HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS

/

CURA ITALIA: IMPORTI DOVUTI A SEGUITO DI ACCERTAMENTO. LE ENTRATE CHIARISCONO

2 minuti, Redazione , 23/03/2020

Cura Italia: importi dovuti a seguito di accertamento. Le Entrate chiariscono

Decreto Cura Italia 2020: pagamento degli importi dovuti a seguito di accertamenti esecutivi. Primi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate in una nuova circolare

Continuano i chiarimenti da parte dell'Agenzia delle Entrate in merito alle numerose novità introdotte dal DL 18/2020 (cd. Decreto Cura Italia). Infatti, l'articolo 29 del DL in commento prevede la sospensione dei termini per il pagamento degli importi dovuti in relazione alla notifica di avvisi di accertamento cosiddetti esecutivi. Il contribuente destinatario di un accertamento esecutivo può decidere entro il termine di presentazione del ricorso, ossia ordinariamente entro 60 giorni dalla ricezione dell’atto, se:

  • effettuare il pagamento prestando acquiescenza al medesimo atto, usufruendo della riduzione delle sanzioni ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218 e rinunciand oall’impugnazione; oppure
  • proporre ricorso in Commissione tributaria versando gli importi dovuti a titolo di riscossione provvisoria in pendenza di giudizio.

Una volta decorso il termine per l’impugnazione, l’atto diventa titolo esecutivo e, decorsi ulteriori trenta giorni, in caso di mancato pagamento o, in caso di impugnazione, per la partenon pagata a titolo provvisorio, la riscossione delle somme dovute avviene tramite affidamento in carico all’agente della riscossione.

Nella circolare 5 del 20 marzo 2020 l'Agenzia delle Entrate ha ricordato che l’articolo 83, comma 2, del  DL Cura Italia ha disposto anche la sospensione dal 9 marzo al 15 aprile 2020 del termine per la notifica del ricorso in primo grado innanzi alle Commissioni tributarie. Ne comporta anche la sospensione del termine per il versamento degli importi recati dall’avviso di accertamento dovuti:

  • in sede di acquiescenza all’atto ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218; oppure
  • in caso di impugnazione, a titolo di versamento provvisorio in pendenza di giudizio.

In altri termini, per gli avvisi di accertamento cosiddetti esecutivi, il cui termine per la presentazione del ricorso era ancora pendente alla data del 9 marzo resta sospeso anche il relativo termine di pagamento e lo stesso ricomincia a decorrere dal 16 aprile; ad esempio, per un atto notificato il 10 febbraio, il termine per ricorrere: resta sospeso dal 9 marzo al 15 aprile, riprende a decorrere dal 16 aprile, per poi scadere il 18 maggio. Inoltre, per gli avvisi notificati nel predetto intervallo temporale, l'inizio del decorso del termine per ricorrere, nonché del termine per il pagamento è differito alla fine del periodo di sospensione; ad esempio, per un atto notificato il 10 marzo, il termine ordinario di sessanta giorni per la presentazione del ricorso e per il pagamento decorre dal 16 aprile.

Pertanto la sospensione del termine per i versamenti derivanti dagli «avvisi previsti dall’art. 29 del DL n. 78 del 2010», cui fa riferimento l’articolo 68, va riferita solo ai termini per il versamento degli importi degli avvisi di accertamento esecutivo dovuti successivamente all’affidamento in carico all’agente della riscossione degli importi non pagati.

Si osserva, peraltro, che - a seguito dell’affidamento delle somme in carico all’agente della riscossione - non è immediatamente individuabile un termine di versamento delle stesse cui applicare la sospensione recata dall’articolo 68.  In linea generale l’esecuzione forzata da parte dell’agente della riscossione resta comunque sospesa per un periodo di  centottanta giorni dall'affidamento e che, anche a seguito della comunicazione di presa incarico inviata dall’agente al debitore, non è previsto un termine di versamento, la sospensione dei “termini di versamento” recata da ultimo dall’articolo 68 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 in relazione agli accertamenti cosiddetti esecutivi si intende riferita ai versamenti dovuti dal contribuente relativamente ai carichi affidati per i quali lo stesso si è avvalso della modalità di pagamento dilazionato.

Allegato

Circolare Agenzia delle Entrate 5 del 20.03.2020

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 22/10/2021 Decreto Fiscale: in GU il DL n 146 collegato alla legge di bilancio 2022

Decreto fiscale: più tempo per le cartelle, 100 milioni per l'acquisto di auto ecologiche, riammissione nei termini dei decaduti da rottamazione ter e saldo e stralcio

Decreto Fiscale: in GU il DL n 146 collegato alla legge di bilancio 2022

Decreto fiscale: più tempo per le cartelle, 100 milioni per l'acquisto di auto ecologiche, riammissione nei termini dei decaduti da rottamazione ter e saldo e stralcio

Eco-bonus auto 2021: pubblicato il decreto con 100 milioni per il fondo automotive

Il fondo automotive per l'acquisto di veicoli non inquinanti rifinanziato con 100 milioni per il 2021. Vediamo la ripartizioni dei fondi per i bonus auto.

Green pass: procedura, novità e  fac simili per i datori di lavoro

Vademecum aggiornato per il datore di lavoro e fac simile dei documenti per l'obbligo di green pass dei lavoratori: avvisi, delega controlli, procedura modalità organizzative

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.