 ADEMPIMENTI IVA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

OPERAZIONI INTRA ED EXTRA COMUNITARIE 2022 · 08/08/2022 Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Quando va presentato il modello INTRA 2022? Dietrofront con la conversione del dl 73/2022

Elenchi riepilogativi operazioni intracomunitarie (Intastat 2022): torna al 25 del mese successivo il termine di presentazione e nuove soglie per stabilire la periodicità di invio

Assonime: l’importanza del numero di identificazione IVA per le cessioni intra UE

L’iscrizione al VIES diviene requisito sostanziale per poter qualificare una cessione intracomunitaria come operazione non imponibile ai fini IVA

Esportazioni: il trattamento IVA dei servizi di trasporto

Esportazioni: quali servizi di trasporto connessi sono imponibili e quali no. I chiarimenti delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.