HOME

/

FISCO

/

LEGGE DI BILANCIO 2023

/

ACE 2020: RIPRISTINATA L'ACE NELLA LEGGE DI BILANCIO 2020

2 minuti, Redazione , 09/01/2020

ACE 2020: ripristinata l'ACE nella Legge di bilancio 2020

Legge di bilancio 2020: reintrodotta l'ACE (Aiuto alla Crescita Economica) Ritoccata l'aliquota per il calcolo all'1,3%

Ascolta la versione audio dell'articolo

Per la serie "a volte ritornano" ecco che si rivede l'ACE.  La Legge di bilancio 2020 (L. 160/2019) al comma 287 dell'articolo unico reintroduce l'ACE e fissa l'aliquota percentuale per il calcolo del rendimento nazionale del nuovo capitale proprio all'l,3 per cento. Il coefficiente di deduzione scende così dall'1,5% previsto per il 2018 all'1.3% previsto per il 2019 e per gli anni a seguire. 

In particolare la norma ripristina, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2018 (in sostanza, dal 2019), l'applicazione del cd. meccanismo fiscale di aiuto alla crescita economica - ACE abrogato dalla legge di bilancio 2019. La disciplina viene ripristinata attraverso l'abrogazione espressa delle disposizioni che avevano soppresso la disciplina dell'ACE, per sostituirla con diverse misure di incentivo alle imprese, legato al reinvestimento degli utili. La disciplina pertanto non è stata modificata dalla Legge di bilancio, pertanto è possibile "appoggiarsi" su prassi consolidate nel tempo e sulle indicazioni fornite dall'Agenzia delle Entrate in questi anni.

La reintroduzione dell'ACE (Aiuto alla Crescita Economica) il cui scopo è incentivare la patrimonializzazione delle imprese, permette di prendere in considerazione gli incrementi patrimoniali effettuati dal 2011 al 2018.  Il beneficio ACE (Aiuto alla Crescita Economica), previsto sia per i soggetti Ires che per i soggetti Irpef, va indicato nella dichiarazione dei redditi compilando il quadro RS. Per quanto riguarda i soggetti IRPEF, possono beneficiare dell’ACE le imprese individuali e le società di persona in contabilità ordinaria per obbligo o per opzione.

Com'è noto l'agevolazione ACE “trasforma” in una deduzione dal reddito complessivo netto, parte dell’incremento di capitale proprio dell’impresa moltiplicato per un coefficiente fissato annualmente dal governo. 

Il calcolo dell'importo deducibile si effettua a partire dalla sommatoria dei componenti che hanno inciso positivamente (conferimenti, utili accantonati) e negativamente (riduzioni di patrimonio con attribuzione ai soci, acquisti di partecipazioni in società controllate, acquisti di aziende o rami di aziende) sul capitale. Il risultato viene confrontato con il patrimonio netto contabile risultante dal bilancio di esercizio, determinando l'incremento patrimoniale che costituisce la base di calcolo dell'ACE. L’importo deducibile viene quindi individuato moltiplicando tale base per un’aliquota percentuale, che viene fissata all'1,3 per cento dall'articolo in esame.

Pertanto il beneficio è il seguente: su 100.000 di incrementi patrimoniali per le imprese, la percentuale dell'1,3% non viene sottoposta a tassazione (1.300 euro).

Tag: LEGGE DI BILANCIO 2023 LEGGE DI BILANCIO 2023

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

PACE FISCALE 2023 · 03/02/2023 Liti pendenti con le Entrate: modello e istruzioni per definizione agevolata

Provvedimento delle entrate con modello per presentare entro il 30.06 domanda di definizione agevolata liti pendenti con l'agenzia

Liti pendenti con le Entrate: modello e istruzioni per definizione agevolata

Provvedimento delle entrate con modello per presentare entro il 30.06 domanda di definizione agevolata liti pendenti con l'agenzia

Opzione donna 2023:  domande al via

Aggiornata la piattaforma per le domande per la pensione anticipata Opzione Donna con la proroga e i nuovi requisiti restrittivi della legge di bilancio 2023

LIPE: si alla sanatoria col 3% delle sanzioni

I chiarimenti di Giorgetti sulle LIPE durante il question time del 1 febbraio

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.