IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 17/08/2020

Acconti incassati da clienti UE: quando e come emettere la fattura

Tempo di lettura: 2 minuti
operazioni intracomunitarie

La gestione degli acconti in ambito intracomunitario cambia a seconda che trattasi di cessioni di beni o prestazioni di servizi

Commenta Stampa

Il cedente italiano che incassa un acconto da un cliente intra-UE, relativo ad una fornitura di beni, non è tenuto ad emettere la fattura di acconto

 

Gestione degli acconti ai fini IVA

In linea generale quando il venditore incassa un acconto (parziale o del 100%), ai fini IVA, l’operazione si considera effettuata, ossia il venditore ha l’onere di emettere una fattura relativa al corrispettivo incassato (articolo 6, DPR 633/1972).

Nei rapporti con l’estero, tale condizione trova applicazione:

  • per i servizi resi in ambito UE
  • per i servizi resi in ambito extra-UE
  • per le esportazioni

 

Fatturazione delle cessioni di beni in ambito intra-UE

La suddetta regola non trova applicazione per le cessioni di beni in ambito intracomunitario.

Dal 1° gennaio 2013 il cedente italiano che riceve il pagamento di un acconto (anche del 100%) dal proprio cessionario UE, relativo ad una fornitura di beni, non ha l’obbligo di emettere una fattura di acconto.

In altri termini, aver incassato in tutto o in parte il corrispettivo non determina effettuazione dell’operazione ai fini IVA.

 

In ogni caso il cedente nazionale potrebbe scegliere, su base volontaria, di emettere comunque una fattura di acconto; si pensi, ad esempio, al caso in cui il cliente comunitario richieda un giustificativo del pagamento effettuato a titolo di acconto. In tale circostanza, ai fini IVA, l’operazione si considera effettuata limitatamente all’importo fatturato e la fattura di acconto viene emessa come non imponibile IVA, ai sensi dell’articolo 41 DL 331/1993.

Tale fattura andrà riepilogata nell’esterometro (salvo emissione di una fattura di acconto elettronica, in formato xml) e non dovrà essere riepilogata nel modello Intrastat.

 

Ricordiamo che le operazioni intracomunitarie per le quali, anteriormente alla consegna o spedizione dei beni, sia stata emessa fattura o pagato in tutto o in parte il corrispettivo, devono essere comprese nel modello INTRA-1 bis con riferimento al periodo nel corso del quale è stata eseguita la consegna o spedizione dei beni per l’ammontare complessivo delle operazioni stesse (art. 50, comma 7, DL 331/1993).

 

Riepilogando, le cessioni intracomunitarie di beni si considerano effettuate all'atto dell'inizio del trasporto o della spedizione al cessionario comunitario; qualora il cedente nazionale emetta una fattura di acconto prima dell’inizio del trasporto o della spedizione dei beni, l’operazione si considera effettuata alla data della fattura, limitatamente all'importo fatturato (articolo 39, commi 1 e 2, DL 331/1993).

 

Nel caso in cui gli effetti traslativi o costitutivi della proprietà si producano in un momento successivo alla consegna, le operazioni si considerano effettuate nel momento in cui si producono tali effetti e comunque dopo il decorso di un anno dalla consegna; allo stesso modo, nel caso di beni trasferiti in dipendenza di contratti estimatori e simili, l'operazione si considera effettuata all'atto della loro rivendita a terzi o del prelievo da parte del ricevente ovvero, se i beni non sono restituiti anteriormente, alla scadenza del termine pattuito dalle parti e in ogni caso dopo il decorso di un anno dal ricevimento.

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Check list rilascio visto conformità superbonus 110%
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-11-15
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE