HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

REATI TRIBUTARI: LA SOCIETÀ PUÒ OTTENERE IL RISARCIMENTO DAL SUO AMMINISTRATORE

2 minuti, Redazione , 30/01/2020

Reati tributari: la società può ottenere il risarcimento dal suo amministratore

La Cassazione stabilisce che l’amministratore risponde dei danni per dichiarazione fraudolenta nei confronti della società che è parte civile nel processo penale

L’amministratore che ha agito in nome e per conto di una società, risponde dei danni cagionati a quest’ultima, come conseguenza dei reati tributari commessi dallo stesso.

Anche se la persona offesa dai reati tributari (cioè il titolare dell’interesse protetto) è l’Agenzia delle Entrate, la società, che sia stata a sua volta danneggiata dalle condotte poste in essere dall’amministratore, può costituirsi parte civile nel processo penale e ottenere il risarcimento dei danni subiti.

Ciò è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, con il principio di diritto espresso nella recente Sentenza n. 3458 del 18.11.2019 (consultabile nel file allegato).

Nella vicenda in esame, il presidente del cda di una Spa, viene condannato in primo grado e in appello al risarcimento dei danni nei confronti della società, per aver commesso i reati tributari di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (cfr. artt. 2 e 8, D.Lgs. 74/2000).

La Corte di Cassazione, ha poi confermato la condanna dell’imputato rigettando il ricorso avanzato dallo stesso nella parte in cui lamentava l’illegittimità della società a costituirsi in giudizio come parte civile.

Per meglio comprendere la vicenda, si ricorda che i reati tributari commessi dall’amministratore tutelano la trasparenza fiscale e la corretta percezione dei tributi.

Conseguentemente l’imputato ha sostenuto che nessun danno poteva ravvisarsi in capo alla società a seguito delle proprie condotte e che solo l’Agenzia delle Entrate potesse agire in giudizio nei suoi confronti.

Tale ricostruzione è stata ritenuta errata da parte dei giudici di merito e anche dalla Suprema Corte che, al contrario hanno ritenuto che l’Agenzia delle Entrate:

  • è la persona offesa dai reati tributari commessi, in quanto titolare dell’interesse protetto;
  • è titolare effettivo del rapporto dedotto in causa, che attiene al merito della lite;

nonostante ciò, la società è titolare del potere di promuovere un giudizio con riferimento al rapporto sostanziale dedotto in causa e sulla base dei fatti idonei a fondare il diritto azionato.

Ciò significa che, anche altri soggetti, a prescindere dall’Agenzia delle Entrate possono aver subito danni come conseguenza dei reati commessi dall’amministratore.

In particolare la società è vittima di:

  • un danno patrimoniale dovuto al pagamento delle sanzioni e degli interessi per la commissione delle condotte illecite da parte del proprio legale rappresentante;
  • un potenziale danno all’immagine a seguito delle azioni commesse in nome e per conto della stessa che ne compromettono l'affidabilità e la reputazione.

L’amministratore è colpevole e risponde (anche a titolo extracontrattuale) per:

  • non aver rispettato i propri obblighi stabiliti nel contratto di mandato;
  • non aver agito con la diligenza del buon padre di famiglia:
  • non aver chiesto il consenso degli azionisti prima di agire.

Le conseguenze dannose delle sue condotte sono quindi ricadute sul patrimonio della società che ha subito un illecito ed è quindi pienamente legittimata ad agire in giudizio (come parte civile) per ottenere il risarcimento.

Allegato

Cass.penale 3458 del 18.11.19

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.